Il dono della fedeltà: cosa significa essere onesti

Sta diventando sempre più difficile nel mondo di oggi fidarsi di qualcosa o di qualcuno, per una buona ragione. C’è poco che sia stabile, sicuro su cui contare, affidabile. Viviamo in un mondo in cui tutto è in evoluzione, in cui ovunque osserviamo diffidenza, valori abbandonati, credenze ridimensionate, persone che si spostano da dove erano un tempo, informazioni contraddittorie e disonestà e bugie viste come socialmente e moralmente accettabili. C’è poco di fiducia nel nostro mondo.

A cosa ci chiama questo? Siamo chiamati a molte cose, ma forse niente di più importante della fedeltà: essere onesti e perseveranti in ciò che siamo e ciò che rappresentiamo.

Ecco un’illustrazione. Uno dei nostri missionari Oblati condivide questa storia. Fu inviato come ministro in un gruppo di piccole comunità indigene nel nord del Canada. La gente era molto gentile con lui, ma non gli ci volle molto per notare qualcosa. Ogni volta che fissava un appuntamento con qualcuno, la persona non si presentava.

Inizialmente, ha attribuito questo a una cattiva comunicazione, ma alla fine si è reso conto che il modello era troppo coerente per essere un incidente e quindi si è avvicinato a un anziano della comunità per un consiglio.

“Ogni volta che prendo un appuntamento con qualcuno”, ha detto all’anziano, “non si fanno vedere.”

L’anziano sorrise consapevolmente e rispose: “Certo che non si faranno vedere. L’ultima cosa di cui hanno bisogno è avere un estraneo come te che organizza le loro vite per loro! ”

Quindi il missionario chiese: “Cosa devo fare?”

L’anziano rispose: “Bene, non prendere un appuntamento. Presentati e parla con loro. Saranno gentili con te. Ancora più importante, però, questo è ciò che devi fare: rimanere qui a lungo e poi si fideranno di te. Vogliono vedere se sei un missionario o un turista.

“Perché dovrebbero fidarsi di te? Sono stati traditi e mentiti da quasi tutti quelli che sono venuti qui. Resta a lungo e poi si fideranno di te. “

Cosa significa restare a lungo? Possiamo rimanere in giro e non necessariamente ispirare fiducia, così come possiamo passare ad altri luoghi e comunque ispirare fiducia. Nella sua essenza, rimanere in giro per la durata, essere fedeli, ha meno a che fare con il non spostarsi mai da una data posizione di quanto non abbia a che fare con il rimanere degni di fiducia, rimanendo fedeli a ciò che siamo, al credo a cui professiamo, a gli impegni e le promesse che abbiamo fatto, e ciò che è più vero in noi in modo che le nostre vite private non credano alla nostra persona pubblica.

Il dono della fedeltà è il dono di una vita vissuta onestamente. La nostra onestà privata benedice l’intera comunità, così come la nostra disonestà privata fa male all’intera comunità. “Se sei qui fedelmente”, scrive l’autore Parker Palmer, “porti grandi benedizioni”. Al contrario, scrive il poeta persiano del 13 ° secolo Rumi, “Se sei qui infedele, porti grandi danni”.

Nella misura in cui siamo fedeli al credo che professiamo, alla famiglia, agli amici e alle comunità in cui ci siamo impegnati, e ai più profondi imperativi morali all’interno della nostra anima privata, a quel livello siamo fedeli agli altri e a quel grado “stiamo con loro per molto tempo”
.
È vero anche il contrario: nella misura in cui non siamo fedeli al credo che professiamo, alle promesse che abbiamo fatto agli altri e all’onestà innata nella nostra anima, siamo infedeli, ci allontaniamo dagli altri, essere il turista non il missionario.

Nella sua Lettera ai Galati, San Paolo ci dice cosa significa stare insieme, vivere l’uno con l’altro oltre la distanza geografica e altre contingenze nella vita che ci separano. Siamo con ciascuno, fedelmente come fratelli e sorelle, quando viviamo in carità, gioia, pace, pazienza, bontà, longanimità, mitezza, perseveranza e castità. Quando viviamo all’interno di questi, allora “stiamo gli uni con gli altri” e non ci allontaniamo, indipendentemente dalla distanza geografica tra di noi.

Viceversa, quando viviamo al di fuori di questi, non “stiamo gli uni con gli altri”, anche quando non c’è distanza geografica tra di noi. La casa, come ci hanno sempre detto i poeti, è un posto nel cuore, non un posto su una mappa. E la casa, come ci dice San Paolo, vive nello Spirito.

È questo, credo, che alla fine definisce la fedeltà e la perseveranza, separa un missionario morale da un turista morale e indica chi soggiorna e chi si allontana.

Perché ognuno di noi rimanga fedele, abbiamo bisogno l’uno dell’altro. Ci vuole più di un villaggio; ci prende tutti. La fedeltà di una persona rende più facile la fedeltà di tutti, così come l’infedeltà di una persona rende più difficile la fedeltà di tutti.

Quindi, all’interno di un mondo così altamente individualista e sorprendentemente transitorio, quando può sembrare che tutti si stiano allontanando per sempre da te, forse il dono più grande che possiamo darci è il dono della nostra fedeltà, per rimanere a lungo .

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

Santità e Santi :chi sono?

Santità e Santi :chi sono?