Il dono della perseveranza: la chiave della fede

Non sono uno di quegli oratori motivazionali che possono sollevarti così in alto che devi guardare in basso per vedere il paradiso . No, sono più pratico. Sai, quello che ha cicatrici da tutte le battaglie, eppure ha vissuto per raccontarle.

Ci sono innumerevoli storie sul potere della perseveranza e sulla vittoria che arriva attraverso il dolore. E vorrei poter già essere in cima a quella montagna con le braccia alzate, guardando in basso e meravigliandomi degli ostacoli che ho superato. Ma trovandomi da qualche parte lungo il fianco di quella montagna, ancora arrampicandomi, ci deve essere qualche merito nel pensare almeno di vedere la cima!

Siamo i genitori di un giovane adulto con bisogni speciali. Adesso ha 23 anni e la perseveranza in lei è davvero qualcosa da stupire.

Amanda è nata 3 mesi prima, a 1 libbra, 7 once. Questo è stato il nostro primo figlio, e ho trascorso solo 6 mesi, quindi il pensiero che avrei potuto iniziare il travaglio in questa fase iniziale non mi è nemmeno venuto in mente. Ma dopo 3 giorni di lavoro eravamo i genitori di questa piccola persona che stava per cambiare il nostro mondo più di quanto potessimo mai immaginare.

Notizie di arresto del cuore
Mentre Amanda cresceva lentamente, iniziarono i problemi medici. Ricordo di aver ricevuto chiamate dall’ospedale che ci dicevano di venire subito. Ricordo innumerevoli interventi chirurgici e infezioni, e poi è venuto il cuore fermando la prognosi dai medici. Dissero che Amanda sarebbe stata legalmente cieca, forse sorda e probabilmente avrebbe avuto una paralisi cerebrale. Questo non era certamente quello che avevamo programmato e non avevamo idea di come affrontare questo tipo di notizie.

Quando finalmente l’abbiamo portata a casa a ben 4 sterline, 4 once, l’ho vestita con abiti di toppa di cavolo perché erano i vestiti più piccoli che potessi trovare. E sì, era carina.

Graziato con i regali
Circa un mese dopo che era a casa, notammo che era in grado di seguirci con gli occhi. I dottori non potevano spiegarlo perché la parte del suo cervello che controlla la sua vista è sparita. Ma vede comunque. E anche lei cammina e sente normalmente.

Ovviamente, ciò non significa che Amanda non abbia avuto la sua giusta dose di problemi di salute, apprendimento di blocchi stradali e ritardi mentali. Ma tra tutte quelle cose è stata onorata con due doni.

Il primo è il suo cuore per aiutare gli altri. È il sogno di un datore di lavoro in questo senso. Non è una leader, ma una volta appreso il compito da svolgere, lavorerà sodo per aiutare coloro che lo sono. Ha un lavoro facendo servizio clienti insaccando la spesa in un negozio di alimentari. Fa sempre le piccole cose extra per le persone, specialmente quelle che pensa stiano lottando.

Amanda ha sempre avuto un posto speciale nel suo cuore per le persone su sedia a rotelle. Da quando frequentava la scuola elementare, ha naturalmente avuto un effetto brillante su di loro e può sempre essere vista spingere le persone su sedia a rotelle.

Il dono della perseveranza
Il secondo dono di Amanda è la sua capacità di perseverare. Perché è diversa, è stata presa in giro e vittima di bullismo a scuola. E devo dire che ha sicuramente messo a dura prova la sua autostima. Naturalmente siamo entrati e abbiamo aiutato tutto ciò che potevamo, ma ha perseverato e ha continuato ad andare avanti.

Quando il nostro college locale le disse che non sarebbe stata in grado di frequentare perché non era in grado di soddisfare gli standard accademici di ammissione di base, aveva il cuore spezzato. Ma lei voleva ottenere una sorta di allenamento, ovunque doveva andare. Ha frequentato una struttura del Job Corps nel nostro stato e anche se ha attraversato momenti molto difficili lì, ha ricevuto il suo certificato nonostante loro.

Il sogno di Amanda è diventare una suora, quindi vivere da sola è il suo primo passo. Di recente si è trasferita da casa nostra perché vuole provare a vivere nel suo appartamento. Sa che ha più ostacoli da superare mentre lavora verso il suo obiettivo. Molte comunità non accetteranno qualcuno con bisogni speciali, quindi è determinata a mostrare loro che ha molti regali da offrire se le daranno solo una possibilità.

Scalare la montagna
Ricordi quando ho detto che sono da qualche parte sul lato della montagna cercando di vedere la cima? Non è facile guardare i tuoi bisogni speciali che i bambini lottano per tutta la vita. Ho sentito ogni male, ogni delusione e persino rabbia verso ogni persona che ha deluso la nostra bambina.

Dover raccogliere tuo figlio quando cadono e farli andare avanti è qualcosa che ogni genitore deve affrontare. Ma prendere in braccio un bambino con bisogni speciali solo per rimandarlo in un mondo meno che amichevole è la cosa più difficile che abbia mai fatto.

Ma il desiderio di Amanda di andare avanti, continuare a sognare e continuare a spingere in avanti in qualche modo sembra meno difficile. Sta già facendo più di quanto chiunque abbia mai sognato e saremo così eccitati quando finalmente realizzerà i suoi sogni.

Articoli correlati