Il fondo di emergenza COVID-19 per le chiese orientali distribuisce 11,7 milioni di dollari in aiuti

Con un ente di beneficenza nordamericano come principale collaboratore, il fondo di emergenza COVID-19 della Congregazione per le Chiese orientali ha distribuito più di 11,7 milioni di dollari in aiuti, compresi cibo e ventilatori ospedalieri in 21 paesi in cui vivono membri delle chiese cattoliche orientali.

La congregazione ha pubblicato il 22 dicembre un dossier sui progetti che ricevono aiuti da quando è stato annunciato il fondo di emergenza ad aprile. Le agenzie capofila del fondo speciale sono la Catholic Near East Welfare Association con sede a New York e la Pontificia Missione per la Palestina.

Il fondo di emergenza ha ricevuto denaro e beni da enti di beneficenza cattolici e conferenze episcopali che sostengono regolarmente i progetti individuati dalla congregazione. Tra questi il ​​CNEWA, ma anche il Catholic Relief Services con sede negli Stati Uniti, la Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, la conferenza episcopale italiana, Caritas Internationalis, Aid to the Church in Need, i vescovi tedeschi Renovabis e altri enti di beneficenza cattolici in Germania e Svizzera. .

Il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della congregazione, ha consegnato il dossier a papa Francesco il 21 dicembre.

“È un segno di speranza in questo momento terribile”, ha detto il cardinale a Vatican News il 22 dicembre. “È stato uno sforzo della congregazione e di tutte le agenzie che stanno aiutando le nostre chiese in questo momento. Stiamo parlando di un’autentica armonia, una sinergia, un’eccezionale unità da parte di queste organizzazioni con una certezza: insieme possiamo sopravvivere a questa situazione “.

La più grande somma di denaro, più di 3,4 milioni di euro ($ 4,1 milioni) è andata a persone e istituzioni in Terra Santa – Israele, territori palestinesi, Gaza, Giordania e Cipro – e includeva la fornitura di ventilatori, test COVID-19 e altri forniture agli ospedali cattolici, borse di studio per aiutare i bambini a frequentare scuole cattoliche e aiuti alimentari diretti a centinaia di famiglie.

I prossimi paesi sulla lista erano Siria, India, Etiopia, Libano e Iraq. Gli aiuti distribuiti includevano riso, zucchero, termometri, maschere per il viso e altre forniture vitali. Il fondo ha anche aiutato alcune diocesi ad acquistare le attrezzature necessarie per trasmettere o trasmettere liturgie e programmi spirituali.

Gli aiuti sono andati anche ad Armenia, Bielorussia, Bulgaria, Egitto, Eritrea, Georgia, Grecia, Iran, Kazakistan, Macedonia, Polonia, Romania, Bosnia-Erzegovina, Turchia e Ucraina

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera