Il museo di Baltimora mette in mostra il messale medievale usato da San Francesco d’Assisi

Più di otto secoli fa, San Francesco d’Assisi e due compagni aprirono casualmente un libro di preghiere tre volte nella loro chiesa parrocchiale di San Nicolò in Italia.

Sperando che Dio mandasse loro un messaggio, i giovani ricchi hanno consultato il manoscritto in preghiera una volta per ogni persona della Santissima Trinità.

Sorprendentemente, ciascuno dei tre passaggi del Vangelo su cui sono atterrati conteneva esattamente lo stesso comando: rinunciare ai beni terreni e seguire Cristo.

Prendendo a cuore le parole, San Francesco stabilì una regola di vita che governava quello che sarebbe diventato il suo Ordine dei Frati Minori. I francescani hanno abbracciato la povertà radicale per avvicinarsi a Cristo ed evangelizzare anche gli altri.

Lo stesso libro che ha ispirato San Francesco nel 1208 dovrebbe ispirare migliaia di altri, poiché il Walters Art Museum di Baltimora lo espone per la prima volta in pubblico tra 40 anni, dal 1 febbraio al 31 maggio.

Il restaurato Messale di San Francesco, un manoscritto del XII secolo che San Francesco d’Assisi consultò mentre discerneva la sua vita spirituale, sarà esposto al Walters Art Museum di Baltimora dal 1 febbraio al 31 maggio.

Il messale latino, che contiene letture evangeliche e preghiere usate durante la messa, è stato sottoposto a uno scrupoloso sforzo di conservazione di due anni volto a riparare secoli di usura.

Il messale, particolarmente amato dai cattolici, non è solo un manufatto storico. Poiché è stato toccato da un santo, è anche considerato da molti una reliquia religiosa.

“Questo è il nostro manoscritto più richiesto”, ha dichiarato Lynley Herbert, curatrice di libri e manoscritti rari al Walters.

Herbert ha osservato che i francescani di tutto il mondo hanno visitato i Walters nel corso dei decenni per intravedere il libro riccamente illuminato. A causa del suo significato per la comunità francescana, i Walters gli hanno permesso di vederlo anche quando le fragili condizioni del manoscritto lo impedivano alla pubblica esposizione.

“Siamo diventati un luogo di pellegrinaggio”, ha spiegato Herbert. “Sono contattato probabilmente mensilmente, se non settimanalmente, con richieste di vedere questo libro.”

Herbert disse che il messale fu commissionato per la Chiesa di San Nicolò ad Assisi. Un’iscrizione all’interno del manoscritto indica che il donatore del libro visse ad Assisi negli anni 1180 e 1190.

“Il manoscritto è stato probabilmente realizzato poco prima del 1200”, ha detto alla Catholic Review , il punto di riferimento dei media dell’Arcidiocesi di Baltimora. “Nel 15 ° secolo, ha dovuto essere rimbalzato perché probabilmente la rilegatura ha iniziato a cadere dopo così tanti secoli di utilizzo.”

Si ritiene che il Messale di San Francesco sia stato ospitato a San Nicolò fino a quando un terremoto non ha danneggiato la chiesa nel XIX secolo. I manufatti della chiesa furono quindi dispersi e la chiesa fu demolita. Tutto ciò che rimane oggi è la cripta della chiesa.

Henry Walters, la cui collezione d’arte divenne la base del Walters Art Museum, acquistò il Messale di San Francesco da un commerciante d’arte nel 1924, secondo Herbert.

Quandt ha affermato che la sfida principale è stata la riparazione di assi di faggio di legno del XV secolo che hanno contribuito a tenere insieme il libro. Le assi e alcune pagine della pergamena erano state attaccate molto tempo fa dagli insetti e avevano lasciato molti buchi, ha detto.

Quandt e Magee rimossero le assi e misero il libro pagina per pagina. Hanno riempito i buchi con un adesivo speciale per rafforzare il legno, riparato le pagine e sostituito il dorso in pelle con nuova pelle. L’intero manoscritto è stato stabilizzato e ricucito insieme.

Nel lavorare al progetto, i conservatori hanno scoperto che a differenza di quanto ci si potrebbe aspettare in un manoscritto così elaborato, la foglia d’oro non è stata usata nel Messale di San Francesco. Gli scribi che illuminavano le pagine della pergamena usavano invece una foglia d’argento che era smaltata con un tipo di vernice che la faceva sembrare oro.

Usando luci ultraviolette e infrarosse, il team di Walters notò anche alcuni errori che gli scribi avevano commesso nella produzione del libro di preghiere: mancavano una parola, una frase o persino interi paragrafi mentre copiavano testi sacri.

“Tipicamente, lo scriba prendeva semplicemente il suo coltello da penna e graffiava molto, molto attentamente la superficie (della pergamena) per rimuovere la lettera o la parola errata”, ha detto Quandt. “E poi avrebbero scritto su di esso.”

Mentre i conservatori lavoravano alla conservazione del manoscritto, ogni pagina è stata digitalizzata in modo che chiunque abbia accesso a Internet in tutto il mondo possa visualizzare e studiare il libro. Sarà disponibile attraverso la pagina web Ex-Libris di Walters, https://manuscripts.thewalters.org , cercando “Il Messale di San Francesco”.

La mostra presenterà anche molti altri oggetti, tra cui dipinti, avori e ceramiche di diversi periodi di tempo, mettendo in evidenza “diversi aspetti dell’effetto a catena di questo manoscritto nel tempo e come influisce su persone diverse”, ha detto Herbert.

Oltre agli articoli relativi al contributo di San Francesco al movimento francescano, ci saranno oggetti collegati a Santa Chiara, la prima donna a seguire San Francesco, e Sant’Antonio da Padova, che si concentrò sulla predicazione e la diffusione del Messaggio francescano, ha detto Herbert.

“C’è anche un caso che si concentrerà sulla devozione privata e sui francescani secolari”, ha detto.

Herbert notò che il messale stesso ha tre pagine piene di illuminazioni colorate, tra cui un’elaborata rappresentazione della Crocifissione che mostra Cristo sulla croce con due angeli in alto. Maria e San Giovanni l’Amato sono al suo fianco.

La mostra gratuita, sponsorizzata in parte dall’Arcidiocesi di Baltimora, stava debuttando con il libro aperto su uno dei tre passaggi del testo evangelico letti da San Francesco nel 1208. A metà della mostra, la pagina verrà girata su uno degli altri passaggi San Francesco leggeva.

“Quando il manoscritto è stato mostrato in passato, è sempre stato aperto a una delle illuminazioni – che in realtà sono piuttosto adorabili”, ha detto Herbert. “Ma ci abbiamo pensato a lungo e abbiamo deciso che sarebbe stato più significativo per le persone venire a vederlo per questa mostra se avessimo mostrato le aperture con cui San Francesco potrebbe effettivamente aver interagito.”

Matysek è redattore digitale per l’arcidiocesi di Baltimora.

Articoli correlati