Il Natale è un momento per perseguire la pace, la riconciliazione, dice il patriarca iracheno

In un messaggio natalizio inteso a consolare il suo popolo, il capo della più grande comunità cattolica in Iraq ha delineato l’agenda del prossimo viaggio del papa, indicando due strade che il Paese può intraprendere mentre cerca di rimettere insieme i pezzi di una nazione distrutta .

Nel suo messaggio del 22 dicembre, il cardinale Luis Raphael Sako, patriarca di Babilonia dei Caldei, ha detto che il messaggio che Gesù ha insegnato ai suoi seguaci è che “Dio è il Padre di tutta l’umanità e che siamo fratelli di una famiglia”.

Indicando l’enciclica di Papa Francesco sulla fraternità umana Fratelli Tutti , pubblicata a ottobre, Sako ha accolto il messaggio del documento, che ha detto è “essere fratelli sinceri piuttosto che combattere l’un l’altro”.

Applicando questo al suo territorio, Sako ha detto: “Cristiani e musulmani dovrebbero lasciare da parte le loro differenze, amarsi e servirsi a vicenda come membri della famiglia”.

“Uniamoci come una squadra per cambiare la nostra situazione e superare queste crisi e dare la priorità alla nostra patria, nel rispetto reciproco che consolida i valori di convivenza”, ha detto, dicendo che l’Iraq è attualmente “al bivio che deve affrontare i più sfida difficile. “

In questo momento, i cittadini di ogni estrazione e credo religioso, ha detto, hanno una scelta da fare: “o riprendere le nostre relazioni su buoni principi per ricostruire il nostro paese su regole solide, o la tempesta ci porterà al peggio!”

Il messaggio di Sako è particolarmente potente nell’attuale clima iracheno.

Gli stessi cristiani iracheni hanno subito decenni di discriminazione e persecuzione per mano di gruppi radicali come Al Qaeda e ISIS, una realtà complessa aggravata da una terribile crisi economica nazionale aggravata dalla pandemia di coronavirus.

Con un sistema sanitario indebolito, ampie porzioni della popolazione ancora sfollate e con la povertà e le tensioni geopolitiche in aumento, molti temono la stabilità a lungo termine dell’Iraq.

I cristiani stessi stanno emigrando all’estero o meditando su come trasferirsi in una terra dove per decenni sono stati trattati come cittadini di seconda classe.

La visita di Papa Francesco dal 5 all’8 marzo in Iraq, il suo primo viaggio internazionale in oltre un anno a causa di complicazioni di viaggio legate al COVID-19, dovrebbe affrontare molti di questi problemi.

Quando andrà, il papa visiterà le città di Baghdad, Erbil, Qaraqosh, Mosul e la pianura di Ur, tradizionalmente considerata il luogo di nascita della figura biblica di Abramo.

La speranza schiacciante è che la visita di Papa Francesco porti l’incoraggiamento tanto necessario alla popolazione cristiana irachena, ma c’è anche chi si aspetta che il pontefice faccia un chiaro appello per la pace sia a livello regionale che nazionale.

La decisione unanime della scorsa settimana da parte del parlamento iracheno di dichiarare il Natale festa nazionale annuale è già stata salutata dalla gente del posto come un primo impatto della visita del papa.

Dato l’impegno di Francesco per il dialogo interreligioso, i suoi numerosi sforzi per raggiungere il mondo musulmano e la sua costante enfasi sulla fratellanza, è probabile che l’appello alla solidarietà fraterna sarà un tema ricorrente durante la sua visita, in particolare data l’enorme diversità etnica e religiosa dell’Iraq. paesaggio.

Nel suo messaggio, Sako riconosce che i cristiani da oltre 20 anni celebrano il Natale “in condizioni di insicurezza” e che questo è peggiorato a causa della pandemia di coronavirus.

In una situazione come questa, ha sottolineato la necessità di dare priorità, concentrandosi sul significato del Natale piuttosto che sulla “comparsa” dei festeggiamenti, che saranno limitati per prevenire la diffusione del COVID-19.

“Nonostante tutte le circostanze, il Natale rimane una fonte di speranza e di forza per ripristinare la serenità spirituale attraverso la nostra intima celebrazione all’interno della famiglia e della comunità della Chiesa basata sul vero significato del Natale”, ha detto, sottolineando che Gesù ha trascorso la sua vita sulla terra in “Un rapporto di amore, solidarietà e servizio con le persone”.

“Questo è ciò su cui dovremmo meditare a Natale e cercare un modo per viverlo nella vita quotidiana”, ha detto Sako, dicendo che fare questo aiuterà “a santificare i nostri sforzi verso un futuro migliore”.

Sako ha detto che questo tipo di conversione interna avviene solo “quando la comunità è unita nell’amore e nelle preghiere che portano luce, calore, conforto e aiutano a generare fiducia ed entusiasmo per continuare a camminare insieme”.

Sottolineando l’importanza della solidarietà, ha detto che il Natale è un’occasione privilegiata per essere attenti ai bisogni degli altri e per “aiutare i bisognosi”, in particolare coloro che sono disoccupati o studenti che hanno dovuto interrompere gli studi a causa del pandemia.

Lo stesso patriarcato caldeo, ha affermato, nel corso del 2020 ha fornito circa 150.000 dollari in assistenza ai poveri e ai bisognosi, indipendentemente dal loro background religioso o etnico.

“Fede, preghiera e contributi di beneficenza ci preparerebbero a celebrare il Natale e il nuovo anno, in modo che Dio possa inondare i nostri cuori con le Sue grazie e benedizioni”, ha detto, aggiungendo: “In questo modo, otterremo la forza per superare la prova e goditi l’inno di pace degli angeli alla vigilia di Natale: “Gloria a Dio nella pace più alta e sulla terra e buona speranza per gli esseri umani”, pace in Iraq e speranza per gli iracheni “.

Sako ha chiuso pregando per la pace in Iraq e nel mondo e per la fine della pandemia di coronavirus. Ha esortato i cristiani locali a cogliere l’opportunità della visita del papa “essendo creativi nel preparare un evento così importante per il bene del nostro Paese e della regione”

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera