Il Papa dichiara una domenica speciale ogni anno dedicata alla parola di Dio

Per aiutare la chiesa a crescere nell’amore e nella fedele testimonianza di Dio, Papa Francesco ha dichiarato la terza domenica del tempo ordinario dedicata alla parola di Dio.

Salvezza, fede, unità e misericordia dipendono tutti dalla conoscenza di Cristo e della Sacra Scrittura, ha affermato in un nuovo documento.

Dedicare un giorno speciale “alla celebrazione, allo studio e alla diffusione della parola di Dio” aiuterà la chiesa “a sperimentare di nuovo come il Signore risorto ci apre il tesoro della sua parola e ci consente di proclamare le sue ricchezze insondabili davanti al mondo, “ha detto il papa.

La dichiarazione di avere una “domenica della Parola di Dio” è stata fatta in un nuovo documento, dato “motu proprio”, su iniziativa del papa. Il suo titolo, “Aperuit Illis”, si basa su un versetto del Vangelo di San Luca, “Poi ha aperto le loro menti per capire le Scritture”.

“Il rapporto tra il Risorto, la comunità dei credenti e la Sacra Scrittura è essenziale per la nostra identità di cristiani”, ha affermato il papa nella lettera apostolica, pubblicata dal Vaticano il 30 settembre, festa di San Girolamo, patrono di studiosi biblici.

“La Bibbia non può essere solo l’eredità di alcuni, tanto meno una raccolta di libri a beneficio di pochi privilegiati. Appartiene soprattutto a coloro che sono chiamati a sentire il suo messaggio e a riconoscersi nelle sue parole”, ha scritto il papa.

“La Bibbia è il libro del popolo del Signore, che, ascoltandola, si sposta dalla dispersione e dalla divisione verso l’unità” oltre a comprendere l’amore di Dio e ad ispirarsi a condividerlo con gli altri, ha aggiunto.

Senza il Signore che apre le menti delle persone alla sua parola, è impossibile comprendere a fondo le Scritture, ma “senza le Scritture, gli eventi della missione di Gesù e della sua chiesa in questo mondo rimarrebbero incomprensibili”, ha scritto.

L’arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, ha detto al Vaticano News il 30 settembre che è necessaria una maggiore enfasi sull’importanza della parola di Dio perché “la stragrande maggioranza” dei cattolici non ha familiarità con le Sacre Scritture. Per molti, l’unica volta che ascoltano la parola di Dio è quando assistono alla Messa, ha aggiunto.

“La Bibbia è il libro più ampiamente distribuito, ma forse è anche il libro più coperto di polvere perché non è tenuto nelle nostre mani”, ha detto l’arcivescovo.

Con questa lettera apostolica, il papa “ci invita a tenere la parola di Dio nelle nostre mani il più possibile ogni giorno in modo che diventi la nostra preghiera” e una parte maggiore dell’esperienza vissuta di una persona, ha detto.

Francesco disse nella lettera: “Una giornata dedicata alla Bibbia non dovrebbe essere vista come un evento annuale ma piuttosto un evento lungo tutto l’anno, poiché dobbiamo urgentemente crescere nella nostra conoscenza e amore delle Scritture e del Signore risorto, che continua a pronunciare la sua parola e spezzare il pane nella comunità dei credenti “.

“Dobbiamo sviluppare una relazione più stretta con la Sacra Scrittura; altrimenti, i nostri cuori rimarranno freddi e gli occhi chiusi, colpiti come lo siamo da così tante forme di cecità”, ha scritto.

La Sacra Scrittura e i sacramenti sono inseparabili, ha scritto. Gesù parla a tutti con la sua parola nella Sacra Scrittura e se le persone “ascoltano la sua voce e aprono le porte delle nostre menti e dei nostri cuori, allora entreranno nelle nostre vite e rimarranno sempre con noi”, ha detto.

Francesco ha esortato i sacerdoti a prestare maggiore attenzione alla creazione di un’omelia durante tutto l’anno che “parla dal cuore” e aiuta davvero le persone a comprendere la Scrittura “attraverso un linguaggio semplice e adatto”.

L’omelia “è un’opportunità pastorale che non dovrebbe essere sprecata. Per molti dei nostri fedeli, infatti, questa è l’unica opportunità che devono cogliere la bellezza della parola di Dio e vederla applicata alla loro vita quotidiana”, ha scritto.

Francesco incoraggiò anche le persone a leggere la costituzione dogmatica del Concilio Vaticano II, “Dei Verbum” e l’esortazione apostolica di Papa Benedetto XVI, “Verbum Domini”, il cui insegnamento rimane “fondamentale per le nostre comunità”.

La terza domenica del tempo ordinario cade in quella parte dell’anno in cui la chiesa è incoraggiata a rafforzare i suoi legami con il popolo ebraico e a pregare per l’unità dei cristiani. Ciò significa che la celebrazione della domenica della Parola di Dio “ha un valore ecumenico, dal momento che le Scritture indicano, per coloro che ascoltano, il percorso verso l’unità autentica e ferma”.

Una citazione di papa Francesco:

Una cosa è che una persona ha questa tendenza, questa opzione; e anche quelli che cambiano sesso. Un’altra cosa è insegnare lungo questa linea nelle scuole, per cambiare la mentalità. Questo definirei “colonizzazione ideologica”. L’anno scorso ho ricevuto una lettera da un uomo spagnolo che mi raccontava la sua storia da bambino e da giovane. Era una ragazza e soffriva molto, perché sentiva di essere un ragazzo ma fisicamente era una ragazza. … Ha subito l’operazione. … Il vescovo lo ha accompagnato molto. … Poi si è sposato, ha cambiato la sua identità e mi ha scritto la lettera per dire che per lui sarebbe una consolazione venire con sua moglie. … E così li ho ricevuti, ed erano molto felici. … La vita è vita e le cose devono essere prese come vengono. Il peccato è peccato. Le tendenze o gli squilibri ormonali causano molti problemi e questo non significa dire “Oh bene,

– Volo di ritorno dal viaggio apostolico di Papa Francesco in Georgia e Azerbaigian, 3 ottobre 2016

Articoli correlati