papa francesco

Il Papa elogia la Colombia per aver protetto 1,7 milioni di migranti venezuelani

Dopo aver riconosciuto che guarda sempre con gratitudine a coloro che assistono i migranti, Papa Francesco domenica ha elogiato gli sforzi compiuti dalle autorità colombiane per garantire protezione temporanea ai migranti venezuelani che sono fuggiti dalle difficoltà economiche della loro patria. “Mi unisco ai Vescovi della Colombia nell’esprimere gratitudine alle autorità colombiane per aver implementato lo statuto di protezione temporanea per i migranti venezuelani presenti in quel Paese, favorendo l’accoglienza, la protezione e l’integrazione”, ha detto Papa Francesco dopo la sua preghiera settimanale dell’Angelus. Ha anche sottolineato che si tratta di uno sforzo portato avanti “non da un paese sviluppato super ricco”, ma che ha “molti problemi di sviluppo, povertà e pace… Quasi 70 anni di guerriglia. Ma con questo problema hanno avuto il coraggio di guardare a quei migranti e di creare questo statuto “. Annunciata la scorsa settimana dal presidente Iván Duque Márquez, l’iniziativa garantirà uno statuto di protezione di 10 anni a 1,7 milioni di venezuelani che ora vivono in Colombia, garantendo loro il permesso di soggiorno e la possibilità di richiedere la residenza permanente.

I migranti venezuelani sperano che la misura faciliti l’accesso al lavoro e ai servizi sociali: attualmente nella Colombia dilaniata dalla guerra ci sono oltre un milione di venezuelani privi di documenti, che hanno raggiunto la pace solo attraverso un accordo del 2016 che oggi è contestato da molti a causa della mancanza della guerriglia. di integrazione nella società. L’annuncio relativamente sorprendente è stato fatto da Duque lunedì scorso e si applica ai migranti venezuelani privi di documenti che vivono in Colombia prima del 31 gennaio 2021. Significa anche che centinaia di migliaia di migranti che hanno uno status legale non avranno bisogno di rinnovare i loro permessi temporanei o visti. Le Nazioni Unite stimano che attualmente ci siano oltre 5,5 milioni di migranti e rifugiati venezuelani in tutto il mondo che sono fuggiti dal Paese governato dal socialista Nicolas Maduro, successore di Hugo Chavez. Con una crisi esplosa dalla morte di Chavez nel 2013, il paese è stato a lungo afflitto da carenze alimentari, iperinflazione e una situazione politica instabile. A causa della crisi socioeconomica, è praticamente impossibile avere un passaporto rilasciato in Venezuela e ottenere un’estensione di uno già emesso può richiedere fino a un anno, quindi molti fuggono dal paese senza documenti.

In un discorso dell’8 febbraio, Duque, un conservatore il cui governo è strettamente allineato con gli Stati Uniti, ha caratterizzato la decisione in termini sia umanitari che pratici, esortando coloro che si sintonizzano sulle sue osservazioni ad avere compassione per i migranti di tutto il mondo. “Le crisi migratorie sono per definizione crisi umanitarie”, ha detto, prima di sottolineare che la mossa del suo governo renderebbe le cose più facili per i funzionari che hanno bisogno di identificare i bisognosi e anche di rintracciare chiunque infranga la legge. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati Filippo Grandi ha definito l’annuncio di Duque “il più importante gesto umanitario” nella regione da decenni. Nonostante il fatto che la Colombia debba ancora affrontare una crisi di migliaia di sfollati interni a causa della guerra civile decennale che ha afflitto la nazione, il governo ha avuto un approccio nei confronti dei venezuelani in arrivo radicalmente diverso dagli altri paesi della regione come Ecuador, Perù e Cile. , che hanno creato barriere alla migrazione. A gennaio, il Perù ha inviato carri armati militari al confine con l’Ecuador per impedire ai migranti – molti dei quali venezuelani – di entrare nel paese, lasciando centinaia di loro bloccati. Sebbene spesso dimenticata, la crisi dei migranti venezuelani è stata, dal 2019, paragonabile a quella della Siria, che ha sei milioni di rifugiati dopo un decennio di guerra.

Domenica, durante le sue osservazioni post-Angelus, Francesco ha detto di essersi unito ai vescovi colombiani per lodare la decisione del governo, che ha applaudito la mossa subito dopo che era stata annunciata. “Migranti, rifugiati, sfollati e vittime di tratta sono diventati emblemi di esclusione perché, oltre a sopportare le difficoltà dovute al loro status migratorio, sono spesso oggetto di giudizi negativi o di rigetto sociale”, hanno scritto i vescovi in ​​un comunicato la scorsa settimana . Pertanto “è necessario orientarsi verso atteggiamenti e iniziative che promuovano la dignità umana di tutte le persone indipendentemente dalla loro origine, in linea con la capacità storica di accoglienza del nostro popolo”. I vescovi hanno previsto che l’attuazione di questo meccanismo di protezione da parte del governo “sarà un atto fraterno che apre le porte per garantire che questa popolazione che viene sul nostro territorio possa godere dei diritti fondamentali di tutte le persone e possa accedere alle opportunità di una vita dignitosa. ” Nella loro dichiarazione, i presuli hanno anche ribadito l’impegno della Chiesa colombiana, delle sue diocesi, congregazioni religiose, gruppi e movimenti apostolici, con tutte le sue organizzazioni pastorali a “dare una risposta globale ai bisogni dei nostri fratelli e sorelle che cercano protezione in Colombia . “

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Amazon cancella il libro evangelico

Amazon cancella il libro evangelico