Il Papa segna l’apertura della Porta Santa a Santiago de Compostela

I pellegrini che intraprendono il lungo viaggio del Camino a Santiago de Compostela ricordano agli altri il viaggio spirituale che tutti i cristiani compiono attraverso la vita verso il cielo, ha detto Papa Francesco.

In una lettera che segna l’apertura della Porta Santa nella Cattedrale di Santiago de Compostela, il papa ha affermato che, proprio come gli innumerevoli pellegrini che si imbarcano ogni anno nel famoso Cammino verso la tomba di San Giacomo il Grande, i cristiani sono “un popolo pellegrino “Che non viaggiano verso” un ideale utopico ma piuttosto un obiettivo concreto “.

“Il pellegrino è capace di mettersi nelle mani di Dio, consapevole che la patria promessa è presente in colui che ha voluto accamparsi in mezzo al suo popolo, per guidarne il cammino”, scrive il papa nella lettera inviata all’arcivescovo Julian Barrio Barrio di Santiago de Compostela e pubblicato il 31 dicembre.

L’Anno Santo si celebra a Compostela negli anni in cui il 25 luglio cade di domenica la festa dell’apostolo. L’anno santo più recente è stato celebrato nel 2010. Per secoli, i pellegrini hanno percorso il famoso Camino de Santiago de Compostela per venerare le spoglie di San Giacomo.

Nel suo messaggio, il papa ha riflettuto sul tema del camminare in pellegrinaggio. Proprio come tanti pellegrini che hanno intrapreso il Cammino, i cristiani sono chiamati a lasciarsi alle spalle “quelle sicurezze a cui ci leghiamo, ma avendo chiaro il nostro obiettivo; non siamo vagabondi che girano in tondo senza andare da nessuna parte. “

“È la voce del Signore che ci chiama e, come pellegrini, lo accogliamo con atteggiamento di ascolto e di ricerca, intraprendendo questo cammino verso l’incontro con Dio, con l’altro e con noi stessi”, ha scritto.

Camminare simboleggia anche la conversione in quanto è “un’esperienza esistenziale in cui l’obiettivo è importante tanto quanto il viaggio stesso”, ha scritto.

Papa Francesco ha detto che i pellegrini che percorrono il Cammino spesso viaggiano con o trovano compagni lungo il cammino di cui fidarsi “senza sospetti o dubbi” e che condividono le loro “lotte e conquiste”.

“È un viaggio iniziato da solo, portando cose che si pensava sarebbero utili, ma si conclude con uno zaino vuoto e un cuore pieno di esperienze che contrasta e si sintonizza con la vita di altri fratelli e sorelle che provengono da contesti esistenziali e culturali ”, ha scritto il papa.

Quell’esperienza, ha detto, “è una lezione che dovrebbe accompagnarci per tutta la vita”

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo