Il patriarca Pizzaballa fa l’ingresso solenne al Santo Sepolcro di Gerusalemme

Il Patriarca Pierbattista Pizzaballa ha fatto un ingresso solenne nella Chiesa del Santo Sepolcro venerdì come nuovo Patriarca latino di Gerusalemme.

“Non posso fare a meno di provare sentimenti di paura di fronte a una missione che supera le mie capacità. Ma accetto questa nuova obbedienza, che desidero realizzare con gioia. Certamente è una croce, ma una croce che porta frutto di salvezza ogni volta che viene abbracciata nella gioia ”, ha detto il 4 dicembre il Patriarca Pizzaballa .

“La Croce del Figlio di Dio, innalzata a pochi metri da qui, ha dato senso a tutte le croci del mondo”.

Indossando una maschera e una mitra vescovile, il nuovo patriarca latino di Gerusalemme è entrato nella chiesa del Santo Sepolcro, che contiene la tomba di Cristo e il luogo della crocifissione.

Ha pregato sulla tomba di Cristo prima di offrire alcune osservazioni alla cerimonia, trasmessa in live streaming .

“Eccoci … davanti alla tomba vuota di Cristo – il cuore della nostra fede e della nostra comunità cristiana”, ha detto Pizzaballa.

“È tradizione, qui nella nostra Terra, che all’inizio di un nuovo cammino ecclesiale, ci uniamo in questo Luogo Santo, per ricordare la Pasqua qualunque sia il periodo dell’anno liturgico. Non c’è inizio, nessuna iniziativa ecclesiale, nessun progetto che possa esistere al di fuori dell’esperienza pasquale ”, ha detto.

“’Celebrare la Pasqua’ significa dare la vita per amore. E questo è particolarmente vero per la nostra Chiesa a Gerusalemme che ha questa specifica chiamata e missione di vivere alla luce della Pasqua “.

In qualità di patriarca latino di Gerusalemme, Pizzaballa guiderà i 293.000 cattolici latini stimati in Israele, nei territori palestinesi, in Giordania e Cipro.

Ha riconosciuto che la regione deve affrontare difficoltà politiche ed economiche, che sono peggiorate con lo scoppio del coronavirus.

“Enormi problemi economici e sociali ci confrontano, aggravati ancora di più dalla pandemia in corso”, ha detto Pizzaballa.

“Non vediamo l’ora di dire una parola chiara e pacifica sulla politica, che è spesso fragile e miope, ma che pesa pesantemente sulla vita di tutte le nostre famiglie”.

Pizzaballa vive in Medio Oriente dal 1990. L’italiano si è trasferito in Terra Santa poco dopo la sua ordinazione sacerdotale come francescano per studiare teologia biblica allo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme.

Ha continuato a servire come vicario del patriarca latino di Gerusalemme per la cura pastorale dei cattolici di lingua ebraica in Israele e ha supervisionato la pubblicazione del messale romano in ebraico nel 1995.

Pizzaballa è stato anche Custode di Terra Santa – il Superiore maggiore dei Frati Minori in Medio Oriente – dal 2004 al 2016. È stato nominato Amministratore Apostolico sede vacante del Patriarcato Latino di Gerusalemme il 24 giugno 2016.

Papa Francesco lo ha nominato nuovo patriarca latino di Gerusalemme in ottobre. A novembre Pizzaballa si è recato in Galilea e nella Piana di Sharon per affidare la sua missione alla preghiera degli ordini religiosi contemplativi in ​​Terra Santa.

Pizzaballa tornerà nella chiesa del Santo Sepolcro la mattina del 5 dicembre per celebrare la sua prima messa pontificia.

“Cari fratelli e sorelle, vi invito a pregare per me e per la nostra amata Chiesa di Gerusalemme, affinché io possa guidarla, servirla e amarla con cuore indiviso”, ha detto Pizzaballa.

“Da questo Luogo Santo, il Risorto ripete le parole che ha detto alle donne nel giorno della Risurrezione: ‘Non temete; andate a dire ai miei fratelli ‘… Queste sono le parole di Cristo Risorto e devono risuonare sempre nei nostri cuori. Non siamo soli, né orfani, non dobbiamo aver paura. Siamo sicuri che il Signore risorto ci riempirà ancora una volta del suo Spirito Santo e ci renderà audaci testimoni del suo amore nella sua terra “.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo