Il piano di sopravvivenza spirituale pandemico: i vescovi britannici offrono una guida per la crisi COVID

I cattolici nel Regno Unito si trovano ancora una volta in vari gradi di isolamento. Nella maggior parte delle regioni, la disponibilità dei sacramenti è interrotta. Di conseguenza, molti cattolici stanno sviluppando strategie di fede in aggiunta ai modi parrocchiali che in precedenza li sostenevano.

Allora come possono i cattolici britannici mantenere viva la loro fede in questi tempi? Il Registro ha chiesto a tre vescovi britannici di offrire un “Piano di sopravvivenza spirituale” dei vescovi in ​​risposta alla crisi attuale.

“Mi piace il titolo di ‘Piano di sopravvivenza spirituale'”, ha detto il vescovo Mark Davies di Shrewsbury. “Se solo ci rendessimo conto di quanto sia necessario un tale piano per tutto il corso della nostra vita! Se le condizioni stranamente ristrette di questi giorni ci portano ad apprezzare come dobbiamo usare il tempo della nostra vita e sfruttare tutte le sue fasi e circostanze, allora ne avremo tratto almeno uno, grande beneficio dalla pandemia “. Ha continuato citando un santo del XX secolo, Josemaría Escrivá, che “rifletteva come non ci potrebbe essere tesa alla santità senza un piano, un piano quotidiano. […] La pratica di fare l’offerta mattutina all’inizio di ogni giornata è un ottimo inizio. Le difficili condizioni di isolamento, malattia, licenziamento o persino disoccupazione, in cui vivono non pochi, possono servire non solo come “ tempo perso,

Il vescovo Philip Egan di Portsmouth, ha fatto eco a questi sentimenti, aggiungendo: “È certamente un’opportunità di grazia per ogni cattolico e ogni famiglia di adottare la propria ‘regola di vita’. Perché non prendere spunto dagli orari delle comunità religiose, con orari per le preghiere mattutine, serali e notturne? ”

Il vescovo John Keenan di Paisley vede anche questo periodo di pandemia come una grande opportunità per utilizzare le risorse a portata di mano piuttosto che lamentarsi di ciò che attualmente non è possibile. “Nella Chiesa abbiamo riscontrato che la tristezza per la chiusura delle nostre chiese è stata compensata dalla disponibilità della messa in linea in tutto il mondo”, ha detto, sottolineando che alcuni preti che erano abituati ad avere “solo una manciata di venuti alle loro devozioni in chiesa o i discorsi nella sala parrocchiale hanno trovato dozzine di venire e unirsi a loro online “. In questo, sente che i cattolici “hanno fatto un passo in avanti generazionale nel nostro uso della tecnologia per riunirci e diffondere la Buona Novella”. Inoltre, sente che, così facendo, “almeno una parte della Nuova Evangelizzazione, nuova nei metodi, nell’ardore e nell’espressione, è stata raggiunta”.

Riguardo all’attuale fenomeno digitale, Mons. Keenan accetta che, per alcuni, ci possa essere “una certa riluttanza ad abbracciare questo nuovo sviluppo. Dicono che è virtuale e non reale, che a lungo andare si rivelerà un nemico della vera comunione di persona, con tutti che scelgono di guardare [la Santa Messa] online piuttosto che venire in chiesa. Mi appello fondamentalmente a tutti i cattolici ad abbracciare con entrambe le mani questa nuova provvidenza di connessione e trasmissione online [poiché in Scozia le chiese sono attualmente chiuse per ordine del governo scozzese]. Quando Dio creò il silicio metallico [necessario per fabbricare computer, ecc.], Ci mise questa capacità e la nascose fino ad ora, quando vide che era il momento giusto perché aiutasse a liberare anche il potere del Vangelo “.

Concordando con le osservazioni del vescovo Keenan, il vescovo Egan ha sottolineato molte risorse spirituali disponibili online che non sarebbero state accessibili circa dieci anni prima: “Internet è piena di risorse, anche se dobbiamo essere discernenti”, ha detto. “Trovo utile I-Breviary o Universalis . Questi ti danno gli Uffici Divini per la giornata e anche i testi per la Messa. Potresti anche sottoscrivere un abbonamento a una delle guide liturgiche, come l’ottimo mensile Magnificat “.

Quindi quali pratiche spirituali specifiche proporrebbero i vescovi ai laici principalmente casalinghi in questo momento? “La lettura spirituale è forse più alla nostra portata che per qualsiasi generazione prima di noi”, ha suggerito il vescovo Davies. “Con un clic di un iPhone o iPad possiamo avere davanti a noi tutte le Scritture, il Catechismo della Chiesa Cattolica e le vite e gli scritti dei santi. Potrebbe essere utile consultare un sacerdote o un direttore spirituale per guidarci a trovare la lettura spirituale che potrebbe aiutarci al meglio “.

Mentre il vescovo Keenan ha ricordato ai fedeli una pratica spirituale ovvia e fidata che non necessita di costruzione di chiese o connessione a Internet: “Il Rosario quotidiano è una preghiera formidabile. Sono sempre stato colpito dalle parole di St. Louis Marie de Montford: ‘Mai nessuno che recita il suo Rosario ogni giorno sarà sviato. Questa è una dichiarazione che firmerei volentieri con il mio sangue ‘”.

E, date le circostanze attuali, cosa direbbero i vescovi ai cattolici troppo timorosi per partecipare alla Santa Messa dove è ancora disponibile?

“Come vescovi siamo più determinati di chiunque altro a garantire la sicurezza del nostro popolo, e personalmente sarei sorpreso se qualcuno avesse preso o trasmesso il virus in chiesa”, ha detto il vescovo Keenan. Ha suggerito che i benefici della partecipazione superano i rischi. “La maggior parte dei governi ha ora riconosciuto il danno personale e sociale delle chiese chiuse. Andare in chiesa fa bene non solo alla nostra salute spirituale, ma può essere un tale beneficio per la nostra salute mentale e il nostro senso di benessere. Non c’è gioia più grande che uscire dalla Messa pieni della grazia del Signore e della sicurezza del suo amore e della sua cura. Quindi suggerirei di provarlo una volta. Se in qualsiasi momento hai paura, puoi voltarti e tornare a casa, ma potresti scoprire che è fantastico e sei così felice di aver ricominciato ad andarci.

Pur precedendo le sue osservazioni con una nota di cautela simile, il vescovo Egan ha detto: “Se puoi andare al supermercato, perché non puoi andare a messa? Andare a messa in una chiesa cattolica, con i vari protocolli di sicurezza in atto, è molto più sicuro. Proprio come il tuo corpo ha bisogno di cibo, così anche la tua anima. ”

Mons. Davies vede il tempo lontano dai sacramenti e, in particolare, dall’Eucaristia, come un tempo di preparazione per un eventuale ritorno dei fedeli alla Santa Messa e un approfondimento della “fede e dell’amore eucaristico”. Ha detto: “Il mistero della fede che potremmo sempre rischiare di dare per scontato può essere riscoperto, con quella meraviglia e stupore eucaristico. La stessa privazione di non poter prendere parte alla Messa o ricevere la Santa Comunione può essere un momento per crescere nel nostro desiderio di essere alla presenza eucaristica del Signore Gesù; condividere il sacrificio eucaristico; e alla fame di ricevere Cristo come pane di vita, forse come il Sabato Santo ci prepara per la domenica di Pasqua “.

In particolare, molti sacerdoti stanno soffrendo in modi nascosti in questo momento. Tagliati fuori dai loro parrocchiani, dai loro amici e dalle famiglie allargate, cosa direbbero i vescovi ai loro sacerdoti?

“Penso che, con tutti i fedeli, la parola specifica debba essere ‘grazie!’” Ha detto il vescovo Davies. “Abbiamo visto durante i giorni di questa crisi come ai nostri sacerdoti non sia mai mancata la generosità per affrontare ogni sfida. Sono particolarmente consapevole delle richieste di sicurezza e protezione COVID, che hanno pesato sulle spalle del clero; e tutto ciò che è stato richiesto nel ministero agli ammalati, agli isolati, ai moribondi e ai lutti durante questa pandemia. Nel sacerdozio cattolico non abbiamo visto mancare la generosità durante i giorni di questa crisi. A quei sacerdoti che hanno dovuto isolarsi da soli e trascorrere gran parte di questo tempo privati ​​del loro ministero attivo, vorrei anche dire una parola di ringraziamento per essere rimasti vicini al Signore offrendo ogni giorno la Santa Messa; pregare l’Ufficio Divino; e nella loro preghiera silenziosa e spesso nascosta per tutti noi “.

In questa situazione attuale, in particolare per quanto riguarda i sacerdoti, Mons. Keenan vede emergere un imprevisto positivo. “La pandemia ha permesso [ai sacerdoti di avere] un maggiore controllo sulle loro vite e stili di vita, e molti l’hanno usata come una buona opportunità per mettere in atto un piano quotidiano di lavoro e preghiera, studio e ricreazione, lavoro e sonno. È bello avere un tale piano di vita e spero che possiamo continuare a pensare a come i nostri sacerdoti possano godere di stili di vita più stabili, anche se sono a disposizione della loro gente “. Ha anche notato che l’attuale crisi è stata un buon promemoria del fatto che il sacerdozio è “un presbiterio, una fraternità di clero che lavora come compagni nella vigna del Signore. Quindi noi siamo il custode di nostro fratello, e una piccola telefonata al nostro fratello prete solo per passare il tempo della giornata e vedere come sta può fare il mondo di una differenza “.

Per tutti, i tanti volontari, sia sacerdoti che laici, che hanno contribuito a far andare avanti la vita della parrocchia, Mons. Egan è grato, dicendo che hanno fatto un “lavoro fantastico”. Inoltre, per tutti i cattolici, vede la necessità di un continuo “‘ministero del telefono’ verso i soli, i malati e gli isolati”. Molto in linea con un ministero di sensibilizzazione, il vescovo di Portsmouth considera come la pandemia sia “un tempo [che] offre alla Chiesa un’opportunità di evangelizzazione. Nella storia, la Chiesa ha sempre risposto valorosamente a pestilenze, epidemie e calamità, essendo in prima linea, prendendosi cura dei malati e dei morenti. Come cattolici, consapevoli di ciò, non dovremmo rispondere alla crisi COVID con una timida timidezza, ma nella potenza dello Spirito Santo; fare del nostro meglio per dare leadership; pregare e curare i malati; testimoniare la verità e l’amore di Cristo; e per fare una campagna per un mondo più giusto dopo COVID. Guardando al futuro, le diocesi dovranno entrare in un periodo di revisione e riflessione per pianificare con molto più vigore come affrontare le sfide del e del futuro “.

Per certi versi, durante la pandemia, sembra ci sia stata una nuova formazione di legami tra persone, sacerdoti e vescovi. Ad esempio, la semplice testimonianza dei laici ha lasciato un profondo ricordo al vescovo Davies. “Ricorderò a lungo l’impegno delle équipe di volontari laici che hanno permesso la riapertura delle chiese e la celebrazione della messa e dei sacramenti. Ricorderò anche il grande testimone laico del luogo essenziale di culto pubblico nelle loro numerose e-mail e lettere ai membri del Parlamento, che credo abbiano avuto un profondo impatto in Inghilterra. Sono sempre felice come vescovo di dire, con san Paolo, ‘la testimonianza di Cristo è stata forte in mezzo a voi’ ”.

In conclusione, il vescovo Keenan desidera ricordare ai fedeli che non sono soli oggi o in futuro, qualunque cosa ciò comporti. Esorta i cattolici in questo momento di ansia diffusa sul loro futuro: “Non abbiate paura!” ricordando loro: “Ricordate, il nostro Padre celeste conta tutti i capelli della nostra testa. Sa di cosa si tratta e non fa nulla invano. Sa di cosa abbiamo bisogno prima ancora che lo chiediamo e ci rassicura che non c’è bisogno che ci preoccupiamo. Il Signore ci precede sempre. È il nostro Buon Pastore, che sa guidarci attraverso valli tenebrose, pascoli verdi e acque tranquille. Ci porterà attraverso questi tempi insieme come una famiglia, e questo significa che le nostre vite, la nostra Chiesa e il nostro mondo saranno tanto meglio per questo momento di pausa per la riflessione e la nuova conversione “.

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera