Il potere della preghiera durante una pandemia

Esiste un ampio spettro di opinioni e credenze sulla preghiera. Alcuni credenti vedono semplicemente la preghiera come “comunicazione con Dio”, mentre altri descrivono metaforicamente la preghiera come “una linea telefonica per il Cielo” o “la chiave principale” per aprire la porta divina. Ma non importa come percepisci personalmente la preghiera , la linea di fondo sulla preghiera è questa: la preghiera è un sacro atto connettivo. Quando preghiamo, cerchiamo l’udienza di Dio. Quando si verifica un disastro, le persone reagiscono in modo diverso in materia di preghiera. Primo, gridare a Dio è una risposta istantanea per molte persone religiose durante una catastrofe. Certamente, la pandemia COVID-19 in corso ha risvegliato persone di fedi diverse per invocare i loro rispettivi esseri divini. E senza dubbio, molti cristiani devono aver ricordato le istruzioni di Dio nelle Scritture: “Chiamami quando arrivano problemi. Ti salverò. E tu mi onorerai. ” (Salmi 50:15; cfr Salmo 91:15) Quindi, la linea di Dio deve essere inondata dalle chiamate di soccorso dei credenti, poiché le persone pregano con grande fervore e disperazione per essere salvate in questi tempi turbolenti. Anche coloro che potrebbero non essere abituati alla preghiera possono provare il desiderio di raggiungere un potere superiore per la saggezza, la sicurezza e le risposte. Per altri, un disastro può farli sentire abbandonati da Dio o semplicemente non avere l’energia per pregare. A volte, la fede può temporaneamente confondersi nelle acque dell’attuale sconvolgimento.

Questo è stato il caso della vedova di un ex paziente dell’hospice che ho incontrato più di dieci anni fa. Ho notato diversi oggetti religiosi nella loro casa quando sono arrivato lì per offrire supporto pastorale al dolore: citazioni scritturali ispiratrici incorniciate alle pareti, una Bibbia aperta e libri religiosi sul loro letto accanto al corpo senza vita di suo marito – tutti elementi che attestavano la loro stretta fede- cammina con Dio finché la morte non ha scosso il loro mondo. Il lutto iniziale della donna includeva silenziose confusioni e occasionali lacrime, storie del viaggio della loro vita e molti “perché” dialogici posti a Dio. Dopo un po ‘di tempo, ho chiesto alla donna se una preghiera poteva essere di aiuto. La sua risposta ha confermato il mio sospetto. Mi ha guardato e ha detto: “Preghiera? Preghiera? Per me, Dio non esiste adesso. “

Come rimanere in contatto con Dio durante una crisi
Eventi catastrofici, che siano malattie, morte, perdita del lavoro o una pandemia globale, possono intorpidire i nervi della preghiera e assorbire energia anche dai guerrieri della preghiera veterani. Quindi, quando “il nascondimento di Dio” consente a una fitta oscurità di invadere i nostri spazi personali durante una crisi, come possiamo rimanere in contatto con Dio? Suggerisco i seguenti modi possibili: Prova la meditazione introspettiva. La preghiera non è sempre comunicazione verbale con Dio. Invece di chiederti e vagare nei pensieri, trasforma la tua insonnia traumatica in una vigile devozione. Dopotutto, il tuo subconscio è ancora pienamente consapevole della presenza trascendente di Dio. Impegnati in una conversazione con Dio. Dio sa che stai soffrendo profondamente, ma puoi ancora dirgli come ti senti. Agonizzante sulla croce, Gesù stesso si sentì abbandonato da Dio, e fu onesto al riguardo nell’interrogare il Suo Padre celeste: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?” (Matteo 27:46) Pregate per bisogni specifici. La salute e la sicurezza dei tuoi cari e il tuo benessere personale.
Protezione e resilienza per le prime linee che si prendono cura delle persone infettate dal virus. Guida divina e saggezza per i nostri politici nazionali e globali mentre ci guidano in questo periodo difficile.
Compassione condivisa per vedere e agire in base ai bisogni di coloro che ci circondano. I medici e i ricercatori lavorano per una soluzione sostenibile al virus. Rivolgiti agli intercessori di preghiera. Un vantaggio vitale di una comunità religiosa di credenti è la preghiera collaborativa, grazie alla quale puoi trovare conforto, sicurezza e incoraggiamento. Rivolgiti al tuo sistema di supporto esistente o cogli l’occasione per approfondire una connessione con qualcuno che conosci come un forte guerriero della preghiera. E, naturalmente, è consolante sapere o ricordare che anche lo Spirito Santo di Dio intercede per il popolo di Dio durante una crisi di preghiera. Possiamo trovare conforto e pace nel fatto che ogni crisi ha una durata di vita. La storia ce lo dice. Questa attuale pandemia si placherà e così facendo, potremo continuare a parlare con Dio attraverso il canale della preghiera.

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Il peccato mortale: quello che devi sapere e perchè non trascurarlo

Il peccato mortale: quello che devi sapere e perchè non trascurarlo