Il significato delle otto beatitudini di Gesù

Le beatitudini provengono dai versi iniziali del famoso Sermone sul Monte pronunciato da Gesù e riportato in Matteo 5: 3-12. Qui Gesù dichiarò diverse benedizioni, ognuna che iniziava con la frase “Beati sono …” (Dichiarazioni simili appaiono nel Sermone di Gesù sulla pianura in Luca 6: 20-23.) Ogni detto parla di una benedizione o “favore divino” che sarà conferito alla persona che possiede una certa qualità del personaggio.

La parola “beatitudine” deriva dal latino beatitudo , che significa “beatitudine”. La frase “sono benedetti” in ogni beatitudine implica uno stato attuale di felicità o benessere. Questa espressione aveva un forte significato di “gioia divina e felicità perfetta” per la gente del giorno. In altre parole, Gesù stava dicendo “divinamente felici e fortunati sono coloro che possiedono queste qualità interiori”. Pur parlando di una “beatitudine” attuale, ogni pronuncia prometteva anche una ricompensa futura.

Le beatitudini si trovano in Matteo 5: 3-12
Beati i poveri in spirito,
perché il loro è il regno dei cieli .
Beati quelli che piangono,
perché saranno consolati.
Beati i mansueti,
poiché erediteranno la terra.
Beati coloro che hanno fame e sete della giustizia ,
poiché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché mostreranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
poiché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati coloro che sono perseguitati a causa della giustizia,
poiché il loro è il regno dei cieli.
Beato te quando la gente ti insulta, ti perseguita e dice falsamente ogni tipo di male contro di te a causa mia. Rallegrati e rallegrati, perché grande è la tua ricompensa in cielo, poiché allo stesso modo hanno perseguitato i profeti che erano davanti a te. (NIV)

Significato e analisi delle beatitudini
Molte interpretazioni e insegnamenti sono stati enunciati attraverso i principi trasmessi nelle beatitudini. Ogni beatitudine è un proverbio detto pieno di significato e degno di studio. La maggior parte degli studiosi concorda sul fatto che le beatitudini ci danno un’immagine del vero discepolo di Dio .

Beati i poveri in spirito, perché il loro è il regno dei cieli.
La frase “povero di spirito” parla di una condizione spirituale di povertà. Descrive la persona che riconosce il suo bisogno di Dio. “Il regno dei cieli” si riferisce a persone che riconoscono Dio come re.

Parafrasando: “Beati coloro che riconoscono umilmente il loro bisogno di Dio, perché entreranno nel suo regno”.

Beati quelli che piangono, perché saranno consolati.
“Coloro che piangono” parla di coloro che esprimono profondo dolore per il peccato e si pentono dei loro peccati. La libertà trovata nel perdono del peccato e nella gioia della salvezza eterna è il “conforto” di coloro che si pentono.

Parafrasi: “Beati coloro che piangono per i loro peccati, poiché riceveranno perdono e vita eterna”.

Beati i mansueti, poiché erediteranno la terra.
Simile a “i poveri”, “i mansueti” sono quelli che si sottomettono all’autorità di Dio e lo rendono Signore. Apocalisse 21: 7 dice che i figli di Dio “erediteranno tutte le cose”.

Parafrasando: “Beati coloro che si sottomettono a Dio come Signore, poiché erediteranno tutto ciò che possiede”.

Beati coloro che hanno fame e sete della giustizia, poiché saranno saziati.
“Fame” e “sete” parlano di profondo bisogno e passione trainante. Questa ” giustizia ” si riferisce a Gesù Cristo. Essere “riempiti” è la soddisfazione del desiderio della nostra anima.

Parafrasando: “Beati coloro che desiderano ardentemente Cristo, perché soddisferà le loro anime”.

Beati i misericordiosi, perché mostreranno misericordia.
Raccogliamo ciò che seminiamo. Coloro che dimostrano misericordia riceveranno misericordia. Allo stesso modo, coloro che hanno ricevuto grande misericordia mostreranno grande misericordia . La misericordia è mostrata attraverso il perdono, la gentilezza e la compassione verso gli altri.

Parafrasando: “Beati coloro che mostrano misericordia attraverso il perdono, la gentilezza e la compassione, poiché riceveranno misericordia”.

Beati i puri di cuore, poiché vedranno Dio.
I “puri di cuore” sono quelli che sono stati purificati dall’interno. Questa non è giustizia esteriore che può essere vista dagli uomini, ma santità interiore che solo Dio può vedere. La Bibbia dice in Ebrei 12:14 che senza santità nessuno vedrà Dio.

Parafrasando: “Beati coloro che sono stati purificati dall’interno verso l’esterno, resi puri e santi, poiché vedranno Dio”.

Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.
La Bibbia dice che abbiamo pace con Dio attraverso Gesù Cristo . La riconciliazione attraverso Cristo porta comunione restaurata (pace) con Dio. 2 Corinzi 5: 19-20 dice che Dio ci affida questo stesso messaggio di riconciliazione da portare agli altri.

Parafrasando: “Beati coloro che si sono riconciliati con Dio attraverso Gesù Cristo e portano questo stesso messaggio di riconciliazione agli altri. Tutti coloro che hanno pace con Dio sono i suoi figli”.

Beati coloro che sono perseguitati a causa della giustizia, poiché il loro è il regno dei cieli.
Proprio come Gesù ha affrontato la persecuzione , così anche i suoi seguaci. Coloro che perseverano per fede anziché nascondere la propria fede per evitare la persecuzione sono veri seguaci di Cristo.

Parafrasando: “Beati coloro che hanno il coraggio di vivere apertamente per Cristo e subire persecuzioni, poiché riceveranno il regno dei cieli”.

Articoli correlati