Il tribunale svizzero ordina il pieno accesso ai documenti per le indagini finanziarie del Vaticano

Agli investigatori vaticani è stato concesso pieno accesso alla documentazione bancaria svizzera relativa al gestore degli investimenti vaticano di lunga data Enrico Crasso. La decisione recentemente annunciata da un tribunale federale svizzero è l’ultimo sviluppo dello scandalo finanziario in corso relativo all’acquisto di un edificio a Londra da parte della Segreteria di Stato nel 2018.

Secondo Huffington Post, la decisione è stata emessa il 13 ottobre ma pubblicata solo questa settimana. I documenti da consegnare al Vaticano includono i documenti finanziari della società ad Az Swiss & Partners. Az Swiss possiede Sogenel Capital Holding, la società fondata da Crasso dopo aver lasciato Credit Suisse nel 2014.

Sebbene la società abbia cercato di bloccare il pieno accesso ai suoi documenti da parte degli investigatori vaticani, i giudici svizzeri hanno stabilito che “quando le autorità straniere chiedono informazioni per ricostruire i flussi di beni criminali, si ritiene generalmente che abbiano bisogno della totalità della documentazione relativa, al fine di chiarire quali persone o entità legali sono coinvolte. “

I pubblici ministeri vaticani hanno lavorato con le autorità svizzere sin dalla presentazione delle rogatorie nel dicembre dello scorso anno. Le rogatorie sono richieste formali di assistenza giudiziaria da parte dei tribunali di un paese ai tribunali di un altro paese.

La CNA ha precedentemente riferito che, in risposta alla richiesta della Santa Sede di cooperazione nella sua indagine sulle finanze vaticane, le autorità svizzere hanno congelato decine di milioni di euro in conti bancari e inviato documenti bancari e registri ai procuratori vaticani.

Crasso, ex banchiere del Credit Suisse, è stato a lungo consulente finanziario del Vaticano, tra cui presentando la Segreteria di Stato all’imprenditore Raffaele Mincione, attraverso il quale la segreteria ha continuato a investire centinaia di milioni di euro e ad acquistare il London edificio a 60, Sloane Avenue, che è stato acquistato in più fasi tra il 2014 e il 2018.

Huffington Post ha riferito il 27 novembre che la decisione svizzera ha anche citato l’originale richiesta di rogatoria del Vaticano citando “schemi di investimento che non sono né trasparenti né conformi alle normali pratiche di investimento immobiliare”, facendo riferimento al controverso accordo di Londra.

In particolare, gli investitori vaticani hanno notato che l’impegno di fondi vaticani in deposito presso banche svizzere, incluso Peter’s Pence, per garantire centinaia di milioni di euro in prestiti dalle stesse banche “rappresenta una forte prova circostanziale che rappresentava uno stratagemma per evitare di effettuare ] visibile. “

I pubblici ministeri sostengono che l’uso di attività liquide come garanzia per garantire prestiti dalle banche per investimenti, invece di investire direttamente denaro vaticano, sembra progettato per proteggere gli investimenti dall’individuazione e dal controllo.

Nel novembre dello scorso anno, la CNA ha riferito di un caso simile nel 2015, quando poi sostituto presso la Segreteria di Stato il cardinale Angelo Becciu avrebbe tentato di mascherare prestiti da 200 milioni di dollari sui bilanci vaticani cancellandoli dal valore della proprietà nel quartiere londinese del Chelsea, una manovra contabile vietata dalle politiche finanziarie approvate da Papa Francesco nel 2014.

La Cna ha anche riferito che il tentativo di nascondere i prestiti off-book è stato rilevato dalla Prefettura per l’Economia, guidata allora dal cardinale George Pell.

Alti funzionari della Prefettura per l’Economia hanno detto alla CNA che quando Pell ha iniziato a chiedere i dettagli dei prestiti, in particolare quelli che coinvolgono BSI, l’allora arcivescovo Becciu ha chiamato il cardinale alla Segreteria di Stato per un “rimprovero”.

Il Centurion Global Fund di Crasso, in cui la Segreteria di Stato era il maggior investitore, è collegato a diverse istituzioni legate ad accuse e indagini di riciclaggio di denaro, secondo un’indagine della Cna .

All’inizio di questo mese, Crasso ha difeso la sua gestione dei fondi della Chiesa controllati dalla Segreteria di Stato, dicendo che gli investimenti che ha fatto “non erano segreti”.

In un’intervista del 4 ottobre al Corriere della Sera, Crasso ha anche negato di gestire conti “riservati” per la famiglia di Becciu.

Crasso è stato nominato il mese scorso in rapporti secondo cui il cardinale Angelo Becciu ha utilizzato milioni di euro di fondi di beneficenza vaticani in investimenti speculativi e rischiosi, compresi prestiti per progetti di proprietà e gestiti dai fratelli di Becciu.

Il 24 settembre, a Becciu è stato chiesto da Papa Francesco di dimettersi dal suo incarico in Vaticano e dai diritti dei cardinali in seguito al rapporto. In una conferenza stampa il cardinale ha preso le distanze da Crasso, dicendo di non aver seguito le sue azioni “passo dopo passo”.

Secondo Becciu , Crasso lo informerebbe di quali investimenti stava facendo, “ma non è che mi stesse dicendo le ramificazioni di tutti questi investimenti”

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo