Il Vaticano dice che l’assoluzione generale è ancora consentita durante la pandemia

Offrire l’assoluzione generale ai fedeli senza che prima confessino personalmente i propri peccati. Può ancora essere fatto in luoghi che vedono livelli gravi o crescenti di infezioni da coronavirus, ha detto un funzionario vaticano.

Mentre “la confessione individuale rimane il modo ordinario di celebrare questo sacramento”. Le situazioni gravi causate dalla pandemia possono essere considerate casi di “grave necessità”. Consentono altre soluzioni, ha detto il reggente della Penitenzieria Apostolica, tribunale vaticano che si occupa di questioni di coscienza. L’assoluzione collettiva, senza previa confessione individuale. Non può essere impartita se non in caso di imminente pericolo di morte o di grave necessità, secondo il Codice di Diritto Canonico. La Penitenzieria Apostolica ha emesso una nota il 20 marzo 2020, affermando che ci saranno casi di grave necessità. Che soddisfano i criteri di assoluzione generale, soprattutto nei luoghi più colpiti dalla pandemia e dal contagio.

Il sacerdote ha detto a Radio Vaticana il 10 marzo che la nota è rimasta valida, e la sua guida era destinata a vescovi e sacerdoti “nei luoghi più colpiti dal contagio pandemico e fino a quando il fenomeno non si ritirerà”. Le indicazioni nel documento sono “purtroppo ancora attuali, dove sembra che recentemente ci sia stato un drammatico aumento della (diffusione) del virus”, ha detto.

Le situazioni gravi causate dalla pandemia possono essere considerate casi di “grave necessità”

Il monsignore ha detto che la pandemia significava che la Penitenzieria Apostolica stava tenendo il suo corso annuale di formazione online di una settimana. Quasi 900 sacerdoti e seminaristi vicini all’ordinazione da tutto il mondo hanno preso parte al corso dell’8-12 marzo. Cui temi riguardano l’importanza del foro interno e l’inviolabilità del sigillo sacramentale. “Lo scopo del corso non è formare ‘specialisti del sacro’, sacerdoti concentrati su se stessi” nel formalizzare la loro competenza giuridica e teologica. “Ma ministri di Dio attraverso i quali tutti coloro che si rivolgono a loro nel confessionale possano realmente sperimentare in prima persona. La grandezza della misericordia divina e andare via sentendosi in pace e ancora più certo della misericordia di Dio “, ha detto.

La stazione radio ha chiesto a monsignore l sul significato e l’importanza dell’inviolabilità del sigillo sacramentale della confessione. Ribadito ancora una volta in un documento pubblicato nel 2019. Quel documento era stato scritto alla luce degli sforzi di alcuni stati e paesi per contestare la segretezza del sacramento. In reazione alla crisi degli abusi sessuali clericali della Chiesa cattolica. Visti gli “attacchi diretti e i tentativi di contestarne i principi”, ha detto il monsignore, “è essenziale che i sacerdoti come ministri del sacramento insieme a tutti i fedeli siano ben consapevoli dell’inviolabilità del sigillo sacramentale, cioè di quello speciale segreto che protegge quanto si dice nella confessione ”come indispensabile per la santità del sacramento e per impartire giustizia e carità al penitente.

“Sia chiaro, tuttavia, che se la chiesa non vuole e non può in nessuna circostanza fare un’eccezione a questo obbligo che lega il confessore, non costituisce in alcun modo una sorta di connivenza o copertura del male”, egli disse. “Piuttosto, difendere il sigillo sacramentale e la santità della confessione rappresentano l’unico vero antidoto al male”.

Nave scomparsa nel nulla, continuano le ricerche

Nave scomparsa nel nulla, continuano le ricerche

Vaccini anti-covid donati ai paesi più poveri

Vaccini anti-covid donati ai paesi più poveri

Malika Chalhy cacciata di casa dai genitori

Malika Chalhy cacciata di casa dai genitori

Don Riccardo Ceccobelli il prete innamorato

Don Riccardo Ceccobelli il prete innamorato

Nelle Filippine sono vietati i rosari e immagini sacre in auto

Nelle Filippine sono vietati i rosari e immagini sacre in auto

Rosalia Lombardo rinvenuto il corpo in perfette condizione

Rosalia Lombardo rinvenuto il corpo in perfette condizione

Papa Francesco annuncia una notizia "mai successo prima"

Papa Francesco annuncia una notizia "mai successo prima"