vaticano pandemia

Il Vaticano ricorda ai vescovi le linee guida della Settimana Santa durante la pandemia

Mentre la pandemia COVID-19 si avvicina al suo primo anno intero, la Congregazione vaticana per il culto divino e i sacramenti ha ricordato ai vescovi che le linee guida emanate lo scorso anno per celebrare la Settimana Santa e le liturgie pasquali sarebbero ancora valide quest’anno . I vescovi locali devono ancora decidere il modo migliore per celebrare questa importante settimana dell’anno liturgico in modi che siano fruttuosi e benefici per le persone a loro affidate e che rispettino “la salvaguardia della salute e quanto prescritto dalle autorità responsabili del comune bene “, ha detto la congregazione in una nota pubblicata il 17 febbraio. La congregazione ha ringraziato i vescovi e le conferenze episcopali di tutto il mondo “per aver risposto in modo pastorale a una situazione in rapida evoluzione nel corso dell’anno”. “Siamo consapevoli che le decisioni prese non sono sempre state facili da accettare per i pastori o per i fedeli laici”, si legge nella nota, firmata dal cardinale Robert Sarah, prefetto di congregazione, e dall’arcivescovo Arthur Roche, segretario. “Tuttavia, sappiamo che sono stati presi con l’obiettivo di garantire che i sacri misteri siano celebrati nel modo più efficace possibile per le nostre comunità, nel rispetto del bene comune e della salute pubblica”, ha aggiunto.

Quest’anno, ci sono molti paesi in condizioni di blocco rigoroso, rendendo impossibile per i fedeli essere presenti in chiesa, mentre in altri paesi, “si sta riprendendo un modello di culto più normale”, ha detto. A causa delle tante diverse situazioni, la congregazione ha affermato di voler “offrire alcune semplici linee guida per aiutare i vescovi nel loro compito di giudicare le situazioni concrete e provvedere al benessere spirituale di pastori e fedeli”. La congregazione ha affermato di aver riconosciuto quanto i social media abbiano aiutato i pastori a offrire sostegno e vicinanza alle loro comunità durante la pandemia e tuttavia sono stati osservati anche “aspetti problematici”. Tuttavia, “per la celebrazione della Settimana Santa, si suggerisce di facilitare e favorire la copertura mediatica delle celebrazioni presiedute dal vescovo, incoraggiando i fedeli che non possono frequentare la propria chiesa a seguire le celebrazioni diocesane come segno di unità . ” Aiuti adeguati per le famiglie e alla preghiera personale dovrebbero essere preparati e incoraggiati, ha detto, anche facendo uso di alcune parti della Liturgia delle Ore.

I vescovi, in concomitanza con la loro conferenza episcopale, dovrebbero prestare attenzione ad “alcuni momenti e gesti particolari, in conformità con le esigenze sanitarie”, come citato nella lettera del cardinale Sarah “Torniamo all’Eucaristia con gioia!” pubblicato nell’agosto 2020. In quella lettera si diceva che non appena le circostanze lo consentono, i fedeli devono “riprendere il loro posto in assemblea” e coloro che sono stati “scoraggiati, spaventati, assenti o non coinvolti per troppo tempo” devono essere invitati e incoraggiati a tornare. Tuttavia, la necessaria “attenzione alle norme igieniche e di sicurezza non può portare alla sterilizzazione di gesti e riti, a instillare, anche inconsciamente, paura e insicurezza nei fedeli”, ammonisce il cardinale nella lettera. La nota diffusa il 17 febbraio afferma che il decreto della congregazione emesso per mandato papale nel marzo 2020 con le linee guida per la celebrazione della Settimana Santa era valido anche quest’anno. I suggerimenti nel “Decreto ai tempi del COVID-19” includevano:Un vescovo può decidere di posticipare la celebrazione della Messa del crisma poiché non fa formalmente parte del Triduo, che sono le liturgie della sera del Giovedì Santo, del Venerdì Santo e della Pasqua.

Laddove siano state cancellate messe pubbliche, i vescovi, in accordo con la loro conferenza episcopale, dovrebbero assicurare che le liturgie della Settimana Santa siano celebrate nella cattedrale e nelle chiese parrocchiali. I fedeli dovrebbero essere informati degli orari delle celebrazioni, in modo che possano pregare a casa allo stesso tempo. Le trasmissioni televisive o Internet in diretta – non registrate – sono utili. La congregazione ha anche detto che i vescovi dovrebbero avvisare i fedeli dei tempi per le celebrazioni, in modo che possano pregare a casa allo stesso tempo. Il giovedì santo si celebri la Messa della Cena del Signore in cattedrale e nelle chiese parrocchiali anche in assenza dei fedeli. La lavanda dei piedi, già facoltativa, va omessa quando non sono presenti fedeli e viene omessa anche la tradizionale processione con il Santissimo Sacramento al termine della Messa con l’Eucaristia collocata direttamente nel tabernacolo. Per la celebrazione della Veglia Pasquale senza i fedeli presenti, si diceva, si omette la preparazione e l’accensione del fuoco, ma si accende ancora il cero pasquale e si canta o si recita l’annuncio pasquale “Exsultet”. Le processioni e altre espressioni di pietà popolare tradizionali in tutto il mondo durante la Settimana Santa possono essere trasferite in un’altra data.

Daniela Molinari, la madre accetta di fare il prelievo per salvarle la vita

Daniela Molinari, la madre accetta di fare il prelievo per salvarle la vita

Luana D'Orazio, 23 anni, muore sul posto di lavoro

Luana D'Orazio, 23 anni, muore sul posto di lavoro

San Gennaro, ore 17,18 finalmente il miracolo!

San Gennaro, ore 17,18 finalmente il miracolo!

India ospedale invia le persone a trovare l'ossigeno

India ospedale invia le persone a trovare l'ossigeno

Infermiera malata di tumore, la madre si rifiuta di curarla

Infermiera malata di tumore, la madre si rifiuta di curarla

Nave scomparsa nel nulla, continuano le ricerche

Nave scomparsa nel nulla, continuano le ricerche

Rosalia Lombardo rinvenuto il corpo in perfette condizione

Rosalia Lombardo rinvenuto il corpo in perfette condizione