Il Vaticano si è impegnato a zero emissioni nette entro il 2050, afferma Papa Francesco

Papa Francesco ha sollecitato sabato l’adozione di un “clima di cura” e ha affermato che lo Stato della Città del Vaticano è impegnato a ridurre le sue emissioni nette a zero entro il 2050.

Parlando in un videomessaggio durante il vertice virtuale sull’ambizione per il clima del 12 dicembre, il papa ha affermato che “è giunto il momento di cambiare rotta. Non rubiamo alle nuove generazioni la speranza in un futuro migliore “.

Ha anche detto ai partecipanti al vertice che sia il cambiamento climatico che l’attuale pandemia influenzano in modo sproporzionato le vite dei più poveri e deboli della società.

“In questo modo, fanno appello alla nostra responsabilità di promuovere, con impegno collettivo e solidarietà, una cultura della cura, che metta al centro la dignità umana e il bene comune”, ha affermato.

Oltre all’obiettivo di zero emissioni nette, Francesco ha affermato che il Vaticano è anche impegnato a “intensificare gli sforzi di gestione ambientale, già in corso da alcuni anni, che consentano l’uso razionale delle risorse naturali come acqua ed energia, efficienza energetica, mobilità sostenibile, rimboschimento, e l’economia circolare anche nella gestione dei rifiuti “.

Il vertice sull’ambizione per il clima, tenutosi praticamente il 12 dicembre, è stato ospitato congiuntamente da Nazioni Unite, Regno Unito e Francia, in collaborazione con Cile e Italia.

L’incontro ha segnato cinque anni dall’accordo di Parigi e si è svolto prima della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) che si terrà a Glasgow nel novembre 2021.

Nel suo videomessaggio, Papa Francesco ha affermato che il Vaticano è anche impegnato a promuovere l’educazione all’ecologia integrale.

“Le misure politiche e tecniche devono essere combinate con un processo educativo che favorisca un modello culturale di sviluppo e sostenibilità incentrato sulla fratellanza e sull’alleanza tra esseri umani e ambiente”, ha affermato.

I programmi sostenuti dal Vaticano come il Patto d’istruzione globale e l’Economia di Francesco avevano in mente questa prospettiva, ha aggiunto.

Le ambasciate britannica, francese e italiana presso la Santa Sede hanno organizzato un webinar per l’anniversario dell’Accordo di Parigi sul clima.

In un videomessaggio per il webinar, il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, ha affermato che gli Stati hanno bisogno di “un nuovo modello culturale basato sulla cultura della cura”, invece della “cultura dell’indifferenza, del degrado e dello spreco”.

Questo modello fa leva su tre concetti: coscienza, saggezza e volontà, ha detto Parolin. “Alla COP26 non possiamo perdere l’occasione di rendere manifesto questo momento di cambiamento e di prendere decisioni concrete e urgenti

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Amazon cancella il libro evangelico

Amazon cancella il libro evangelico

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo