Il Vaticano sostiene il vescovo sulla ricezione della Comunione sulla lingua

Il segretario della Congregazione per il culto divino ha scritto a un firmatario il mese scorso respingendo il loro appello contro la decisione del vescovo di Knoxville di vietare temporaneamente la ricezione della Comunione sulla lingua a causa della pandemia di coronavirus.

La congregazione “ha ricevuto e studiato attentamente [la] petizione facendo ricorso contro la decisione del vescovo Richard F. Stika di sospendere la ricezione della Santa Comunione sulla lingua nelle messe pubbliche in tutta la diocesi di Knoxville per tutta la durata dell’emergenza sanitaria pubblica causata dal pandemia di coronavirus “, ha scritto l’arcivescovo Arthur Roche il 13 novembre al firmatario, il cui nome è stato cancellato dalla copia della lettera disponibile al pubblico .

L’Arcivescovo Roche, Segretario della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, ha citato una lettera inviata in agosto dal prefetto della congregazione, il cardinale Robert Sarah, in cui il cardinale ha scritto: “in tempi di difficoltà (ad esempio guerre, pandemie), I Vescovi e le Conferenze Episcopali possono dare norme provvisorie alle quali si deve obbedire … Queste misure date dai Vescovi e dalle Conferenze Episcopali scadono quando la situazione torna alla normalità “.

Roche ha interpretato questa lettera dicendo che le norme provvisorie possono essere “anche chiaramente, come in questo caso, sospendere per qualsiasi tempo potrebbe essere richiesto, la ricezione della Santa Comunione sulla lingua alla celebrazione pubblica della Santa Messa”.

“Questo Dicastero agisce quindi per confermare la decisione di Mons. Stika e quindi respinge la sua petizione chiedendone la modifica”, ha scritto Mons. Roche. Il rifiuto della petizione suggerisce un cambiamento nella politica o nella logica da parte della congregazione.

Nel luglio 2009, durante la pandemia di influenza suina, la congregazione ha risposto a un’analoga inchiesta sul diritto di ricevere la Comunione sulla lingua, ricordando che l’istruzione Redemptionis sacramentum del 2004 “stipula chiaramente” che ogni fedele ha sempre il diritto di ricevere la lingua, e che è illecito negare la Comunione a qualsiasi fedele che non sia impedito dalla legge.

L’istruzione del 2004, emanata su alcune questioni da osservare o da evitare riguardo alla Santissima Eucaristia, osservava che “ogni fedele ha sempre il diritto di ricevere la Santa Comunione sulla lingua, a sua scelta”.

Mons. Stika ha revocato la restrizione alla ricezione della Comunione sulla lingua alla fine di novembre. L’aveva imposto quando ha permesso la ripresa delle messe pubbliche nella diocesi alla fine di maggio.

“La decisione di sospendere la distribuzione della Santa Comunione sulla lingua è stata difficile per me e capisco la preoccupazione che alcuni membri del nostro clero e laici avevano riguardo alle mie azioni”, ha detto il vescovo Stika l’11 dicembre. “Tuttavia, eravamo nelle prime fasi di questa pandemia e affrontare molta incertezza. Sentivo di avere l’autorità per prendere una decisione coscienziosa per la sicurezza di tutti: i laici e il nostro clero. “

A marzo, l’Arcidiocesi di Portland in Oregon ha concluso che il rischio di trasmettere un’infezione quando si riceve sulla lingua o sulla mano è “più o meno uguale”.

Allo stesso modo, la diocesi di Springfield nell’Illinois ha affermato all’inizio di quest’anno che “data la guida esistente della Chiesa su questo punto (vedere Redemptionis Sacramentum , n. 92), e riconoscendo i diversi giudizi e sensibilità degli esperti coinvolti, riteniamo che, con il ulteriori precauzioni elencate qui, è possibile distribuirle sulla lingua senza rischi irragionevoli “.

Le precauzioni raccomandate in questo momento dalla diocesi di Springfield sono: una stazione separata per la distribuzione sulla lingua o la distribuzione sulla lingua che segue nella mano, e che il ministro igienizzi le sue mani dopo ogni comunicante

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Amazon cancella il libro evangelico

Amazon cancella il libro evangelico

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo