vescovo colombiano

Il vescovo spruzza acqua santa dal camion dei pompieri per “purificare” la città colombiana

Il vescovo di una città colombiana che soffre di un picco mortale nella violenza della droga è salito a bordo di un camion dei pompieri per spruzzare acqua santa nella via principale della città e aiutare a “purificarla” dal male. Il vescovo Rubén Jaramillo Montoya ha eseguito il gesto il 10 febbraio durante una protesta contro la violenza a Buenaventura, una città di circa mezzo milione di persone sulla costa del Pacifico della Colombia. Durante l’evento, migliaia di residenti locali, vestiti di bianco e con maschere per il viso, hanno formato anche una catena umana lunga 12 miglia che ha attraversato la maggior parte della città. “Questo è un modo per riconoscere che c’è il male in questa città, ma che vogliamo che se ne vada”, ha detto Jaramillo. “Stiamo anche implorando le persone nelle bande di lasciare le loro armi”. Buenaventura è il porto principale della Colombia sull’Oceano Pacifico. Si trova su una grande insenatura circondata da una fitta giungla e da dozzine di piccoli fiumi che si riversano nel mare.

Questa posizione geografica ha a lungo reso la città e i suoi dintorni un luogo ambito per i trafficanti di droga, che spediscono cocaina in America Centrale e negli Stati Uniti. I combattimenti tra bande sono aumentati a gennaio quando nuovi giocatori come i guerriglieri dell’Esercito di Liberazione Nazionale e i cartelli della droga messicani cercano di prendere piede nell’area. Secondo l’Ufficio di Washington per l’America Latina, un gruppo per i diritti umani, l’aumento della violenza ha raddoppiato il tasso di omicidi della città a gennaio e ha costretto 400 persone a lasciare le loro case. Nel tentativo di fare pressione sul governo colombiano perché rispondesse in modo più efficace alla situazione, a febbraio i residenti di Buenaventura hanno organizzato proteste, sostenuti dalla diocesi. “Abbiamo bisogno che il governo elabori una solida strategia per investire in questa città”, ha detto Leonard Renteria, un leader giovanile che ha partecipato alla protesta del 10 febbraio. “Abbiamo bisogno di programmi che generino opportunità di lavoro per i giovani, sostengano coloro che vogliono aprire la loro attività e abbiamo anche bisogno di maggiori finanziamenti per la cultura, l’istruzione e lo sport”. Mentre le strutture portuali di Buenaventura generano milioni di dollari di entrate ogni anno per il governo della Colombia e gestiscono un terzo delle importazioni del paese, la città, la cui popolazione è per lo più nera, si trova in una situazione precaria. Secondo un sondaggio condotto dal governo della Colombia nel 2017, il 66% dei residenti di Buenaventura vive in povertà e il 90% lavora nell’economia informale. Le infrastrutture locali sono povere, con il 25% delle persone ancora prive di fognature. Alcuni di loro vivono in case di legno costruite su palafitte lungo fiumi e torrenti. Jaramillo ha affermato che la situazione socioeconomica rende più facile per le bande reclutare giovani e governare le parti più povere della città.

Ha detto che il recente picco di violenza lo ha costretto a spostare le messe delle 19:00 alle 17:00 perché le persone hanno paura di essere fuori quando è buio. Le gang inviano messaggi WhatsApp dicendo alle persone di rimanere a casa dopo il tramonto o di affrontare conseguenze disastrose. La situazione della sicurezza ha colpito anche un progetto gestito dalla diocesi, che sta cercando di costruire case per 40 famiglie povere. “Abbiamo avuto operai che abbandonano i cantieri perché ricevono minacce”, ha spiegato Jaramillo. “In alcuni quartieri, ci è stato anche chiesto di pagare delle bande se vogliamo continuare a costruire”. Per Jaramillo, la soluzione ai problemi di Buenaventura parte dall’arginare la corruzione, in modo che i fondi destinati alla città siano ben utilizzati. Ma ha anche detto che i membri della gang devono prendere decisioni che li porteranno su un’altra strada. Ecco perché pensa che gesti simbolici come spruzzare acqua santa da un camion dei pompieri o organizzare catene umane siano importanti. “Dobbiamo mostrare alle persone violente che rifiutiamo le loro decisioni”, ha detto Jaramillo. “Non vogliamo più decisioni che portino alla violenza”.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo