Impariamo da Gesù come pregare, ecco quando Cristo si rivolgeva al Padre

Gesù, per noi Cristiani, è il modello della preghiera. Non solo tutta la sua vita terrena è stata permeata di preghiera ma pregava ad intervalli specifici durante la giornata.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica rileva il duplice mistero della preghiera di Gesù, formata dalla sua educazione umana e in quanto figlio di Dio.

“Il Figlio di Dio diventato Figlio della Vergine ha anche imparato a pregare secondo il suo cuore d’uomo. Egli apprende le formule di preghiera da sua Madre, che serbava e meditava nel suo cuore tutte le « grandi cose » fatte dall’Onnipotente.51 Egli prega nelle parole e nei ritmi di preghiera del suo popolo, nella sinagoga di Nazaret e al Tempio. Ma la sua preghiera sgorga da una sorgente ben più segreta, come lascia presagire già all’età di dodici anni: « Io devo occuparmi delle cose del Padre mio » (Lc 2,49). Qui comincia a rivelarsi la novità della preghiera nella pienezza dei tempi: la preghiera filiale, che il Padre aspettava dai suoi figli, viene finalmente vissuta dallo stesso Figlio unigenito nella sua umanità, con gli uomini e per gli uomini”. (CCC 2599).

“Tutta la sua vita è una preghiera perché è in costante comunione d’amore con il Padre”. (Compendio 542).

Con questo in mente, possiamo imparare da Gesù come pregare.

Prima di tutto, come spiega il Catechismo, Gesù ha pregato nella sinagoga e nel Tempio. Ciò corrisponde a un’antica pratica ebraica di pregare almeno tre volte al giorno.

“Al tramonto, all’alba e a mezzogiorno, Mi affliggerò e mi lamenterò, e la mia preghiera sarà ascoltata”. (Salmo 55:18)

Gesù aveva sicuramente familiarità con questa usanza. Inoltre, Gesù si trovava spesso a pregare prima di un evento o di una decisione importante.

Il Vangelo secondo san Luca sottolinea l’azione dello Spirito Santo e il senso della preghiera nel ministero di Cristo. Gesù prega prima dei momenti decisivi della sua missione: prima che il Padre gli renda testimonianza, al momento del suo battesimo52 e della trasfigurazione,53 e prima di realizzare, mediante la sua passione, il disegno di amore del Padre.54 Egli prega anche prima dei momenti decisivi che danno inizio alla missione dei suoi Apostoli: prima di scegliere e chiamare i Dodici,55 prima che Pietro lo confessi come « il Cristo di Dio »56 e affinché la fede del capo degli Apostoli non venga meno nella tentazione. 57 La preghiera di Gesù prima delle azioni salvifiche che il Padre gli chiede di compiere, è un’adesione umile e fiduciosa della sua volontà umana alla volontà piena d’amore del Padre (CCC 2600).

La preghiera notturna era una delle preferite di Gesù, come si può vedere in tutti i Vangeli: “Gesù spesso si allontana per pregare in solitudine, su una montagna, preferibilmente di notte” (CCC 2602).

Oltre a cercare di incorporare la preghiera nel nostro “essere”, dovremmo prima cercare di pregare a intervalli specifici durante il giorno, imitando Gesù e il suo ritmo deliberato di preghiera.

Come pregare per chiedere protezione alla Beata Vergine Maria

Come pregare per chiedere protezione alla Beata Vergine Maria

Come pregare Santa Rita per chiedere una Grazia

Come pregare Santa Rita per chiedere una Grazia

Giusto lasciare la Messa dopo avere ricevuto la Santa Comunione?

Giusto lasciare la Messa dopo avere ricevuto la Santa Comunione?

Come pregare Santa Rita per chiedere una guarigione

Come pregare Santa Rita per chiedere una guarigione

10 brevi e potenti preghiere da recitare in ogni momento del giorno

10 brevi e potenti preghiere da recitare in ogni momento del giorno

Come pregare Dio per cercare un lavoro

Come pregare Dio per cercare un lavoro

4 motivi perché è importante recitare il Rosario ogni giorno

4 motivi perché è importante recitare il Rosario ogni giorno