In che modo il sangue di Gesù ci salva?

Cosa simboleggia il sangue di Gesù? In che modo ci salva dall’ira di Dio?

Il sangue di Gesù, che simboleggia il suo completo e perfetto sacrificio per i nostri peccati, è uno dei principali punti focali della Bibbia. Il suo ruolo centrale nel piano di Dio per redimere gli umani fu predetto nel Giardino dell’Eden e rappresenta la prima profezia registrata delle Scritture (Genesi 3:15).

Perché si fa riferimento al sangue in relazione alla morte di Gesù? Il motivo principale per cui è usato è che rende possibile una vita basata sulla carne (Genesi 9: 4, Levitico 17:11, 14, Deuteronomio 12:23).

Era assolutamente necessario che un membro della Divinità diventasse umano, vivesse una vita perfetta nonostante le tentazioni di peccare, quindi offrisse il loro sangue (la loro vita) come pagamento per tutti i peccati (Ebrei 2:17, 4:15, vedi anche il nostro articolo sul perché Dio è dovuto morire ).

Lo spargimento del sangue di Gesù rappresenta la massima espressione dell’amore perfetto che la Divinità possa mai offrire. È una testimonianza vivente della volontà di Dio di fare tutto il necessario per rendere possibile una relazione eterna con noi.

È interessante notare che l’atto finale che mise fine alla vita di Gesù fu una lancia, una spinta al suo fianco, che gli fece perdere il sangue come completo compimento dell’agnello pasquale (Giovanni 1:29, 1 Corinzi 5 : 7, Matteo 27:49, HBFV).

Ai veri cristiani è comandato di commemorare, ogni anno, la morte di Gesù prendendo parte a due semplici simboli del suo sacrificio. Il servizio di Pasqua cristiana , celebrato una volta all’anno, viene continuato usando pane azzimo e vino che rappresenta la sua vita che ha offerto volontariamente per il nostro bene (Luca 22:15 – 20, 1 Corinzi 10:16 – 17, 1 Corinzi 11:23 – 34).

La Bibbia afferma che attraverso il sangue di Gesù siamo perdonati e redenti dai nostri peccati (Efesini 1: 7). Il suo sacrificio ci riconcilia con Dio e porta la pace tra di noi (Efesini 2:13, Colossesi 1:20). Ci dà accesso diretto al nostro Padre celeste senza la necessità di un mediatore o sacerdote umano (Ebrei 10:19).

Il sangue del Signore ci permette di essere liberati da una vita dedicata al peccato che porta all’inutilità (1Pietro 1:18 – 19). Rende possibile l’eliminazione delle nostre coscienze dalla colpa dei peccati passati in modo che tutto il nostro cuore possa dedicarsi alla giustizia (Ebrei 9:14).

In che modo il sangue di Gesù ci salva dall’ira di Dio? Agisce come copertura di tutti i nostri peccati in modo che Dio non li veda ma invece veda la giustizia di Suo Figlio. Paolo afferma: “Molto di più, quindi, essendo stato giustificato ora dal Suo sangue, saremo salvati dall’ira per mezzo di Lui” (Romani 5: 9, HBFV). Poiché ora Gesù vive come nostro costante avvocato (1 Giovanni 2: 1) e sommo sacerdote in cielo, le nostre vite sono salvate e vivremo (Romani 5:10).

Quali sono gli eterni benefici del sangue di Gesù? Il suo sacrificio rende disponibile lo Spirito Santo di Dio a coloro che si pentono. Coloro che hanno lo spirito sono veri cristiani che il Padre considera suoi figli e figlie spirituali (Giovanni 1:12, Romani 8:16, ecc.).

Alla sua seconda venuta Gesù tornerà sulla terra, in un abito immerso nel sangue (Apocalisse 19:13), e supererà i poteri del male. Resusciterà tutti quelli che sono stati fedeli e darà loro nuovi corpi spirituali. Riceveranno anche una vita senza fine (Luca 20:34 – 36, 1 Corinzi 15:52 – 55, 1Gv 5:11). Le buone opere che eseguiranno saranno premiate (Matteo 6: 1, 16:27, Luca 6:35).

Articoli correlati