In Nigeria, una suora si prende cura dei bambini abbandonati etichettati come streghe

Tre anni dopo aver accolto Inimffon Uwamobong, di 2 anni, e suo fratello minore, la sorella Matylda Iyang ha finalmente sentito la madre che li aveva abbandonati.

“La loro madre è tornata e mi ha detto che lei (Inimffon) e suo fratello minore sono streghe, chiedendomi di buttarli fuori dal convento”, ha detto Iyang, che sovrintende alla casa dei bambini di Madre Charles Walker presso le ancelle del Santo Bambino Gesù convento.

Una simile accusa non è nuova per Iyang.

Dall’apertura della casa nel 2007, Iyang si è presa cura di decine di bambini malnutriti e senzatetto delle strade di Uyo; molti di loro avevano una famiglia che credeva di essere streghe.

I fratelli Uwamobong sono guariti e sono stati in grado di iscriversi a scuola, ma Iyang e altri fornitori di servizi sociali devono far fronte a bisogni simili.

L’assistenza sanitaria e gli assistenti sociali affermano che genitori, tutori e leader religiosi bollano i bambini come streghe per diversi motivi. Secondo l’UNICEF e Human Rights Watch, i bambini soggetti a tali accuse sono spesso maltrattati, abbandonati, trafficati o addirittura assassinati.

In tutta l’Africa, una strega è culturalmente considerata l’epitome del male e la causa della sfortuna, della malattia e della morte. Di conseguenza, la strega è la persona più odiata nella società africana e soggetta a punizione, tortura e persino morte.

Ci sono state segnalazioni di bambini – etichettati come streghe – che hanno avuto chiodi conficcati in testa e sono stati costretti a bere cemento, incendiati, sfregiati dall’acido, avvelenati e persino sepolti vivi.

In Nigeria, alcuni pastori cristiani hanno incorporato le credenze africane sulla stregoneria nel loro marchio di cristianesimo, provocando una campagna di violenza contro i giovani in alcune località.

I residenti dello stato Akwa Ibom – compresi i membri dei gruppi etnici Ibibio, Annang e Oro – credono nell’esistenza religiosa di spiriti e streghe.

Padre Dominic Akpankpa, direttore esecutivo dell’Istituto cattolico di giustizia e pace nella diocesi di Uyo, ha detto che l’esistenza della stregoneria è un fenomeno metafisico da parte di coloro che non sanno nulla di teologia.

“Se affermi che qualcuno è una strega, dovresti dimostrarlo”, ha detto. Ha aggiunto che la maggior parte di coloro che sono accusati di essere streghe potrebbero soffrire di complicazioni psicologiche e “è nostro dovere aiutare queste persone con la consulenza a uscire da quella situazione”.

La profilazione delle streghe e l’abbandono dei bambini sono comuni nelle strade di Akwa Ibom.

Se un uomo si risposa, ha detto Iyang, la nuova moglie potrebbe essere intollerante nei confronti dell’atteggiamento del bambino dopo essere stato sposato con il vedovo e, come tale, getterà il bambino fuori di casa.

“Per raggiungere questo obiettivo, lo accuserebbe di essere una strega”, ha detto Iyang. “Ecco perché troverai molti bambini per strada e quando chiedi loro, diranno che è la loro matrigna che li ha cacciati di casa.”

Ha detto che anche la povertà e le gravidanze adolescenziali possono costringere i bambini a scendere in strada.

Il codice penale della Nigeria vieta di accusare, o addirittura minacciare di accusare, qualcuno di essere una strega. Il Child Rights Act del 2003 rende reato sottoporre qualsiasi bambino a torture fisiche o emotive o sottoporlo a trattamenti inumani o degradanti.

I funzionari di Akwa Ibom hanno incorporato il Child Rights Act nel tentativo di ridurre gli abusi sui minori. Inoltre, lo stato ha adottato una legge nel 2008 che rende la profilazione delle streghe punibile con una pena detentiva fino a 10 anni.

Akpankpa ha detto che criminalizzare le ingiustizie nei confronti dei bambini è stato un passo nella giusta direzione.

“Molti bambini sono stati etichettati come streghe e vittime. Avevamo fabbriche di bambini dove vengono tenute le giovani donne; partoriscono ei loro bambini vengono presi e venduti per guadagni monetari ”, ha detto il sacerdote a CNS .

“La tratta di esseri umani è stata molto allarmante. Sono state scoperte molte fabbriche di bambini, e i bambini e le loro madri sono stati salvati mentre i colpevoli venivano assicurati alla giustizia “, ha aggiunto.

Alla Mother Charles Walker Children Home, dove la maggior parte dei bambini viene accolta e mandata a scuola con una borsa di studio, Iyang dimostra l’impegno della Chiesa cattolica a proteggere i diritti dei bambini. Ha detto che la maggior parte dei giovani malnutriti che l’ordine riceve sono quelli che hanno perso la madre durante il parto “e le loro famiglie li portano da noi per la cura”.

Per la ricerca dei contatti e il ricongiungimento, Iyang ha formato una partnership con Akwa Ibom State Ministry of Women Affairs and Social Welfare. Il processo inizia con la verifica dei genitori raccogliendo informazioni su ogni bambino e sulla sua posizione prima della separazione. Con le informazioni in mano, un investigatore si reca nel villaggio natale del bambino per verificare quanto appreso.

Il processo coinvolge capi di comunità, anziani e leader religiosi e tradizionali per garantire che ogni bambino sia adeguatamente integrato e accettato nella comunità. Quando ciò fallisce, un bambino verrà inserito nel protocollo di adozione sotto la supervisione del governo.

Dall’apertura della Mother Charles Walker Children Home nel 2007, Iyang e il personale si sono presi cura di circa 120 bambini. Circa 74 si sono riuniti alle loro famiglie, ha detto.

“Ora ne abbiamo 46 rimasti con noi”, ha detto, “sperando che le loro famiglie un giorno li vengano a prendere o avranno genitori adottivi”.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo