Incontrare il papa “il miglior regalo di compleanno di sempre”, dice il padre dei bambini rifugiati annegati

Abdullah Kurdi, il padre del giovane rifugiato morto cinque anni fa ha risvegliato il mondo alla realtà della crisi migratoria, ha definito il suo recente incontro con Papa Francesco il miglior regalo di compleanno che abbia mai ricevuto.

Kurdi ha incontrato papa Francesco il 7 marzo dopo che il papa ha celebrato la messa a Erbil nell’ultimo giorno intero della sua storica visita in Iraq dal 5 all’8 marzo.

Parlando con Crux , Kurdi ha detto che quando ha ricevuto una chiamata appena due settimane fa dalle forze di sicurezza curde che gli dicevano che il papa voleva incontrarlo mentre era a Erbil, “non potevo crederci”.

“Ancora non ci credevo fino a quando questo non è realmente accaduto”, ha detto, aggiungendo: “Era come un sogno che si avvera ed è stato il mio miglior regalo di compleanno di sempre”, poiché l’incontro è avvenuto un giorno prima del compleanno di Kurdi, l’8 marzo.

Kurdi e la sua famiglia hanno fatto notizia a livello mondiale nel 2015 quando la loro barca si è capovolta mentre attraversava il Mar Egeo dalla Turchia alla Grecia nel tentativo di raggiungere l’Europa.

Originari della Siria, Kurdi, sua moglie Rehanna ei suoi figli Ghalib, 4 anni, e Alan, 2 anni, erano fuggiti a causa della guerra civile in corso nel paese e vivevano come rifugiati in Turchia.

Dopo diversi tentativi di sponsorizzare la famiglia da parte della sorella di Abdullah Tima, che vive in Canada, falliti, Abdullah nel 2015, quando la crisi migratoria era al culmine, ha deciso di portare la sua famiglia in Europa dopo che la Germania si era impegnata ad accogliere un milione di rifugiati.

Nel settembre dello stesso anno, Abdullah con l’aiuto di Tima si assicurò quattro posti per sé e la sua famiglia su una barca in viaggio da Bodrum, in Turchia, all’isola greca di Kos. Tuttavia, poco dopo essere salpata, la barca – che poteva ospitare solo otto persone ma ne trasportava 16 – si è capovolta e, mentre Abdullah è riuscito a mettersi in salvo, la sua famiglia ha incontrato un destino diverso.

La mattina dopo, l’immagine del corpo senza vita di suo figlio Alan, portata sulle rive della Turchia, è esplosa sui media internazionali e sulle piattaforme social dopo essere stata catturata dal fotografo turco Nilüfer Demir.

Il piccolo Alan Kurdi da allora è diventato un’icona globale che simboleggia i rischi che i rifugiati spesso affrontano nella loro ricerca di una vita migliore. Nell’ottobre 2017, due anni dopo l’incidente, Papa Francesco – un sostenitore vocale a favore di migranti e rifugiati – ha donato una scultura di Alan alla sede a Roma dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

Dopo l’incidente, a Kurdi è stata offerta una casa a Erbil, dove ha vissuto da allora.

Kurdi, che da tempo sognava di incontrare il papa per ringraziarlo per la sua difesa a favore di migranti e rifugiati e per onorare il suo defunto figlio, ha detto che riusciva a malapena a parlare per la settimana che ha preceduto l’incontro emotivo, che ha definito un “miracolo”. , “Il cui significato” Non so come dirtelo a parole “.

“Nel momento in cui ho visto il papa, gli ho baciato la mano e gli ho detto che era un onore incontrarlo e ringraziarti per la tua gentilezza e compassione verso la tragedia della mia famiglia e verso tutti i rifugiati”, ha detto Kurdi, sottolineando che c’erano altre persone in attesa di salutare il papa dopo la sua messa a Erbil, ma gli è stato concesso più tempo con il pontefice.

“Quando ho baciato le mani del papa, il papa stava pregando e ha alzato le mani al cielo e mi ha detto che la mia famiglia è in cielo e riposa in pace”, ha detto Kurdi, ricordando come in quel momento i suoi occhi iniziarono a riempirsi di lacrime.

“Volevo piangere”, ha detto Kurdi, “ma ho detto, ‘tratteniti’, perché non volevo che (il papa) si sentisse triste”.

Kurdi ha poi regalato al papa un dipinto di suo figlio Alan sulla spiaggia “così il papa può ricordare alla gente quell’immagine per aiutare le persone che soffrono, in modo che non dimentichino”, ha detto.

Il dipinto è stato realizzato da un artista locale a Erbil che Kurdi conosceva. Secondo Kurdi, non appena ha scoperto che avrebbe incontrato il papa, ha chiamato l’artista e gli ha chiesto di dipingere il quadro “come un altro promemoria per le persone in modo che possano aiutare i rifugiati sofferenti”, in particolare i bambini.

“Nel 2015, l’immagine di mio figlio era il campanello d’allarme per il mondo, e ha toccato il cuore di milioni di persone e le ha ispirate ad aiutare i rifugiati”, ha detto Kurdi, sottolineando che quasi sei anni dopo, la crisi non è finita, e milioni di persone vivono ancora come rifugiati, spesso in condizioni inimmaginabili.

“Spero che questa immagine sia di nuovo un promemoria in modo che le persone possano aiutare (alleviare) le sofferenze umane”, ha detto.

Dopo la morte della sua famiglia, Kurdi e sua sorella Tima hanno lanciato la Alan Kurdi Foundation, una ONG che sostiene specificamente i bambini rifugiati, fornendo loro cibo, vestiti e materiale scolastico. Sebbene la fondazione sia rimasta inattiva durante la pandemia di coronavirus, sperano di riprendere presto le attività.

Lo stesso Kurdi si è risposato e ha un altro figlio, che ha anche chiamato Alan, che compirà un anno ad aprile.

Kurdi ha detto di aver preso la decisione di chiamare il suo ultimo figlio Alan perché nella cultura mediorientale, una volta che un uomo diventa padre, non viene più chiamato con il suo nome ma viene indicato come “Abu” o “il padre del” loro primo bambino.

Dal tragico incidente del 2015, le persone hanno iniziato a riferirsi a Kurdi come “Abu Alan”, quindi quando è nato il suo nuovo figlio, ha deciso di chiamare il ragazzo come suo fratello maggiore.

Per Kurdi, l’opportunità di incontrare Papa Francesco non solo ha avuto un significato personale monumentale, ma spera che possa essere un promemoria per il mondo che mentre la crisi migratoria non fa più notizia come una volta, “la sofferenza umana continua”.

Papa emerito Benedetto XVI rompe il silenzio, dura critica

Papa emerito Benedetto XVI rompe il silenzio, dura critica

Vuole accogliere Gesù nel suo cuore ma il marito la caccia di casa

Vuole accogliere Gesù nel suo cuore ma il marito la caccia di casa

Palla di fuoco illumina il cielo della Norvegia (VIDEO)

Palla di fuoco illumina il cielo della Norvegia (VIDEO)

Papa Francesco: "I nonni e gli anziani non sono avanzi di vita"

Papa Francesco: "I nonni e gli anziani non sono avanzi di vita"

Guarisce dal Covid ed esce dall'ospedale con un'immagine della Madonna

Guarisce dal Covid ed esce dall'ospedale con un'immagine della Madonna

Servirà il Green Pass anche per entrare in Chiesa?

Servirà il Green Pass anche per entrare in Chiesa?

Messe antiche, Papa Francesco cambia tutto, "non si potrà più fare"

Messe antiche, Papa Francesco cambia tutto, "non si potrà più fare"