La Bibbia insegna qualcosa che riguarda l’uso di Facebook?

La Bibbia insegna qualcosa che riguarda l’uso di Facebook? Come dovremmo usare i siti di social media?

La Bibbia non dice nulla direttamente su Facebook. Le Scritture furono finalizzate più di 1.900 anni prima che questo sito di social media prendesse vita su Internet. Ciò che possiamo fare, tuttavia, è esaminare come i principi trovati nelle Scritture possano essere applicati ai siti Web dei social media.

I computer consentono alle persone di creare pettegolezzi più velocemente che mai. Una volta creati, siti come Facebook rendono facile per i pettegolezzi (e per coloro che lo usano per scopi più nobili) raggiungere un vasto pubblico. Il pubblico può essere non solo i tuoi amici o anche quelli che vivono vicino a te, ma il mondo intero! Le persone possono dire quasi tutto online e cavarsela, soprattutto quando lo fanno in modo anonimo. Romani 1 elenca i “backbiter” come una categoria di peccatori per evitare di diventare (Romani 1:29 – 30).

Il pettegolezzo può essere una vera informazione che attacca altre persone. Non deve essere falso o mezzo vero. Dobbiamo essere cauti nel dire bugie, voci o mezze verità fuori contesto su altri quando pubblichiamo online. Dio è chiaro su ciò che pensa di pettegolezzi e menzogne. Ci avverte di non essere un talebearer per gli altri, che è ovviamente una tentazione su Facebook e altre piattaforme di social media (Levitico 19:16, Salmo 50:20, Proverbi 11:13 e 20:19)

Un altro problema con i social media come Facebook è che può diventare avvincente e incoraggiare a passare troppo tempo sul sito stesso. Tali siti possono essere una perdita di tempo quando la propria vita dovrebbe essere spesa in altre attività, come la preghiera, lo studio della parola di Dio e così via.

Dopotutto, se qualcuno dice “Non ho tempo di pregare o studiare la Bibbia”, ma trova un’ora ogni giorno per visitare Twitter, Facebook e così via, le priorità di quella persona sono distorte. L’uso dei siti social a volte può essere utile o addirittura positivo, ma passare molto tempo su di essi può essere sbagliato.

C’è un terzo problema, sebbene sottile, che i siti social possono alimentare. Possono incoraggiare l’interazione con gli altri principalmente o esclusivamente attraverso mezzi elettronici piuttosto che con il contatto diretto. Le nostre relazioni possono diventare superficiali se interagiamo principalmente con persone online e non di persona.

C’è un testo biblico che potrebbe riguardare direttamente Internet e forse anche Twitter, Facebook e altri: “Ma tu, Daniel, chiudi le parole e sigilla il libro fino al momento della fine; molti correranno avanti e indietro e la conoscenza aumenterà “(Daniele 12: 4).

Il versetto sopra in Daniel può avere un duplice significato. Potrebbe riferirsi alla conoscenza della parola santa di Dio che aumenta e diventa più chiara nel corso degli anni. Tuttavia, potrebbe anche riferirsi alla conoscenza umana in generale che aumenta rapidamente, un ritmo reso possibile dalla rivoluzione informatica. Inoltre, poiché ora disponiamo di mezzi di trasporto relativamente economici come automobili e aerei, le persone corrono letteralmente avanti e indietro in tutto il mondo.

Molte innovazioni tecnologiche diventano buone o cattive a seconda di come vengono utilizzate, non perché esistono da sole. Anche una pistola può fare del bene, come quando viene usata per la caccia, ma è male quando viene usata per uccidere qualcuno.

Sebbene la Bibbia non affronti in modo specifico come usare Facebook (o molte delle cose che usiamo o incontriamo oggi), i suoi principi possono ancora essere applicati per guidarci su come dovremmo vedere e usare tali invenzioni moderne.

Articoli correlati