La chiesa di Roma dove venerare il teschio di San Valentino

Quando la maggior parte delle persone pensa all’amore romantico, probabilmente non viene in mente un teschio del terzo secolo coronato di fiori, né la storia dietro di esso. Ma una visita a una basilica bizantina senza pretese a Roma potrebbe cambiare la situazione. “Una delle reliquie più importanti che troverete in questa basilica è quella di San Valentino”, ha affermato il rettore della chiesa. Conosciuto come il santo patrono delle coppie per la sua difesa del matrimonio cristiano, San Valentino è stato martirizzato per decapitazione il 14 febbraio. Egli è anche l’ispirazione dietro la celebrazione moderna del giorno di San Valentino. E il suo teschio può essere venerato nella basilica minore di Santa Maria in Cosmedin vicino al Circo Massimo a Roma.

La costruzione di Santa Maria in Cosmedin iniziò nell’VIII secolo, nel centro della comunità greca di Roma. La basilica fu costruita sulle rovine di un antico tempio romano. Oggi, nel suo portico anteriore, i turisti si mettono in fila per infilare la mano all’interno della bocca spalancata della maschera di marmo resa famosa da una scena tra Audrey Hepburn e Gregory Peck nel film del 1953 “Vacanze romane”. Alla ricerca di un servizio fotografico, la maggior parte dei turisti non sa che a pochi metri dalla “Bocca della Verità” si trova il teschio del santo dell’amore. Ma la reputazione di San Valentino come patrono delle coppie non fu conquistata facilmente. Noto per essere stato un sacerdote o un vescovo, visse durante uno dei periodi più difficili della persecuzione cristiana nella Chiesa primitiva.

Secondo la maggior parte dei resoconti, dopo un periodo di prigionia, fu picchiato e poi decapitato, probabilmente per la sua sfida al divieto dell’imperatore di sposare i soldati romani. “St. Valentino era un santo scomodo per loro ”, p. Abboud ha detto, “perché credeva che la vita familiare desse sostegno a una persona”. “Ha continuato ad amministrare il sacramento del matrimonio”. Le reliquie di San Valentino sarebbero state scoperte durante uno scavo a Roma all’inizio del 1800, anche se non è chiaro esattamente come il suo teschio sia venuto a trovarsi nella chiesa bizantina dove si trova oggi. Nel 1964 Papa Paolo VI affidò Santa Maria in Cosmedin alle cure del patriarca della Chiesa greco-cattolica melchita, che fa parte del rito bizantino. La basilica divenne la sede del rappresentante della Chiesa greca melchita presso il papa, ruolo ora ricoperto da Abboud, che ogni domenica offre la Divina Liturgia per la comunità.

Dopo la Divina Liturgia, pronunciata in italiano, greco e arabo, ad Abboud piace pregare davanti alle reliquie di San Valentino. Il sacerdote ha ricordato una storia di San Valentino, in cui si dice che quando il santo era in prigione, la guardia incaricata gli chiese di pregare per la guarigione di sua figlia, che era cieca. Con le preghiere di San Valentino, la figlia ha riacquistato la vista. “Diciamo che l’amore è cieco – no! L’amore vede e vede bene “, ha detto Abboud. “Non vede come vogliamo vedere noi, perché quando uno è attratto da un’altra persona vede qualcosa che nessun altro è in grado di vedere.” Abboud ha chiesto alle persone di pregare per il rafforzamento del sacramento del matrimonio nella società. “Chiediamo L’intercessione di San Valentino, che possiamo davvero vivere momenti di amore, di essere innamorati e di vivere la nostra fede e i sacramenti, e vivere veramente con una fede profonda e forte “, ha detto.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID