La congregazione liturgica vaticana sottolinea l’importanza della domenica della Parola di Dio

La congregazione liturgica vaticana ha pubblicato sabato una nota incoraggiando le parrocchie cattoliche di tutto il mondo a celebrare la domenica della Parola di Dio con nuovo vigore.

Nella nota pubblicata il 19 dicembre, la Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti ha suggerito i modi in cui i cattolici dovrebbero prepararsi per la giornata dedicata alla Bibbia.

Papa Francesco ha istituito la Domenica della Parola di Dio con la lettera apostolica “ Aperuit illis ” il 30 settembre 2019, 1.600 ° anniversario della morte di San Girolamo.

“Lo scopo di questa Nota è aiutare a risvegliare, alla luce della Domenica della Parola di Dio, la consapevolezza dell’importanza della Sacra Scrittura per la nostra vita di credenti, a partire dalla sua risonanza nella liturgia che ci pone nel vivere e dialogo permanente con Dio ”, afferma il testo datato 17 dicembre e firmato dal prefetto della congregazione, il cardinale Robert Sarah, e dal segretario, l’arcivescovo Arthur Roche.

L’osservanza annuale si svolge la terza domenica del tempo ordinario, che cade il 26 gennaio di quest’anno e sarà celebrata il 24 gennaio del prossimo anno.

La congregazione ha detto: “Un giorno dedicato alla Bibbia non dovrebbe essere visto come un evento annuale, ma piuttosto un evento della durata di un anno, poiché abbiamo urgente bisogno di crescere nella nostra conoscenza e amore delle Scritture e del Signore risorto, che continua a pronunciare la sua parola e spezzare il pane nella comunità dei credenti “.

Il documento elencava 10 linee guida per segnare la giornata. Ha incoraggiato le parrocchie a considerare una processione d’ingresso con il Libro dei Vangeli “o semplicemente mettendo il Libro dei Vangeli sull’altare”.

Consigliava loro di seguire le letture indicate “senza sostituirle o rimuoverle, e usando solo versioni della Bibbia approvate per uso liturgico”, mentre raccomandava il canto del Salmo responsoriale.

La congregazione ha esortato vescovi, sacerdoti e diaconi ad aiutare le persone a comprendere la Sacra Scrittura attraverso le loro omelie. Ha anche evidenziato l’importanza di lasciare spazio al silenzio, che “favorendo la meditazione, permette che la parola di Dio sia ricevuta interiormente da chi ascolta”.

Diceva: “La Chiesa ha sempre prestato particolare attenzione a coloro che annunciano la parola di Dio nell’assemblea: sacerdoti, diaconi e lettori. Questo ministero richiede una specifica preparazione interiore ed esteriore, familiarità con il testo da proclamare e la necessaria pratica nel modo di proclamarlo chiaramente, evitando ogni improvvisazione. È possibile far precedere le letture con introduzioni appropriate e brevi. “

La congregazione ha anche sottolineato l’importanza dell’ambone, lo stand dove la Parola di Dio viene proclamata nelle chiese cattoliche.

“Non è un mobile funzionale, ma un luogo che è in armonia con la dignità della parola di Dio, in corrispondenza dell’altare”, ha detto.

“L’ambone è riservato alle letture, al canto del Salmo responsoriale e all’annuncio pasquale (Exsultet); da essa si possono esprimere l’omelia e le intenzioni della preghiera universale, mentre è meno appropriato usarla per commenti, annunci o per dirigere il canto “.

Il dipartimento del Vaticano ha esortato le parrocchie a utilizzare libri liturgici di alta qualità e trattarli con cura.

“Non è mai appropriato ricorrere a volantini, fotocopie e altri sussidi pastorali in sostituzione dei libri liturgici”, ha detto.

La Congregazione ha convocato “incontri di formazione” nei giorni precedenti o successivi alla domenica della Parola di Dio per sottolineare l’importanza della Sacra Scrittura nelle celebrazioni liturgiche.

“La Domenica della Parola di Dio è anche l’occasione propizia per approfondire il legame tra la Sacra Scrittura e la Liturgia delle Ore, la preghiera dei Salmi e dei Cantici dell’Ufficio, nonché le letture bibliche. Lo si può fare promuovendo la celebrazione comunitaria delle Lodi e dei Vespri ”, ha detto.

La nota terminava invocando San Girolamo, il Dottore della Chiesa che produsse la Vulgata, una traduzione latina della Bibbia del IV secolo.

“Tra i tanti santi, tutti testimoni del Vangelo di Gesù Cristo, san Girolamo può essere proposto come esempio per il grande amore che aveva per la parola di Dio”, diceva.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo