La madre fa causa al prete dopo aver detto che il suicidio del figlio adolescente era “contro Dio”

L’omelia al funerale della Maison Hullibarger è iniziata in modo abbastanza tipico: il sacerdote ha riconosciuto l’angoscia dei genitori del diciottenne e ha chiesto a Dio di usare le sue parole per illuminarli.

Poi il messaggio del reverendo Don LaCuesta ha preso una brusca svolta.

“Penso che non dobbiamo chiamare ciò che è cattivo buono, ciò che è sbagliato giusto”, ha detto il signor LaCuesta alle persone in lutto nella sua parrocchia a Temperance, Michigan .

“Poiché siamo cristiani, dobbiamo dire che ciò che sappiamo è la verità: che togliersi la vita è contro Dio che ci ha creati e contro tutti coloro che ci amano”.

Jeffrey e Linda Hullibarger sono rimasti sbalorditi. Non avevano rivelato come il loro figlio fosse morto al di fuori di una stretta cerchia di amici e parenti, ma il signor LaCuesta ha continuato a pronunciare sei volte la parola ” suicidio ” e ha suggerito che le persone che mettono fine alla propria vita fosse un affronto a Dio.

Quasi un anno dopo che il signor LaCuesta ha presieduto il funerale dell’8 dicembre 2018, Linda Hullibarger ha intentato una causa contro di lui, la Chiesa cattolica di Nostra Signora del Monte Carmelo e l’Arcidiocesi di Detroit , sostenendo che l’omelia ha danneggiato irreparabilmente la sua famiglia già devastata.

L’azione presentata mercoledì scorso eleva al regno legale il continuo sforzo degli hullibarger per ottenere una maggiore responsabilità dall’arcidiocesi.

“Secondo me, ha fatto il funerale di nostro figlio sulla sua agenda.”

Melinda Moore, una co-guida della task force delle comunità religiose presso la National Action Alliance for Suicide Prevention, ha detto che i leader religiosi sono partner importanti nella prevenzione del suicidio e nel reagire quando accade.

Ha detto che le omelie come quella di LaCuesta riflettono lo stigma che il suicidio porta ancora nelle comunità di fede e spesso rinforzano i sentimenti di responsabilità, vergogna e angoscia dei propri cari.

La sig.ra Hullibarger sostiene nella sua causa, presentata al tribunale dello stato del Michigan, che l’omelia del sig. LaCuesta ha causato quel tipo di crepacuore dopo che lei e suo marito si sono rivolti alla loro parrocchia di lunga data per chiedere conforto.

Il signor LaCuesta non è riuscito a mostrare compassione quando ha incontrato la coppia per pianificare il funerale, dice la causa, e invece è andato subito a parlare della disponibilità della chiesa.

Gli Hullibarger dissero al prete che volevano che il funerale celebrasse la vita di Maison, una matricola dell’Università di Toledo che studiava giustizia penale. La coppia voleva anche che il funerale diffondesse un messaggio positivo sulla gentilezza agli altri, e la causa dice che il signor LaCuesta ha acconsentito alle richieste.

Dopo che centinaia di persone si sono riunite in chiesa per il servizio, il signor LaCuesta ha detto nell’omelia che Dio può perdonare il suicidio poiché perdona tutti i peccati quando le persone cercano la sua misericordia. Ha detto che Dio poteva giudicare l’intera vita di qualcuno senza considerare solo “la peggiore e ultima scelta che la persona ha fatto”.

“A causa del sacrificio onnicomprensivo di Cristo sulla croce, Dio può avere pietà di qualsiasi peccato”, ha detto il signor LaCuesta, secondo una copia della sua omelia pubblicata dall’arcidiocesi.

“Sì, grazie alla sua misericordia, Dio può perdonare il suicidio e guarire ciò che è stato rotto.”

Le persone in lutto erano visibilmente sconvolte nell’apprendere la causa della morte di Maison, secondo la causa.

Jeffrey Hullibarger si è avvicinato al pulpito e ha sussurrato al signor LaCuesta di “smetterla per favore” parlando di suicidio, dice la causa, ma il prete non ha cambiato rotta. Ha presumibilmente terminato il servizio senza lasciare che la famiglia leggesse i passaggi delle Scritture scelti o che dicesse le ultime parole sulla Maison.

Altre persone in seguito hanno detto a Linda Hullibarger di aver sentito omelie altrettanto insensibili sui loro cari dal signor LaCuesta, dice la causa.

La famiglia ha incontrato l’arcivescovo Allen Vigneron e il vescovo Gerard Battersby, ma è stata licenziata, secondo la causa. Il signor Battersby avrebbe detto a Linda Hullibarger di “lasciar perdere”.

La famiglia ha chiesto l’allontanamento del signor LaCuesta, ma il sacerdote ha detto ai suoi parrocchiani che preferiva restare e servire la comunità parrocchiale. Rimane elencato sul sito web della chiesa.

Linda Hullibarger ha detto al The Post che pensa che l’omelia pubblicata online sia una versione più premurosa di quella che ha effettivamente dato il signor LaCuesta. L’arcidiocesi ha rifiutato di commentare tale accusa.

La portavoce dell’arcidiocesi Holly Fournier ha rifiutato di commentare la causa, ma ha indicato una dichiarazione che l’arcidiocesi ha fatto a dicembre per scusarsi per aver ferito la famiglia Hullibarger, piuttosto che confortarla.

“Riconosciamo … che la famiglia si aspettava un’omelia basata su come viveva la persona amata, non su come è morto”, dice la dichiarazione.

“Sappiamo anche che la famiglia è stata ulteriormente ferita dalla scelta del padre di condividere l’insegnamento della Chiesa sul suicidio, quando l’enfasi avrebbe dovuto essere posta maggiormente sulla vicinanza di Dio a coloro che piangono”.

La Chiesa cattolica sostiene da tempo che il suicidio contraddice la responsabilità di ogni persona di proteggere la vita che Dio ha dato loro.

Fino al Concilio Vaticano II negli anni ’60, alle persone che si suicidavano non era permesso ricevere una sepoltura cristiana. Il Catechismo della Chiesa Cattolica, approvato da Papa Giovanni Paolo II nel 1992, sostiene che il suicidio è “gravemente contrario al giusto amore di sé” ma riconosce che molte persone che mettono fine alla propria vita hanno una malattia mentale.

“Gravi disturbi psicologici, angoscia o grave paura del disagio, della sofferenza o della tortura possono diminuire la responsabilità di chi si suicida”, dice il catechismo.

Molti membri del clero non sono adeguatamente formati al suicidio e non sanno come aiutare la famiglia e gli amici di una persona deceduta, ha detto la signora Moore, che è anche professoressa di psicologia presso la Eastern Kentucky University.

Ha detto che i leader religiosi dovrebbero ascoltare i lutti, esprimere le condoglianze, fare riferimento alle Scritture come guida e parlare di come viveva la persona deceduta, non solo di come è morta.

“Dire che è un peccato, è un atto del diavolo, imporre il proprio pensiero su questo e non guardare veramente agli insegnamenti della propria chiesa su questo è qualcosa che penso che i leader della fede non debbano fare”, ha detto la signora Moore.

Il Washington Post

Credere significa affidarsi a Dio.

Credere significa affidarsi a Dio.

Regole di Dio per vivere meglio.

Regole di Dio per vivere meglio.

Angelo custode: perché ci viene donato ?

Angelo custode: perché ci viene donato ?

I Santi in cielo non sanno degli affari sulla terra? scoprilo!

I Santi in cielo non sanno degli affari sulla terra? scoprilo!

L'aborto e la pedofilia due grandi ferite per la Chiesa cattolica

L'aborto e la pedofilia due grandi ferite per la Chiesa cattolica

Religione: le donne non sono considerate seriamente dalla società

Religione: le donne non sono considerate seriamente dalla società

La polizia britannica interrompe il battesimo nella chiesa di Londra per le restrizioni sul coronavirus

La polizia britannica interrompe il battesimo nella chiesa di Londra per le restrizioni sul coronavirus