La moralità dei vaccini COVID-19

Se fossero disponibili alternative moralmente non problematiche, si dovrebbe rifiutare qualsiasi cosa prodotta o testata utilizzando linee cellulari realizzate da feti abortiti per onorare la dignità intrinseca della vittima abortita. La domanda rimane: è sempre e ovunque sbagliato per una persona, avvalersi di questo vantaggio se non sono disponibili alternative?

Nonostante sia meraviglioso avere vaccini contro il virus COVID-19 così presto, ci sono purtroppo ragioni per cui alcuni – se non molti – sceglieranno di non riceverli. Alcuni hanno dubbi sugli effetti collaterali; altri credono che la pandemia sia troppo pubblicizzata e utilizzata dalle forze del male per esercitare il controllo sociale. (Queste preoccupazioni sono meritevoli di considerazione ma non sono il punto di questo saggio.)

Poiché tutti i vaccini attualmente disponibili hanno fatto un uso (sia nella produzione che nella sperimentazione) di linee cellulari fetali sviluppate da tessuti prelevati da bambini uccisi nel grembo materno, la maggior parte delle obiezioni ha a che fare con la possibilità di essere moralmente colpevoli del male dell’aborto.

Quasi tutte le autorità morali della Chiesa che hanno rilasciato dichiarazioni sulla moralità dell’uso di tali vaccini hanno stabilito che il loro utilizzo comporterebbe solo una cooperazione materiale remota con il male, una cooperazione moralmente accettabile quando i benefici da ottenere sono proporzionati . Il Vaticano ha recentemente presentato una giustificazione basata su categorie tradizionali del pensiero morale cattolico e ha incoraggiato le persone a ricevere il vaccino per il bene comune.

Pur rispettando lo stretto e attento ragionamento del documento vaticano e di molti altri, penso che il principio di cooperazione con il male agli attuali vaccini COVID-19 non sia applicabile qui, sebbene sia un’applicazione errata comune. Io (e altri) credo che la categoria “cooperazione con il male” si applichi giustamente solo alle azioni alle quali il proprio “contributo” viene fornito prima o contemporaneamente all’azione compiuta. Parlare di contributo a un’azione compiuta è parlare in modo impreciso. Come posso contribuire a qualcosa che è già successo? In che modo l’accettazione di un vantaggio derivante da un’azione passata può essere un “contributo” all’azione stessa? Non posso volere che qualcosa che è stato fatto sia fatto o non sia fatto. Né posso contribuirvi, anche se posso certamente essere d’accordo o oppormi al fatto che l’azione sia stata compiuta. Che io abbia contribuito o meno,

Il fatto che l’uso di vaccini da linee cellulari fetali abortite non sia una forma di cooperazione con il male non significa, tuttavia, che sia moralmente non problematico usarli.

Alcuni moralisti stanno ora parlando più accuratamente di “appropriazione” o di ciò che è stato conosciuto come “beneficio di guadagni illeciti”. Questo è un principio che consente azioni come beneficiare di prodotti poco costosi realizzati in paesi che sfruttano i loro lavoratori, dal venerare le reliquie, fino all’uso di organi di vittime di omicidio. Quando possiamo evitare tale azione, dovremmo, ma a volte è morale trarre vantaggio dalle azioni malvagie del passato.

Alcuni pensano che non sia morale farlo nel caso dei vaccini da linee cellulari fetali abortite. Ritengono che i benefici non siano proporzionati al disprezzo per la vita umana fetale coinvolta nell’uso di tali vaccini.

La dichiarazione più forte contro l’uso dei vaccini da parte dei vescovi Athanasius Schneider e Joseph Strickland et alii si avvicina di più a tale affermazione. La loro dichiarazione non contesta esplicitamente che la cooperazione con l’uso dei vaccini COVID-19 attualmente disponibili sia molto remota; piuttosto, insiste sul fatto che la lontananza della cooperazione è irrilevante. Ecco il punto cruciale della loro dichiarazione:

“Il principio teologico della cooperazione materialeè certamente valido e può essere applicato a tutta una serie di casi (ad esempio nel pagamento delle tasse, nell’uso di prodotti ricavati dal lavoro schiavo, e così via). Tuttavia, questo principio difficilmente può essere applicato al caso dei vaccini ottenuti da linee cellulari fetali, perché coloro che consapevolmente e volontariamente ricevono tali vaccini entrano in una sorta di concatenazione, seppur molto remota, con il processo dell’industria dell’aborto. Il crimine di aborto è così mostruoso che qualsiasi tipo di concatenazione con questo crimine, anche se molto remoto, è immorale e non può essere accettato in nessuna circostanza da un cattolico una volta che ne sia pienamente consapevole. Chi usa questi vaccini deve rendersi conto che il suo corpo sta beneficiando dei “frutti” (sebbene passi rimossi attraverso una serie di processi chimici) di uno dei più grandi crimini dell’umanità “.

In breve, affermano che l’uso dei vaccini comporta una “concatenazione, anche se molto remota, con il processo dell’industria dell’aborto” che lo rende immorale poiché si trarrebbe vantaggio dai frutti “di uno dei più grandi crimini dell’umanità”.

Sono d’accordo con i vescovi Schneider e Strickland che l’aborto è un caso speciale poiché l’abominevole crimine dell’aborto rende quello che dovrebbe essere il posto più sicuro sulla terra – l’utero di una madre – uno dei luoghi più pericolosi della terra. Inoltre, ha un’accettazione così diffusa che è legale quasi ovunque. L’umanità del nascituro, anche se facilmente stabilita scientificamente, non è riconosciuta né dalla legge né dalla medicina. Se fossero disponibili alternative moralmente non problematiche, si dovrebbe rifiutare qualsiasi cosa realizzata utilizzando linee cellulari ottenute da feti abortiti per onorare la dignità intrinseca della vittima abortita. La domanda rimane: è sempre e ovunque sbagliato per una persona, avvalersi di questo vantaggio se non sono disponibili alternative? In altre parole, è un assoluto morale che non si possa mai ricevere il beneficio,

Padre Matthew Schneider elenca 12 diversi casi – molti dei quali raccapriccianti e orribili come l’aborto – in cui la cooperazione con il male è meno remota di quella con l’aborto nel contesto dei vaccini COVID-19. Sottolinea che la maggior parte di noi convive abbastanza comodamente con quei mali. In effetti, le stesse linee cellulari utilizzate per sviluppare i vaccini COVID-19 sono state utilizzate in molti altri vaccini e utilizzate per altri scopi medici come il cancro. I funzionari della Chiesa non hanno rilasciato dichiarazioni contro tutti questi casi di cooperazione con il male. Affermare, come hanno fatto alcuni leader pro-vita, che ricevere benefici da vaccini che dipendono da linee cellulari di feti abortiti è intrinsecamente immorale,

Credo che se i vaccini fossero efficaci e sicuri come propagandato, i benefici saranno enormi e proporzionati: si salveranno vite, l’economia potrebbe riprendersi e noi potremmo tornare alle nostre vite normali. Questi sono vantaggi molto significativi che probabilmente bilanciano qualsiasi connessione che i vaccini hanno con l’aborto, specialmente se intensifichiamo le nostre obiezioni all’aborto e all’uso di linee cellulari dall’aborto.

Il vescovo Strickland ha continuato a parlare contro il collegamento dei vaccini con l’aborto, qualcosa che sollecita la dichiarazione del Vaticano, ma pochi leader della Chiesa lo fanno. Tuttavia, riconosce che altri potrebbero discernere che dovrebbero usare i vaccini:

“Non accetterò un vaccino la cui esistenza dipende dall’aborto di un bambino, ma mi rendo conto che altri potrebbero discernere la necessità di immunizzazione in questi tempi straordinariamente difficili. DOBBIAMO esprimere un forte grido UNITO alle aziende di SMETTERE di sfruttare questi bambini per la ricerca ! Non piu!”

Eppure, anche se è moralmente lecito usare i vaccini secondo alcuni principi, la nostra disponibilità a usarli non ha minato la nostra opposizione all’aborto? Non stiamo approvando l’aborto, se siamo disposti a utilizzare prodotti sviluppati attraverso linee cellulari provenienti da feti abortiti?

La dichiarazione vaticana insiste: “L’uso lecito di tali vaccini non implica e non deve in alcun modo implicare che vi sia un avallo morale dell’uso di linee cellulari provenienti da feti abortiti”. A sostegno di tale affermazione si cita Dignitas Personae , n. 35:

“Quando l’azione illecita è avallata dalle leggi che regolano la sanità e la ricerca scientifica, è necessario prendere le distanze dagli aspetti malvagi di quel sistema per non dare l’impressione di una certa tolleranza o tacita accettazione di azioni gravemente ingiuste . Ogni apparenza di accettazione contribuirebbe infatti alla crescente indifferenza, se non all’approvazione, di tali azioni in certi circoli medici e politici ”.

Il problema è, ovviamente, che nonostante le nostre affermazioni contrarie, sembra impossibile evitare di dare “l’impressione di una certa tolleranza o tacita accettazione dell’azione gravemente ingiusta dell’aborto”. A questo proposito, è molto necessaria una maggiore leadership da parte dei nostri vescovi per chiarire l’opposizione della Chiesa – come la pubblicazione di annunci a tutta pagina sui principali giornali, l’uso dei social media per protestare contro l’uso di linee cellulari di feti abortiti nello sviluppo di trattamenti medici, e dirigere una campagna di lettere alle aziende farmaceutiche e ai legislatori. C’è molto che può e deve essere fatto.

Questa sembra essere la situazione scomoda in cui ci troviamo:

1) Le autorità ecclesiastiche che utilizzano i principi della teologia morale tradizionale ci istruiscono che è morale usare gli attuali vaccini COVID-19 e che sarebbe al servizio del bene comune farlo.

2) Ci dicono che possiamo mitigare la falsa impressione che il nostro uso dei vaccini rendano note le nostre obiezioni… ma non fanno molto in questo senso. E, francamente, questo è scandaloso e in effetti è uno dei fattori che porta alcuni altri leader e alcuni pro-life a voler rifiutare qualsiasi uso dei vaccini.

3) Altri leader della Chiesa – che molti di noi hanno imparato a rispettare come voci profetiche – ci esortano a non usare i vaccini come un modo per protestare contro i milioni di nascituri uccisi ogni anno in tutto il mondo.

Dal momento che ricevere il vaccino attuale non è intrinsecamente immorale, credo che i lavoratori in prima linea, come gli operatori sanitari, e coloro che sono ad alto rischio di morire a causa del virus sarebbero perfettamente giustificati nel ricevere i vaccini e probabilmente hanno anche un obbligo fare così. Allo stesso tempo, devono trovare un modo per chiarire che è imperativo che le linee cellulari non provenienti da feti abortiti siano sviluppate per l’uso nella ricerca medica. Una campagna pubblica da parte degli operatori sanitari che spieghi perché sono disposti a utilizzare i vaccini, ma sottolinei anche la necessità di vaccini prodotti in modo etico, sarebbe molto potente.

Coloro che hanno una probabilità molto bassa di morire per COVID-19 (e cioè praticamente tutti sotto i 60 anni o giù di lì, senza i fattori di rischio sottostanti identificati dalla comunità medica) dovrebbero seriamente considerare di non ottenerlo in questo momento. Ma dovrebbero stare attenti a non dare l’impressione che ricevere il vaccino sia moralmente sbagliato in tutti i casi e dovrebbero prendere tutte le altre dovute precauzioni per assicurarsi che non contribuiscano alla diffusione del virus. Dovrebbero spiegare che mentre vorrebbero molto ricevere un vaccino che protegga se stessi e gli altri, non credono che il rischio sia elevato. Soprattutto, in coscienza credono che ci sia anche bisogno di dare testimonianza all’umanità dei nascituri il cui valore è troppo spesso nel nostro mondo considerato trascurabile, vite per le quali dovrebbe essere fatto qualche sacrificio.

Dovremmo tutti sperare e pregare che presto, molto presto, siano disponibili vaccini non sviluppati da linee cellulari di feti abortiti e che presto, molto presto l’aborto diventi un ricordo del passato.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID