La nuova legge porta la necessaria trasparenza alle finanze, afferma Mons. Nunzio Galantino

Una nuova legge che rimuove le attività finanziarie dal controllo della Segreteria di Stato vaticana è un passo avanti sulla strada della riforma finanziaria, ha affermato monsignor Nunzio Galantino, presidente dell’Amministrazione del patrimonio della Santa Sede.

“C’era bisogno di cambiare direzione alla gestione delle finanze, dell’economia e dell’amministrazione, per aumentare la trasparenza e l’efficienza”, ha detto Galantino in un’intervista a Vatican News .

Emesso un “motu proprio”, di propria iniziativa di Papa Francesco, e pubblicato il 28 dicembre, il decreto ordinava all’Amministrazione del Patrimonio della Santa Sede, nota anche come APSA, di gestire tutti i conti bancari e gli investimenti finanziari appartenenti alla Segreteria Vaticana di Stato.

L’APSA gestisce il portafoglio di investimenti e le partecipazioni immobiliari del Vaticano.

La Segreteria per l’Economia monitorerà l’amministrazione dei fondi dell’APSA, ha ordinato il papa.

Galantino ha detto a Vatican News che le misure sono il risultato di “studi e ricerche” iniziate durante il pontificato di Papa Benedetto XVI e richieste durante le congregazioni generali prima dell’elezione di Papa Francesco nel 2013.

Tra gli investimenti discutibili effettuati dalla Segreteria di Stato c’era un acquisto di quote di maggioranza su una proprietà nel quartiere Chelsea di Londra che ha contratto un debito significativo e ha suscitato la preoccupazione che i fondi della raccolta annuale di Peter’s Pence fossero utilizzati per l’acquisto.

In un’intervista pubblicata dalla sala stampa vaticana il 1 ° ottobre, il gesuita padre Juan Antonio Guerrero Alves, prefetto della Segreteria per l’Economia, ha affermato che le perdite finanziarie subite dall’accordo immobiliare “non sono state coperte da Peter’s Pence, ma con altri fondi di riserva della Segreteria di Stato. “

Sebbene le nuove regole del papa facciano parte di uno sforzo più ampio e in corso per riformare le finanze vaticane, Galantino ha detto a Vatican News “sarebbe ipocrita dire” che lo scandalo che circonda l’accordo immobiliare di Londra non ha influenzato le nuove misure.

L’accordo immobiliare “ci ha aiutato a capire quali meccanismi di controllo dovevano essere rafforzati. Ci ha fatto capire tante cose: non solo quanto abbiamo perso – un aspetto che stiamo ancora valutando – ma anche come e perché l’abbiamo perso ”, ha detto.

Il capo dell’APSA ha sottolineato la necessità di misure chiare e razionali “per garantire un’amministrazione più trasparente”.

“Se c’è un dicastero designato per l’amministrazione e la gestione di fondi e proprietà, non è necessario che altri svolgano lo stesso compito”, ha detto. “Se c’è un dicastero designato per controllare gli investimenti e le spese, non c’è bisogno che altri svolgano lo stesso compito”.

Le nuove misure, ha aggiunto Galantino, hanno anche lo scopo di ripristinare la fiducia delle persone nella raccolta annuale di Peter’s Pence, che “è stata creata come contributo dei fedeli, delle chiese locali, alla missione del papa che è un pastore universale, e è quindi destinato alla carità, all’evangelizzazione, alla vita ordinaria della chiesa e delle strutture che aiutano il vescovo di Roma a svolgere il suo servizio ”

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID