Pregare

La preghiera: Dio è presente quando le nostre menti vagano

Con la preghiera Dio è presente anche quando le nostre menti vagano. Come cristiani cattolici, sappiamo di essere chiamati ad essere persone che pregano. E in effetti, durante i nostri primi anni ci è stato insegnato a pregare. La maggior parte di noi ricorda di aver ripetuto le liturgie religiose che i nostri genitori ci insegnavano quando eravamo molto piccoli mentre sedevano sul bordo del letto. All’inizio non sapevamo esattamente cosa stavamo dicendo, ma presto abbiamo capito che stavamo parlando con Dio e chiedendogli di benedire tutti coloro che ci erano cari compresi i nostri animali domestici che comunque facevano parte della famiglia.

Molti di noi lottano con la preghiera

Molti di noi lottano con la preghiera. Abbiamo imparato a pregare man mano che crescevamo, soprattutto mentre ci preparavamo per la nostra prima santa comunione. Sicuramente cantato inni in chiesa, che, in effetti, erano spesso liturgie di fede, amore e adorazione del Signore. Abbiamo imparato a pregare un atto di contrizione quando ci siamo avvicinati al sacramento della confessione. Abbiamo pregato prima dei pasti e per i nostri defunti quando ci siamo riuniti per i funerali dei cari. E probabilmente ricordiamo tutti di aver pregato con fervore, non importa che età fossimo o siamo, di fronte a una crisi di una minaccia di qualche tipo. In una parola, la preghiera è parte integrante della nostra vita di credenti. E anche quelli che apparentemente si allontanano probabilmente pregano ancora a volte, anche se possono sentirsi imbarazzati al riguardo.

Pregare è semplicemente parlare con Dio

Pregare è prima di tutto, dobbiamo ricordare a noi stessi che la preghiera è semplicemente parlare con Dio. La preghiera non è determinata dalla grammatica o dal vocabolario; non si misura in termini di lunghezza e creatività. È semplicemente parlare a Dio, indipendentemente dalle condizioni in cui ci troviamo! Potrebbe essere un semplice grido: “Aiuto, Signore, sono nei guai!” Potrebbe essere una semplice supplica, “Signore, ho bisogno di te” o “Signore, sono tutto incasinato”.

la preghiera è quando riceviamo l’Eucaristia alla Messa

Uno dei momenti più preziosi che abbiamo per la preghiera è quando riceviamo l’Eucaristia alla Messa. Immagina, abbiamo il Gesù eucaristico nella nostra mano o sulla nostra lingua, lo stesso Gesù di cui abbiamo sentito parlare nel vangelo che è stato appena letto. Che opportunità è quella di pregare per le nostre famiglie “; chiedere perdono per le nostre mancanze “Mi dispiace, Signore, per averti ferito in quello che ho detto al mio amico”; chiedere, ringraziare o lodare Gesù che è morto per noi e risorto per prometterci la vita eterna “Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue non morirà mai.

Voglio menzionare qualcosa che è molto importante nella preghiera. Durante la messa, o anche nei momenti privati ​​in cui possiamo sederci e parlare con il Signore, possiamo trovare la nostra mente piena di distrazioni, che vaga dappertutto. Possiamo scoraggiarci perché, anche se intendiamo pregare, sembriamo deboli nei nostri sforzi. Ricorda, la preghiera è nel cuore, non nella testa.

La preghiera silenziosa

L’importanza della preghiera silenziosa. Il tempo in cui siamo distratti non significa che il nostro tempo di preghiera sia sprecato. La preghiera è nel cuore e nell’intenzione e quindi il tempo che diamo al Signore nella preghiera, sia con il rosario che in chiesa prima della messa o forse in un momento di preghiera silenziosa quando siamo soli. Qualunque cosa sia, se è nostro desiderio pregare, allora è preghiera nonostante le distrazioni e le preoccupazioni. Dio guarda sempre il nostro cuore.

Forse ti sei sentito incapace di pregare perché temi di non poterlo fare perfettamente o pensi che i tuoi sforzi non valgano la pena o addirittura siano graditi al Signore. Lascia che ti assicuri che il tuo desiderio è di per sé gradito a Dio. Dio può leggere e capire perfettamente il tuo cuore. Ti ama.

Oggi, il 13 maggio, è la festa della Madonna di Fatima

Oggi, il 13 maggio, è la festa della Madonna di Fatima

Cos'è la Pentecoste? E i simboli che la rappresentano?

Cos'è la Pentecoste? E i simboli che la rappresentano?

Dieci modi per celebrare maggio, il mese di Maria

Dieci modi per celebrare maggio, il mese di Maria

Pompei, tra i scavi e la Beata Vergine del Rosario

Pompei, tra i scavi e la Beata Vergine del Rosario

Prima Comunione, perché è importante festeggiare

Prima Comunione, perché è importante festeggiare

Perché bisogna essere caritatevoli ?

Perché bisogna essere caritatevoli ?

San Giuseppe: rifletti, oggi, sulla sua vita quotidiana ordinaria e “insignificante”

San Giuseppe: rifletti, oggi, sulla sua vita quotidiana ordinaria e “insignificante”