La risposta a una domanda di sempre “perché Dio permette la sofferenza”?

“Perché Dio permette la sofferenza?” Ho posto questa domanda come una risposta viscerale alla sofferenza di cui ho assistito, sperimentato o di cui ho sentito parlare. Ho lottato con la domanda quando la mia prima moglie mi ha lasciato e ha abbandonato i miei figli. Ho pianto di nuovo quando mio fratello giaceva sedato in terapia intensiva, morendo di una malattia misteriosa, la sua sofferenza schiacciando mia madre e mio padre.

“Perché Dio permette tanta sofferenza?” Non conosco la risposta

Ma io non so che le parole di Gesù sulla sofferenza hanno parlato con forza a me. Dopo aver spiegato ai suoi discepoli che il loro dolore per la sua imminente partenza si trasformerà in gioia, Gesù disse: “Vi ho detto queste cose, affinché in me possiate avere pace. In questo mondo avrai problemi. Ma fatti coraggio! Ho vinto il mondo “( Giovanni 16:33 ). Prenderò il Figlio di Dio in parola? Mi prenderò coraggio?

Lo stesso Figlio di Dio è entrato in questo mondo come essere umano, e lui stesso ha sperimentato la sofferenza. Morendo sulla croce, vinse il peccato e, uscendo dalla tomba, vinse la morte. Abbiamo questa certezza nella sofferenza: Gesù Cristo ha vinto questo mondo e le sue difficoltà, e un giorno porterà via tutto il dolore e la morte, il lutto e il pianto ( Apocalisse 21: 4 ).

Perché questa sofferenza? Chiedi a Gesù
La Bibbia non sembra fornire una risposta unica e chiara alla domanda sul perché Dio permette la sofferenza. Alcuni racconti durante la vita di Gesù, tuttavia, ci danno una guida. Quante volte ci incoraggiano, queste parole di Gesù possono farci sentire a disagio. Non ci piacciono le ragioni fornite da Gesù per alcune delle sofferenze testimoniate dai suoi discepoli; vogliamo escludere l’idea che Dio possa essere glorificato dalla sofferenza di qualcuno.

Ad esempio, le persone si chiedevano perché un certo uomo fosse cieco dalla nascita, quindi hanno chiesto se fosse il risultato del peccato di qualcuno. Gesù rispose ai suoi discepoli: “Né quest’uomo né i suoi genitori hanno peccato. . . ma questo è accaduto affinché le opere di Dio potessero essere manifestate in lui ”( Giovanni 9: 1-3 ). Queste parole di Gesù mi hanno fatto contorcere. Quest’uomo doveva essere cieco dalla nascita solo perché Dio facesse un punto? Tuttavia, quando Gesù restaurò la vista dell’uomo, fece sì che le persone litigassero con chi era veramente Gesù ( Giovanni 9:16 ). E l’uomo un tempo cieco poteva chiaramente “vedere” chi era Gesù ( Giovanni 9: 35-38 ). Inoltre, noi stessi vediamo “le opere di Dio. . . manifestato in lui ”anche ora se consideriamo la sofferenza di quest’uomo.

Poco tempo dopo, Gesù mostra di nuovo come la fede può crescere a causa delle difficoltà di qualcuno. In Giovanni 11 , Lazzaro è malato e le sue due sorelle, Marta e Maria, si preoccupano per lui. Dopo che Gesù seppe che Lazzaro era malato, “rimase dov’era altri due giorni” (versetto 6). Infine, Gesù disse ai discepoli: “Lazzaro è morto e per amor vostro sono contento di non essere stato lì, affinché possiate credere. Ma andiamo da lui “(versetti 14-15, corsivo aggiunto). Quando Gesù arriva a Betania, Marta gli dice: “Se tu fossi stato qui, mio ​​fratello non sarebbe morto” (versetto 21). Gesù sa che sta per risuscitare Lazzaro dai morti, eppure condivide il loro dolore. “Gesù pianse” (versetto 35). Gesù prosegue pregando: “’Padre, ti ringrazio di avermi ascoltato. Sapevo che mi ascolti sempre, ma ho detto questo per il bene delle persone che stanno qui, affinché credano che mi hai mandato ‘. . . Gesù gridò ad alta voce: “Lazzaro, vieni fuori!” “(Versetti 41-43, corsivo dell’autore). Troviamo alcune parole e azioni difficili da digerire di Gesù in questo passaggio: aspettare due giorni prima di partire, dicendo che è contento di non essere lì e dicendo che la fede sarebbe (in qualche modo!) Il risultato di questo. Ma quando Lazzaro uscì dalla tomba, quelle parole e quelle azioni di Gesù improvvisamente hanno un senso. “Perciò molti degli ebrei che erano venuti a visitare Maria e avevano visto ciò che Gesù aveva fatto, credettero in lui” (verso 45). Forse – mentre stai leggendo questo ora – stai sperimentando una fede più profonda in Gesù e nel Padre che lo ha mandato.

Questi esempi parlano di incidenti particolari e non danno una risposta esauriente sul motivo per cui Dio permette la sofferenza. Essi fanno , tuttavia, mostrano che Gesù non si fa intimidire dalla sofferenza e che lui è lì con noi nei nostri guai. Queste parole a volte scomode di Gesù ci dicono che la sofferenza può mostrare le opere di Dio e approfondire la fede di coloro che sperimentano o assistono alle difficoltà.

La mia esperienza di sofferenza
Il mio divorzio è stata una delle esperienze più dolorose della mia vita. È stata un’agonia. Ma, proprio come le storie della guarigione del cieco e della resurrezione di Lazzaro, posso vedere in seguito le opere di Dio e una fede più profonda in lui. Dio mi ha richiamato a se stesso e ha rimodellato la mia vita. Ora non sono più la persona che ha subito un divorzio indesiderato; Sono una persona nuova.

Non riuscivamo a vedere niente di buono nella sofferenza di mio fratello a causa di una rara infezione fungina dei polmoni e nel dolore che ha causato ai miei genitori e alla mia famiglia. Ma nei momenti prima della sua morte, dopo circa 30 giorni sotto sedazione, mio ​​fratello si è svegliato. I miei genitori gli raccontarono di tutti quelli che avevano pregato per lui e delle persone che erano venute a trovarlo. Sono stati in grado di dirgli che lo amavano. Gli hanno letto la Bibbia. Mio fratello è morto serenamente. Credo che nell’ultima ora della sua vita, mio ​​fratello – che ha lottato contro Dio per tutta la vita – ha finalmente capito di essere il figlio di Dio. Credo che questo sia il caso a causa di quei bellissimi ultimi momenti. Dio ha amato mio fratello e ha dato ai nostri genitori ea lui il prezioso dono di un po ‘di tempo insieme, un’ultima volta. È così che Dio fa le cose: fornisce l’imprevisto e l’eternamente consequenziale in una coltre di pace.

In 2 Corinti 12 , l’apostolo Paolo dice di chiedere a Dio di rimuovere “una spina nella [sua] carne”. Dio gli risponde dicendo: “La mia grazia è sufficiente per te, poiché la mia potenza è resa perfetta nella debolezza” (versetto 9). Forse non hai ricevuto la prognosi che volevi, ti stai sottoponendo a cure per il cancro o hai avuto a che fare con dolore cronico. Forse ti chiedi perché Dio permette la tua sofferenza. Prendi il cuore; Cristo ha “vinto il mondo”. Tieni gli occhi aperti per vedere “le opere di Dio” in mostra. Apri il tuo cuore per il tempismo di Dio “affinché [tu] possa credere”. E, come Paolo, confida nella forza di Dio durante la tua debolezza: “Perciò mi vanterò ancor più volentieri delle mie debolezze, affinché la potenza di Cristo riposi su di me. . . Perché quando sono debole, allora sono forte ”(versetti 9-10).

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera