La rivista femminile vaticana parla degli abusi fatti alle suore

La rivista femminile vaticana sta incolpando il drastico calo del numero di suore in tutto il mondo in parte sulle loro misere condizioni di lavoro e sugli abusi sessuali e gli abusi di potere subiti dalle mani dei sacerdoti e dei loro superiori.

“Women Church World” ha dedicato il suo numero di febbraio al burnout, al trauma e allo sfruttamento sperimentato dalle sorelle religiose e al modo in cui la chiesa si sta rendendo conto che deve cambiare modo se vuole attirare nuove vocazioni.

La rivista pubblicata giovedì ha rivelato che Francesco aveva autorizzato la creazione di una casa speciale a Roma per le suore che erano state espulse dai loro ordini e quasi lasciate per strada, alcune costrette alla prostituzione per sopravvivere.

“Ci sono alcuni casi davvero difficili, in cui i superiori hanno trattenuto i documenti di identità delle sorelle che volevano lasciare il convento, o che sono stati cacciati”, ha detto il capo della congregazione per gli ordini religiosi del Vaticano, il cardinale Joao Braz di Aviz rivista.

.

“Ci sono stati anche casi di prostituzione per essere in grado di provvedere a se stessi”, ha detto. “Queste sono ex suore!”

“Abbiamo a che fare con persone ferite e per le quali dobbiamo ricostruire la fiducia. Dobbiamo cambiare questo atteggiamento di rifiuto, la tentazione di ignorare queste persone e dire ‘non sei più il nostro problema.’ ‘”

“Tutto ciò deve assolutamente cambiare”, ha detto.

La Chiesa cattolica ha visto una continua caduta libera nel numero di suore in tutto il mondo, mentre muoiono le sorelle anziane e prendono posto meno giovani. Le statistiche vaticane del 2016 mostrano che il numero di sorelle è diminuito di 10.885 dell’anno precedente a 659.445 a livello globale. Dieci anni prima, c’erano 753.400 suore in tutto il mondo, il che significa che la Chiesa cattolica aveva versato quasi 100.000 suore nell’arco di un decennio.

Le suore europee pagano regolarmente il peggio, i numeri latinoamericani sono stabili e il numero è in aumento in Asia e Africa.

La rivista ha fatto notizia in passato con articoli che espongono l’abuso sessuale delle suore da parte di sacerdoti e le condizioni simili a quelle delle schiave in cui le suore sono spesso costrette a lavorare senza contratti e facendo lavori umili come la pulizia dei cardinali.

Il calo del loro numero ha comportato la chiusura dei conventi in Europa e la conseguente battaglia tra le rimanenti suore e vescovi diocesani o il Vaticano per il controllo dei loro beni.

Braz ha insistito sul fatto che i beni non appartengono alle suore stesse, ma all’intera chiesa, e ha chiesto una nuova cultura di scambio, in modo che “cinque suore non gestiscano un patrimonio enorme” mentre altri ordini falliscono.

Braz ha riconosciuto il problema delle suore vittime di abusi sessuali da parte di sacerdoti e vescovi. Ma ha detto negli ultimi tempi, il suo ufficio ha anche sentito parlare di suore che sono state maltrattate da altre suore, tra cui una congregazione con nove casi.

Ci sono stati anche casi di gravi abusi di potere.

“Abbiamo avuto casi, non molti per fortuna, di superiori che una volta eletti si sono rifiutati di dimettersi. Hanno rispettato tutte le regole”, ha affermato. “E nelle comunità ci sono sorelle che tendono a obbedire ciecamente, senza dire quello che pensano.”

Il gruppo ombrello internazionale di suore ha iniziato a parlare in modo più energico degli abusi delle suore e ha formato una commissione con la sua controparte maschile per prendersi più cura dei loro membri.

Articoli correlati