La Segreteria di Stato vaticana fornisce il contesto dell’osservazione sull’unione civile

Il segretario di Stato vaticano ha chiesto ai rappresentanti papali di condividere con i vescovi alcuni chiarimenti sui commenti sulle unioni civili fatti da papa Francesco in un documentario recentemente pubblicato, secondo il nunzio apostolico in Messico.

I chiarimenti spiegano che i commenti del papa non riguardano la dottrina cattolica riguardo alla natura del matrimonio come unione tra un uomo e una donna, ma a disposizioni di diritto civile.

“Alcune dichiarazioni, contenute nel documentario ‘Francisco’ dello sceneggiatore Evgeny Afineevsky, hanno provocato, in questi giorni, diverse reazioni e interpretazioni. Vengono quindi offerti alcuni spunti utili, con il desiderio di presentare una adeguata comprensione delle parole del Santo Padre ”, ha postato su Facebook l’ Arcivescovo Franco Coppolo, Nunzio Apostolico, il 30 ottobre .

Il nunzio ha detto ad ACI Prensa, partner giornalistico in lingua spagnola della Cna, che il contenuto del suo post è stato fornito dalla Segreteria di Stato vaticana alle nunziature apostoliche, per essere condiviso con i vescovi.

Il post ha spiegato che in un’intervista del 2019, di cui sono andate in onda parti inedite nel recente documentario, il papa ha commentato in momenti diversi due temi distinti: che i bambini non dovrebbero essere ostracizzati dalle loro famiglie a causa del loro orientamento sessuale, e sulle unioni civili , nel mezzo della discussione di un disegno di legge sul matrimonio tra persone dello stesso sesso del 2010 nella legislatura argentina, a cui papa Francesco, che allora era arcivescovo di Buenos Aires, si oppose.

La domanda dell’intervista che ha spinto l’osservazione sulle unioni civili era “inerente a una legge locale di dieci anni fa in Argentina sui“ matrimoni uguali di coppie dello stesso sesso ”e l’opposizione dell’allora arcivescovo di Buenos Aires a questo proposito. A tal proposito Papa Francesco ha affermato che ‘è un’incongruenza parlare di matrimonio omosessuale’, aggiungendo che, nello stesso contesto, aveva parlato del diritto di queste persone ad avere una certa copertura legale: ‘cosa dobbiamo fare è una legge di unione civile; hanno il diritto di essere coperti legalmente. L’ho difeso ‘”, ha scritto Coppolo su Facebook.

“Il Santo Padre si era espresso così durante un’intervista nel 2014: ‘Il matrimonio è tra un uomo e una donna. Gli Stati laici vogliono giustificare le unioni civili per regolamentare diverse situazioni di convivenza, mossi dalla richiesta di regolamentare gli aspetti economici tra le persone, come la garanzia dell’assistenza sanitaria. Si tratta di patti di coesistenza di diversa natura, di cui non potrei dare un elenco delle diverse forme. È necessario vedere i vari casi e valutarli nella loro varietà ”, ha aggiunto il post.

“È quindi evidente che Papa Francesco ha fatto riferimento a certe disposizioni dello Stato, non certo alla dottrina della Chiesa, riaffermata più volte negli anni”, si legge nel comunicato.

La dichiarazione della Segreteria di Stato è coerente con le recenti dichiarazioni pubbliche di due vescovi argentini: l’arcivescovo Hector Aguer e l’arcivescovo Victor Manuel Fernandez, emeriti e attuali arcivescovi di La Plata, in Argentina, e con ulteriori relazioni sul contesto delle osservazioni del papa .

Il 21 ottobre Fernandez ha postato su Facebook che prima di diventare papa, l’allora cardinale Bergoglio “ha sempre riconosciuto che, senza chiamarlo ‘matrimonio’, in realtà ci sono unioni molto strette tra persone dello stesso sesso, che di per sé non implicano rapporti sessuali, ma un’alleanza molto intensa e stabile. “

“Si conoscono a fondo, condividono lo stesso tetto da molti anni, si prendono cura l’uno dell’altro, si sacrificano l’uno per l’altro. Allora può succedere che preferiscano che in un caso estremo o in una malattia non consultino i loro parenti, ma quella persona che conosce a fondo le loro intenzioni. E per lo stesso motivo preferiscono che sia quella persona che eredita tutti i loro beni, ecc. “

“Questo può essere contemplato dalla legge e si chiama ‘unione civile’ [unión civil] o ‘legge di convivenza civile’ [ley de convivencia civil], non matrimonio”.

“Ciò che ha detto il Papa su questo argomento è ciò che ha sostenuto anche quando era arcivescovo di Buenos Aires”, ha aggiunto Fernández.

“Per lui, l’espressione ‘matrimonio’ ​​ha un significato preciso e si applica solo a un’unione stabile tra un uomo e una donna aperti a comunicare la vita… c’è una parola, ‘matrimonio’, che si applica solo a quella realtà. Ogni altra unione simile richiede un altro nome ”, ha spiegato l’arcivescovo.

La scorsa settimana, Aguer ha detto ad ACI Prensa che nel 2010, “il cardinale Bergoglio, allora arcivescovo di Buenos Aires, ha proposto in un’assemblea plenaria della conferenza episcopale argentina di sostenere la legalità delle unioni civili di persone omosessuali da parte dello Stato, come possibile alternativa a quella che è stata chiamata – ed è chiamata – ‘uguaglianza nel matrimonio’ ​​”.

“A quel tempo, l’argomento contro di lui era che non era una questione meramente politica o sociologica, ma che implicava un giudizio morale; di conseguenza, non può essere promossa la sanzione di leggi civili contrarie all’ordine naturale. È stato anche notato che questo insegnamento è stato ripetutamente affermato nei documenti del Concilio Vaticano II. La plenaria dei vescovi argentini ha respinto quella proposta e ha votato contro ”, ha detto Aguer.

America Magazine ha pubblicato il 24 ottobre l’apparente contesto dell’osservazione del papa sulle unioni civili.

Durante una discussione sull’opposizione del papa a una proposta di matrimonio tra persone dello stesso sesso quando era arcivescovo in Argentina, Alazraki ha chiesto a papa Francesco se avesse adottato posizioni più liberali dopo essere diventato papa e, in caso affermativo, se fosse attribuibile allo Spirito Santo.

Alazraki ha chiesto: “Hai intrapreso un’intera battaglia per i matrimoni egualitari, di coppie dello stesso sesso in Argentina. E poi dicono che sei arrivato qui, ti hanno eletto papa e sei apparso molto più liberale di quello che eri in Argentina. Ti riconosci in questa descrizione che fanno alcune persone che ti conoscevano prima, ed è stata la grazia dello Spirito Santo a darti una spinta? (ride)”

Secondo America Magazine , il papa ha risposto che: “La grazia dello Spirito Santo certamente esiste. Ho sempre difeso la dottrina. Ed è curioso che nella legge sul matrimonio omosessuale…. È un’incongruenza parlare di matrimonio omosessuale. Ma quello che dobbiamo avere è una legge di unione civile (ley de convivencia civil), quindi hanno il diritto di essere coperti legalmente “.

L’ultima frase è stata omessa quando l’intervista di Alazraki è stata trasmessa nel 2019.

La dichiarazione della Segreteria di Stato sembra confermare che il papa ha detto “io mi sono difeso”, subito dopo le altre sue osservazioni sulle unioni civili, fatto che non era stato chiarito in precedenza.

Muore a 60 anni Maradona: "tra genio e follia" riposa in pace

Muore a 60 anni Maradona: "tra genio e follia" riposa in pace

La polizia britannica interrompe il battesimo nella chiesa di Londra per le restrizioni sul coronavirus

La polizia britannica interrompe il battesimo nella chiesa di Londra per le restrizioni sul coronavirus

Papa Francesco: Stendi la mano ai poveri

Papa Francesco: Stendi la mano ai poveri

Papa Francesco: Prendersi cura dei rifugiati in fuga 'virus di ingiustizia, violenza e guerra'

Papa Francesco: Prendersi cura dei rifugiati in fuga 'virus di ingiustizia, violenza e guerra'

Il cardinale Bassetti è uscito dalla terapia intensiva, rimane in condizioni critiche con COVID-19

Il cardinale Bassetti è uscito dalla terapia intensiva, rimane in condizioni critiche con COVID-19

Papa Francesco telefono Biden il nuovo presidente degli Stati Uniti

Papa Francesco telefono Biden il nuovo presidente degli Stati Uniti

Parrocchia di Chicago, statua di Maria contrassegnata da graffiti

Parrocchia di Chicago, statua di Maria contrassegnata da graffiti