La virtù cardinale della prudenza e cosa significa

La prudenza è una delle quattro virtù cardinali . Come gli altri tre, è una virtù che può essere praticata da chiunque; a differenza delle virtù teologali , le virtù cardinali non sono, in se stesse, i doni di Dio attraverso la grazia ma l’espansione dell’abitudine. Tuttavia, i cristiani possono crescere nelle virtù cardinali attraverso la grazia santificante , e quindi la prudenza può assumere una dimensione soprannaturale oltre che naturale.

Cosa non è prudenza
Molti cattolici pensano che la prudenza si riferisca semplicemente all’applicazione pratica dei principi morali. Parlano, ad esempio, della decisione di andare in guerra come un “giudizio prudenziale”, suggerendo che le persone ragionevoli possono non essere d’accordo in tali situazioni sull’applicazione dei principi morali e, quindi, tali giudizi possono essere messi in discussione ma mai assolutamente dichiarati sbagliati. Questo è un fraintendimento fondamentale della prudenza che, come p. John A. Hardon nota nel suo moderno dizionario cattolico, è “Conoscenza corretta delle cose da fare o, più in generale, della conoscenza delle cose che dovrebbero essere fatte e delle cose che dovrebbero essere evitate”.

“Giusta ragione applicata alla pratica”
Come osserva l’ Enciclopedia Cattolica , Aristotele definì la prudenza come recta ratio agibilium , “la giusta ragione applicata alla pratica”. L’enfasi sul “giusto” è importante. Non possiamo semplicemente prendere una decisione e poi descriverla come un “giudizio prudenziale”. La prudenza ci impone di distinguere tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Così, come scrive padre Hardon, “È la virtù intellettuale in base alla quale un essere umano riconosce in ogni materia a portata di mano ciò che è buono e ciò che è male”. Se confondiamo il male con il bene, non esercitiamo la prudenza, anzi, ne stiamo dimostrando la mancanza.

Prudenza nella vita quotidiana
Quindi, come facciamo a sapere quando stiamo esercitando la prudenza e quando stiamo semplicemente cedendo ai nostri desideri? Padre Hardon nota tre fasi di un atto di prudenza:

“prendere consigli attentamente con se stessi e dagli altri”
“giudicare correttamente sulla base delle prove a portata di mano”
“dirigere il resto della propria attività secondo le norme stabilite dopo che è stato emesso un giudizio prudente”.
Ignorare i consigli o gli avvertimenti degli altri il cui giudizio non coincide con il nostro è un segno di imprudenza. È possibile che abbiamo ragione e che gli altri abbiano torto; ma può essere vero il contrario, specialmente se ci troviamo in disaccordo con coloro il cui giudizio morale è generalmente corretto.

Alcune considerazioni finali sulla prudenza
Poiché la prudenza può assumere una dimensione soprannaturale attraverso il dono della grazia, dovremmo valutare attentamente il consiglio che riceviamo dagli altri tenendo presente questo. Quando, ad esempio, i papi esprimono il loro giudizio sulla giustizia di una particolare guerra , dovremmo apprezzarlo più del consiglio, diciamo, di qualcuno che trarrà profitto monetariamente dalla guerra.

E dobbiamo sempre tenere presente che la definizione di prudenza ci impone di giudicare correttamente . Se il nostro giudizio viene dimostrato dopo che il fatto è stato errato, allora non abbiamo emesso un “giudizio prudenziale” ma imprudente, per il quale potremmo aver bisogno di fare ammenda.

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

Santità e Santi :chi sono?

Santità e Santi :chi sono?