papa francesco

L’Angelus di papa Francesco “vicinanza, compassione e tenerezza di Dio”

Papa Francesco domenica ha esortato le persone a ricordare la vicinanza, la compassione e la tenerezza di Dio. Parlando prima dell’Angelus di mezzogiorno del 14 febbraio, il papa ha riflettuto sulla lettura del Vangelo del giorno ( Marco 1: 40-45 ), in cui Gesù guarisce un uomo malato di lebbra. Notando che Cristo ha infranto un tabù allungando la mano e toccando l’uomo, ha detto : “Si è avvicinato… Vicinanza. Compassione. Il Vangelo dice che Gesù, vedendo il lebbroso, fu mosso da compassione, tenerezza. Tre parole che indicano lo stile di Dio: vicinanza, compassione, tenerezza “. Il papa ha detto che guarendo l’uomo che era considerato “impuro”, Gesù adempì la Buona Novella che aveva annunciato. “Dio si avvicina alla nostra vita, è mosso a compassione per il destino dell’umanità ferita e viene ad abbattere ogni barriera che ci impedisce di essere in relazione con lui, con gli altri e con noi stessi”, ha detto. Il papa ha suggerito che l’incontro del lebbroso con Gesù conteneva due “trasgressioni”: la decisione dell’uomo di avvicinarsi a Gesù e quella di Cristo che lo raggiunge. “La sua malattia era considerata una punizione divina, ma, in Gesù, riesce a vedere un altro aspetto di Dio: non il Dio che punisce, ma il Padre di compassione e di amore che ci libera dal peccato e non ci esclude mai dalla sua misericordia, ” Egli ha detto.

Il papa ha elogiato “i buoni confessori che non hanno la frusta in mano, ma accolgono, ascoltate e dite che Dio è buono e che Dio perdona sempre, che Dio non si stanca di perdonare”. Ha poi chiesto ai pellegrini riuniti sotto la sua finestra in piazza San Pietro di offrire un applauso ai confessori misericordiosi. Continuò a riflettere su quella che chiamava la “trasgressione” di Gesù nella guarigione del malato. “Qualcuno avrebbe detto: ha peccato. Ha fatto qualcosa che la legge proibisce. È un trasgressore. È vero: è un trasgressore. Non si limita alle parole ma lo tocca. Toccare con amore significa stabilire una relazione, entrare in comunione, farsi coinvolgere nella vita di un’altra persona fino a condividerne le ferite ”, ha detto. “Con quel gesto Gesù rivela che Dio, che non è indifferente, non si tiene ‘a debita distanza’. Piuttosto, si avvicina per compassione e tocca la nostra vita per guarirla con tenerezza. È lo stile di Dio: vicinanza, compassione e tenerezza. La trasgressione di Dio. È un grande trasgressore in questo senso. ” Ha ricordato che anche oggi le persone vengono evitate perché soffrono del morbo di Hansen, o lebbra, oltre che di altre condizioni. Ha poi fatto riferimento alla donna peccatrice che è stata criticata per aver versato un vaso di profumo costoso sui piedi di Gesù (Luca 7: 36-50). Ha messo in guardia i cattolici dal pre-giudicare quelli ritenuti peccatori. Ha detto: “Ognuno di noi potrebbe sperimentare ferite, fallimenti, sofferenze, egoismi che ci fanno chiudere fuori da Dio e dagli altri perché il peccato ci chiude in noi stessi a causa della vergogna, a causa dell’umiliazione, ma Dio vuole aprire il nostro cuore. “

“Di fronte a tutto questo, Gesù ci annuncia che Dio non è un’idea o una dottrina astratta, ma Dio è Colui che si ‘contamina’ con la nostra ferita umana e non ha paura di venire a contatto con le nostre ferite”. Ha continuato: “’Ma, padre, cosa stai dicendo? Che Dio contamina se stesso? Non dico questo, lo diceva san Paolo: si è fatto peccato. Colui che non era un peccatore, che non poteva peccare, si è fatto peccato. Guarda come Dio si è contaminato per avvicinarsi a noi, per avere compassione e per farci comprendere la sua tenerezza. Vicinanza, compassione e tenerezza. ” Ha suggerito che possiamo vincere la nostra tentazione di evitare la sofferenza degli altri chiedendo a Dio la grazia di vivere le due “trasgressioni” descritte nella lettura del Vangelo del giorno. “Quella del lebbroso, affinché abbiamo il coraggio di uscire dal nostro isolamento e, invece di restare fermi e dispiacerci o piangere per i nostri difetti, lamentandoci, e invece di questo, andiamo da Gesù proprio come noi siamo; “Gesù, sono così.” Sentiremo quell’abbraccio, quell’abbraccio di Gesù che è così bello ”, ha detto.

“E poi la trasgressione di Gesù, un amore che va oltre le convenzioni, che supera i pregiudizi e la paura di mettersi in gioco con la vita degli altri. Impariamo ad essere trasgressori come questi due: come il lebbroso e come Gesù “. Intervenendo dopo l’Angelus, Papa Francesco ha ringraziato coloro che si prendono cura dei migranti. Ha detto di essersi unito ai vescovi della Colombia nel ringraziare il governo per aver concesso lo status protetto – tramite uno Statuto di protezione temporanea – a quasi un milione di persone che sono fuggite dal vicino Venezuela. Ha detto: “Non è un paese super ricco e sviluppato che sta facendo questo … No: questo viene fatto da un paese che ha molti problemi di sviluppo, povertà e pace … Quasi 70 anni di guerriglia. Ma con questo problema, hanno avuto il coraggio di guardare a quei migranti e di creare questo statuto. Grazie alla Columbia. ” Il papa ha osservato che il 14 febbraio è la festa dei SS. Cirillo e Metodio, i co-patroni d’Europa che evangelizzarono gli slavi nel IX secolo.

“La loro intercessione ci aiuti a trovare nuovi modi per comunicare il Vangelo. Questi due non avevano paura di trovare nuovi modi per comunicare il Vangelo. E attraverso la loro intercessione, possano le chiese cristiane crescere nel loro desiderio di camminare verso la piena unità rispettando le differenze ”, ha detto. Papa Francesco ha anche osservato che il 14 febbraio è il giorno di San Valentino. “E non posso mancare oggi, giorno di San Valentino, di rivolgere un pensiero e un saluto ai fidanzati, agli innamorati. Vi accompagno con la mia preghiera e vi benedico tutti ”, ha detto. Ha poi ringraziato i pellegrini per essere venuti in Piazza San Pietro per l’Angelus, segnalando gruppi provenienti da Francia, Messico, Spagna e Polonia. “Cominciamo la Quaresima mercoledì prossimo. Sarà un momento propizio per dare un senso di fede e di speranza alla crisi che stiamo vivendo ”, ha detto. “E prima, non voglio dimenticare: le tre parole che ci aiutano a capire lo stile di Dio. Non dimenticare: vicinanza, compassione, tenerezza. “

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo