L’Anno di San Giuseppe: cosa devono sapere i cattolici

Martedì, Papa Francesco ha annunciato un Anno di San Giuseppe, in onore del 150 ° anniversario della proclamazione del santo come patrono della Chiesa universale.

Papa Francesco ha detto che stava stabilendo l’anno in modo che “ogni fedele, seguendo il suo esempio, possa rafforzare la propria vita di fede quotidiana nel completo adempimento della volontà di Dio”.

Ecco cosa devi sapere sull’Anno di San Giuseppe:

Perché la Chiesa ha anni dedicati a temi specifici?

La Chiesa osserva il passare del tempo attraverso il calendario liturgico, che include feste come la Pasqua e il Natale e periodi come la Quaresima e l’Avvento. Inoltre, tuttavia, i papi possono riservare del tempo alla Chiesa per riflettere più profondamente su un aspetto specifico dell’insegnamento o del credo cattolico. Gli anni passati designati dai recenti papi includono un anno della fede, un anno dell’Eucaristia e un anno giubilare della misericordia.

Perché il Papa ha dichiarato un anno di San Giuseppe?

Nel fare la sua dichiarazione, Papa Francesco ha osservato che quest’anno ricorre il 150 ° anniversario della proclamazione del santo come patrono della Chiesa universale da parte di Papa Pio IX l’8 dicembre 1870.

Papa Francesco ha affermato che la pandemia di coronavirus ha accresciuto il suo desiderio di riflettere su San Giuseppe, poiché così tante persone durante la pandemia hanno fatto sacrifici nascosti per proteggere gli altri, proprio come San Giuseppe ha tranquillamente protetto e curato Maria e Gesù.

“Ognuno di noi può scoprire in Giuseppe – l’uomo che passa inosservato, una presenza quotidiana, discreta e nascosta – un intercessore, un sostegno e una guida nei momenti di difficoltà”, ha scritto il papa.

Ha anche detto di voler sottolineare il ruolo di San Giuseppe come padre che ha servito la sua famiglia con carità e umiltà, aggiungendo: “Il nostro mondo oggi ha bisogno di padri”.

Quando inizia e finisce l’Anno di San Giuseppe?

L’anno inizia l’8 dicembre 2020 e si conclude l’8 dicembre 2021.

Quali grazie speciali sono disponibili durante quest’anno?

Mentre i cattolici pregano e riflettono sulla vita di San Giuseppe durante il prossimo anno, hanno anche l’opportunità di ottenere un’indulgenza plenaria o la remissione di tutte le punizioni temporali dovute al peccato. Un’indulgenza può essere applicata a se stessi o ad un’anima del Purgatorio.

L’indulgenza richiede un atto specifico, definito dalla Chiesa, così come la confessione sacramentale, la comunione eucaristica, la preghiera per le intenzioni del papa e il pieno distacco dal peccato.

Le indulgenze speciali durante l’Anno di San Giuseppe possono essere ricevute attraverso più di una dozzina di preghiere e azioni diverse , tra cui pregare per i disoccupati, affidare il proprio lavoro quotidiano a San Giuseppe, compiere un’opera di misericordia corporale o spirituale o meditare per almeno 30 minuti sulla preghiera del Signore.

Perché la Chiesa onora San Giuseppe?

I cattolici non adorano i santi, ma chiedono la loro intercessione celeste davanti a Dio e cercano di imitare le loro virtù qui sulla terra. La Chiesa cattolica onora San Giuseppe come il padre adottivo di Gesù. È invocato come patrono della Chiesa universale. È anche il patrono dei lavoratori, il padre e una morte felice

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID