L’anno di San Giuseppe: cosa hanno detto del Santo i papi da Pio IX a Francesco

Papa Francesco ha proclamato che la Chiesa onorerà San Giuseppe in modo particolare nel corso del prossimo anno.

L’annuncio del papa dell’Anno di San Giuseppe coincise di proposito con il 150 ° anniversario della proclamazione del santo come patrono della Chiesa universale da parte di Papa Pio IX l’8 dicembre 1870.

“Gesù Cristo nostro Signore … che innumerevoli re e profeti avevano desiderato vedere, Giuseppe non solo vide, ma conversò, abbracciò con affetto paterno e baciò. Allevò diligentemente Colui che i fedeli dovevano ricevere come il pane disceso dal cielo grazie al quale avrebbero potuto ottenere la vita eterna ” , afferma il proclama“ Quemadmodum Deus ”.

Il successore di Pio IX, Papa Leone XIII, ha continuato a dedicare una lettera enciclica alla devozione a San Giuseppe, ” Quamquam pluries “.

“Giuseppe divenne il guardiano, l’amministratore e il difensore legale della casa divina di cui era il capo”, scrisse Leone XIII nell’enciclica pubblicata nel 1889.

“Ora la casa divina che Giuseppe governava con l’autorità di un padre, conteneva entro i suoi limiti la Chiesa nata a scarseggiare”, ha aggiunto.

Leone XIII ha presentato san Giuseppe come un modello in un’epoca in cui il mondo e la Chiesa stavano lottando con le sfide poste dalla modernità. Pochi anni dopo, il papa pubblicò la “ Rerum novarum ”, un’enciclica sul capitale e sul lavoro che delineava i principi per garantire la dignità dei lavoratori.

Negli ultimi 150 anni, quasi ogni papa si è adoperato per un’ulteriore devozione a San Giuseppe nella Chiesa e per usare l’umile padre e falegname come testimone per il mondo moderno.

“Se vuoi essere vicino a Cristo, ti ripeto ‘Ite ad Ioseph’: vai da Giuseppe!” ha detto il Ven. Pio XII nel 1955 istituì la festa di San Giuseppe Lavoratore, da celebrare il 1 maggio.

La nuova festa è stata intenzionalmente inserita nel calendario per contrastare le manifestazioni comuniste del Primo Maggio. Ma questa non era la prima volta che la Chiesa presentava l’esempio di San Giuseppe come un percorso alternativo verso la dignità dei lavoratori.

Nel 1889, la Conferenza socialista internazionale istituì il 1 ° maggio come festa del lavoro in ricordo delle proteste sindacali di Chicago “affare Haymarket”. In quello stesso anno Leone XIII metteva in guardia i poveri contro le false promesse degli “uomini sediziosi”, chiamandoli a rivolgersi invece a San Giuseppe, ricordando che la madre Chiesa “ogni giorno prende sempre più compassione della loro sorte”.

Secondo il pontefice, la testimonianza della vita di San Giuseppe insegnava ai ricchi “quali sono i beni più desiderabili”, mentre i lavoratori potevano rivendicare il ricorso di San Giuseppe come loro “diritto speciale, e il suo esempio è per la loro particolare imitazione”.

“È quindi vero che la condizione dell’umile non ha nulla di vergognoso in essa, e il lavoro dell’operaio non solo non è disonorevole, ma può, se la virtù si unisce ad essa, essere singolarmente nobilitato”, scrisse Leone XIII in “ Quamquam piaceri. “

Nel 1920, Benedetto XV offrì devotamente San Giuseppe come “guida speciale” e “patrono celeste” dei lavoratori “per mantenerli immuni dal contagio del socialismo, acerrimo nemico dei principi cristiani”.

E, nell’enciclica del 1937 sul comunismo ateo, ” Divini Redemptoris “, Pio XI pose “la vasta campagna della Chiesa contro il comunismo mondiale sotto lo stendardo di San Giuseppe, suo potente protettore”.

“Appartiene alla classe operaia e portava i pesi della povertà per sé e per la Sacra Famiglia, di cui era il capo tenero e vigile. A lui è stato affidato il Divino Bambino quando Erode ha liberato i suoi assassini contro di Lui ”, ha continuato Papa XI. “Ha vinto per se stesso il titolo di ‘Il Giusto’, servendo così da modello vivente di quella giustizia cristiana che dovrebbe regnare nella vita sociale.

Eppure, nonostante l’enfasi della Chiesa del XX secolo su San Giuseppe Lavoratore, la vita di Giuseppe non è stata definita solo dal suo lavoro, ma anche dalla sua vocazione alla paternità.

“Per San Giuseppe, la vita con Gesù è stata una continua scoperta della propria vocazione di padre”, ha scritto San Giovanni Paolo II nel suo libro del 2004 “Alziamoci, mettiamoci in cammino”.

Ha proseguito: “Gesù stesso, come uomo, ha sperimentato la paternità di Dio attraverso il rapporto padre-figlio con san Giuseppe. Questo incontro filiale con Giuseppe alimentò poi la rivelazione di Nostro Signore del nome paterno di Dio. Che mistero profondo! “

Giovanni Paolo II ha visto in prima persona i tentativi comunisti di indebolire l’unità familiare e minare l’autorità dei genitori in Polonia. Disse che guardava alla paternità di San Giuseppe come un modello per la propria paternità sacerdotale.

Nel 1989 – 100 anni dopo l’enciclica di Leone XIII – san Giovanni Paolo II scrisse “ Redemptoris custos ”, un’esortazione apostolica sulla persona e la missione di san Giuseppe nella vita di Cristo e della Chiesa.

Nel suo annuncio dell’Anno di San Giuseppe, Papa Francesco ha diffuso una lettera , “ Patris corde ” (“Con il cuore di un padre”), spiegando di voler condividere alcune “riflessioni personali” sulla sposa della Beata Vergine Maria.

“Il mio desiderio di farlo è aumentato durante questi mesi di pandemia”, ha detto, sottolineando che molte persone avevano fatto sacrifici nascosti durante la crisi per proteggere gli altri.

“Ognuno di noi può scoprire in Giuseppe – l’uomo che passa inosservato, una presenza quotidiana, discreta e nascosta – un intercessore, un sostegno e una guida nei momenti di difficoltà”, ha scritto.

“St. Giuseppe ci ricorda che coloro che appaiono nascosti o nell’ombra possono svolgere un ruolo incomparabile nella storia della salvezza “.

L’Anno di San Giuseppe offre ai cattolici l’opportunità di ricevere un’indulgenza plenaria recitando qualsiasi preghiera approvata o atto di pietà in onore di San Giuseppe, in particolare il 19 marzo, solennità del santo, e il 1 maggio, festa di S. Joseph the Worker.

Per una preghiera approvata, si possono usare le Litanie di San Giuseppe, che Papa San Pio X approvò per l’uso pubblico nel 1909.

Papa Leone XIII ha anche chiesto che la seguente preghiera a San Giuseppe sia recitata alla fine del rosario nella sua enciclica su San Giuseppe:

“A te, o beato Giuseppe, ricorriamo alla nostra afflizione e, dopo aver implorato l’aiuto del tuo tre volte santo Sposo, ora, con il cuore pieno di fiducia, ti supplichiamo vivamente di prenderci anche sotto la tua protezione. Per quella carità con cui eri unito alla Vergine Immacolata Madre di Dio, e per quell’amore paterno con cui hai amato il Bambino Gesù, ti supplichiamo e preghiamo umilmente che tu guardi dall’alto in basso con occhio benevolo su quell’eredità che Gesù Cristo acquistato dal Suo sangue, e ci soccorrerai nel nostro bisogno con il tuo potere e la tua forza “.

“Difendi, o guardiano più attento della Sacra Famiglia, la progenie eletta di Gesù Cristo. Allontana da noi, o Padre amorevole, ogni flagello dell’errore e della corruzione. Aiutaci dall’alto, valoroso difensore, in questo conflitto con i poteri delle tenebre. E anche come un tempo hai salvato il Bambino Gesù dal pericolo della sua vita, così ora difendi la santa chiesa di Dio dalle insidie ​​del nemico e da tutte le avversità. Proteggici sempre sotto il tuo patrocinio, affinché, seguendo il tuo esempio e rafforzati dal tuo aiuto, possiamo vivere una vita santa, morire di una morte felice e raggiungere la beatitudine eterna in Cielo. Amen.”

Papa Francesco predica la tolleranza in visita a Ur in Iraq

Papa Francesco predica la tolleranza in visita a Ur in Iraq

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio