Le donne hanno reazioni contrastanti alla nuova legge del papa sui lettori, accoliti

Francesca Marinaro is seen at St. Gabriel Parish in Pompano Beach, Fla., in this 2018 file photo. She served as a reader during the annual Mass and reception for people with disabilities. (CNS photo/Tom Tracy via Florida Catholic)

Le opinioni delle donne di tutto il mondo cattolico sono state divise sulla scia della nuova legge di Papa Francesco che consente loro di avere un ruolo maggiore alla messa, con alcune salutando come un importante passo avanti, e altre dicendo che non cambia lo status quo.

Martedì, Francesco ha emesso una modifica al diritto canonico che formalizza la possibilità per donne e ragazze di essere installate come lettori e accoliti.

Sebbene le donne sia stata a lungo pratica comune nei paesi occidentali come gli Stati Uniti che le donne servissero come lettrici e servissero all’altare, i ministeri formali – una volta considerati “ordini minori” per coloro che si preparavano al sacerdozio – sono stati riservati agli uomini .

Chiamata motu proprio , ovvero un atto legislativo emanato sotto l’autorità del papa, la nuova legge rivede il canone 230 del diritto canonico, che in precedenza affermava che “i laici che possiedono l’età e i requisiti stabiliti per decreto della conferenza dei vescovi possono essere ammessi stabilmente ai ministeri di lettore e accolito mediante il rito liturgico prescritto “.

Ora inizia il testo rivisto, “laici che possiedono l’età e le qualifiche”, ponendo l’unica condizione per l’ammissione ai ministeri il proprio battesimo, piuttosto che il proprio sesso.

Nel testo, Papa Francesco ha affermato che la mossa fa parte di uno sforzo per riconoscere meglio il “prezioso contributo” che le donne danno nella Chiesa cattolica, sottolineando il ruolo di tutti i battezzati nella missione della Chiesa.

Tuttavia, nel documento fa anche una chiara distinzione tra ministeri “ordinati” come il sacerdozio e il diaconato, e ministeri aperti a laici qualificati grazie al loro cosiddetto “sacerdozio battesimale”, che è diverso da quello dell’Ordine sacro.

In una colonna pubblicata il 13 gennaio sul quotidiano italiano La Nazione , la giornalista cattolica veterana Lucetta Scaraffia ha osservato che la legge del papa è stata accolta con elogi da molte donne nella Chiesa, ma è stata messa in dubbio, “è davvero un progresso concedere alle donne funzioni che hanno compiuto per decenni, anche durante le messe in San Pietro, un riconoscimento che nessuna organizzazione femminile ha mai chiesto? “

Notando che la nuova legge unisce il diaconato al sacerdozio, descrivendo entrambi come “ministeri ordinati”, che sono aperti solo agli uomini, Scaraffia ha detto che il diaconato è l’unico ministero che l’Unione Internazionale delle Superiore Generali (UISG) ha richiesto a Papa Francesco durante un’udienza nel 2016.

Dopo quell’udienza, il papa istituì una commissione per lo studio del diaconato femminile, tuttavia il gruppo era diviso e non riuscì a raggiungere un consenso.

Nell’aprile 2020 Francesco ha istituito una nuova commissione per studiare la questione, tuttavia, Scaraffia ha notato nella sua colonna che questa nuova commissione deve ancora incontrarsi, e non si sa quando potrebbe essere organizzato il loro primo incontro.

A prescindere dalle preoccupazioni per l’attuale pandemia di coronavirus, Scaraffia ha affermato che per alcuni “c’è forte timore che finisca come la precedente, cioè con uno stallo, anche grazie a questo documento più recente”.

Ha poi alluso a una parte del testo che dice che i ministeri del lettore e dell’accolito richiedono “stabilità, riconoscimento pubblico e un mandato da parte del vescovo”, dicendo che il mandato del vescovo aumenta “il controllo della gerarchia sui laici. “

“Se, fino ad ora, a qualche fedele potesse capitare di essere avvicinato prima della messa dal sacerdote che gli chiede di fare una delle letture, facendolo sentire così parte attiva della comunità, da oggi il riconoscimento dei vescovi è necessario “, ha detto, definendo la mossa” un ultimo passo verso la clericalizzazione della vita dei fedeli e un aumento della selezione e del controllo delle donne “.

Scaraffia ha detto che la decisione durante il Concilio Vaticano II di ripristinare il diaconato permanente, consentendo agli uomini sposati di essere ordinati diaconi, aveva lo scopo di distinguere il diaconato dal sacerdozio.

L’ammissione al diaconato “è l’unica vera alternativa alla richiesta del sacerdozio femminile”, ha detto, lamentando che, a suo avviso, il coinvolgimento delle donne nella vita della Chiesa “è così forte che ogni passo avanti – di solito tardivo e inconsistente – è limitato a pochi compiti e, soprattutto, richiede uno stretto controllo da parte della gerarchia “.

La stessa UISG ha rilasciato una dichiarazione il 12 gennaio ringraziando Papa Francesco per aver apportato il cambiamento e non facendo menzione della designazione del diaconato come ministero ordinato chiuso alle donne.

La decisione di ammettere donne e uomini al ministero di lettore e accolito è “un segno e una risposta al dinamismo che caratterizza la natura della Chiesa, un dinamismo che è proprio dello Spirito Santo che sfida costantemente la Chiesa in obbedienza alla Rivelazione e la realtà “, hanno detto.

Dal momento del battesimo “noi, tutti uomini e donne battezzati, diventiamo partecipi della vita e della missione di Cristo e capaci di servire la comunità”, hanno detto, aggiungendo che per poter contribuire alla missione della Chiesa attraverso questi ministeri, “ ci aiuterà a capire, come dice il Santo Padre nella sua lettera, che in questa missione “siamo ordinati gli uni agli altri”, ministri ordinati e non ordinati, uomini e donne, in un rapporto reciproco ”.

“Questo rafforza la testimonianza evangelica di comunione”, hanno detto, rilevando che le donne in molti luoghi del mondo, in particolare le donne consacrate, svolgono già importanti compiti pastorali “seguendo gli orientamenti dei vescovi” per rispondere alle esigenze dell’evangelizzazione .

“Pertanto, il Motu Proprio, con il suo carattere universale, è una conferma del percorso della Chiesa nel riconoscere il servizio di tante donne che hanno curato e continuano a prendersi cura del servizio della Parola e dell’Altare”, hanno detto.

Altri, come Mary McAleese, che è stata presidente dell’Irlanda dal 1997 al 2011 e che ha criticato apertamente la posizione della Chiesa cattolica sulle questioni LGBT e sul ruolo svolto dalle donne, hanno assunto un tono più duro.

Definendo la nuova legge “l’opposto polare di sconvolgente”, McAleese in un commento dopo la sua pubblicazione ha detto “È minimo ma lo stesso benvenuto perché è finalmente un riconoscimento” che era sbagliato vietare alle donne di essere installate come lettori e accoliti dall’inizio.

“Questi due ruoli sono stati aperti solo ai laici semplicemente e unicamente a causa della misoginia incorporata nel cuore della Santa Sede che continua ancora oggi”, ha detto, insistendo sul fatto che il precedente divieto alle donne era “insostenibile, ingiusto e ridicolo”.

McAleese ha sottolineato la ripetuta insistenza di Papa Francesco sul fatto che le porte all’ordinazione sacerdotale delle donne siano saldamente chiuse, esprimendo la sua convinzione che “le donne dovrebbero essere ordinate”, dicendo che gli argomenti teologici contro di essa sono “pura codologia”.

“Non mi preoccuperò nemmeno di discuterne”, disse, aggiungendo: “Prima o poi cadrà a pezzi, cadrà a pezzi sotto il suo stesso peso morto”.

Tuttavia, altri gruppi come Catholic Women Speak (CWS) sembravano prendere la via di mezzo.

Pur esprimendo malcontento per il fatto che la nuova legge sembra bandire le donne dal diaconato e dal sacerdozio, la fondatrice della CWS Tina Beattie ha anche elogiato il linguaggio aperto del documento, dicendo che c’è un potenziale di progresso.

In una dichiarazione successiva alla pubblicazione del documento, Beattie ha detto di essere favorevole al documento perché mentre le donne hanno prestato servizio nei ministeri del lettorato e dell’accolito sin dai primi anni ’90, “la loro capacità di farlo è dipesa dal permesso del loro locale preti e vescovi “.

“Nelle parrocchie e nelle comunità in cui la gerarchia cattolica si oppone alla maggiore partecipazione delle donne, è stato negato loro l’accesso a questi ruoli liturgici”, ha detto, dicendo che la modifica al diritto canonico assicura che “le donne non sono più soggette a tali capricci clericali . “

Beattie ha detto di essere anche a favore del diritto perché nel testo Papa Francesco si riferisce al cambiamento come “uno sviluppo dottrinale che risponde ai carismi dei ministeri laici e alle esigenze dei tempi riguardo all’evangelizzazione”.

Il linguaggio che usa è significativo, ha detto Beattie, sottolineando che mentre diverse donne sono state nominate in posizioni autorevoli in Vaticano negli ultimi anni, “queste riguardano la gestione dell’istituzione e non la vita di fede dottrinale e liturgica”.

“Affermare che la dottrina può svilupparsi riguardo ai ruoli liturgici delle donne significa fare un significativo passo avanti, nonostante la continua esclusione delle donne dagli Ordini Sacri”, ha detto.

Beattie ha anche affermato che il fatto che la legge sia stata emanata dimostra che “è un compito piccolo emendare il diritto canonico quando questo è l’unico ostacolo alla partecipazione delle donne”.

Notando che alle donne è attualmente vietato ricoprire il ruolo di cardinale perché il diritto canonico riserva la posizione a vescovi e sacerdoti, ha affermato che “non vi è alcun requisito dottrinale per l’ordinazione dei cardinali” e che se la disposizione che richiede ai cardinali di essere vescovi oppure i sacerdoti venivano rimossi, “le donne potevano essere nominate cardinali e avrebbero quindi svolto un ruolo cruciale nelle elezioni papali”.

“Quest’ultimo sviluppo potrebbe non riuscire ad affermare la piena dignità sacramentale delle donne fatte a immagine di Dio, ma può essere abbracciato con integrità e affermato come uno sviluppo dottrinale veramente benvenuto”, ha detto.

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo