Le nuove regole natalizie COVID in Italia risvegliano il dibattito sulla messa di mezzanotte

Quando il governo italiano questa settimana ha emanato nuove regole per le festività natalizie, tra l’altro imponendo un rigido coprifuoco che rende impossibile la tradizionale celebrazione della messa di mezzanotte alla vigilia di Natale, ha ravvivato il dibattito sul tempo effettivo della nascita di Cristo.

Emesse il 3 dicembre, le nuove regole, che si estendono per l’intera stagione delle vacanze, stabiliscono, tra le altre cose, che i viaggi tra le regioni sono vietati dal 21 dicembre al 21 gennaio. 6, che significa il periodo appena prima di Natale e attraverso la festa cattolica dell’Epifania.

Ai cittadini è inoltre vietato recarsi in diverse aree della loro città il 25-26 dicembre e il giorno di Capodanno.

Un coprifuoco nazionale che si estende dalle 22:00. fino alle 6:00 sarà tassativamente imposto e sarà prolungato di un’ora – fino alle 7:00. – il 1 gennaio.

Per quanto riguarda la Messa di Natale – che per molti giornali laici italiani è stato un tema di prima pagina nei giorni scorsi – il governo ha detto che la tradizionale celebrazione della Messa di mezzanotte dovrebbe essere anticipata per rispettare il coprifuoco nazionale.

Parlando della decisione, il sottosegretario al ministero della Salute Sandra Zampa ha detto che le messe “dovranno finire presto con tempo sufficiente per tornare a casa per il coprifuoco alle 22.00. Quindi intorno alle 20:30. “

Zampa ha insistito che la decisione è stata presa “in accordo con la Cei”, l’acronimo della conferenza episcopale italiana, che ha detto, “ha compreso perfettamente la necessità”.

Dopo che sono state rese pubbliche, le nuove regole sono state accolte con contraccolpo, ma non dalla Chiesa cattolica.

I vescovi italiani hanno ospitato un incontro del 1 ° dicembre e hanno rilasciato un comunicato in cui si dichiaravano d’accordo sulla necessità di “prevedere l’inizio e la durata della celebrazione in un momento compatibile con il cosiddetto coprifuoco”.

Sarebbe compito dei vescovi, hanno detto, fare in modo che i parroci “guidino” i fedeli su norme sanitarie come l’allontanamento sociale al fine di garantire la massima partecipazione nel rispetto delle norme di sicurezza.

L’opposizione al provvedimento proveniva da due fonti primarie, e probabilmente sorprendenti: i massoni italiani e il partito di estrema destra Lega .

In un blog pubblicato sul sito del Movimento Roosevelt, la più grande organizzazione italiana di massoni, il capo dell’associazione, Gioele Magaldi, ha criticato quello che ha definito “lo scandaloso silenzio della Chiesa cattolica” sulla scia del decreto di giovedì, insistendo sul fatto che costituisce una violazione della libertà religiosa.

Le nuove misure, ha detto Magaldi, “mortificano anche il Natale: niente messa di mezzanotte, e sarà vietato vedere i propri cari e abbracciarli… Questo è inammissibile”.

La Chiesa “è stata anche eroica, ha avuto i suoi martiri fatti a pezzi dai leoni”, ha detto. Tuttavia, riferendosi al rispetto da parte dei vescovi delle nuove misure COVID, ha chiesto, “dov’è il coraggio della Chiesa di fronte a un governo che osa ‘spegnere’ il Natale, fingendo di credere che tenere gli italiani chiusi in casa è davvero una soluzione? “

“Si illude chi spera in un ulteriore sacrificio in termini di allontanamento e rinunce”, ha detto, aggiungendo, “è evidente che le misure adottate contro il COVID, che spesso violano la Costituzione, sono del tutto inutili”.

Anche il politico italiano Francesco Boccia, ministro per gli Affari regionali e le autonomie e membro della Lega , ha criticato il nuovo decreto come autoritario, dicendo che sarebbe “un’eresia” far nascere il bambino Gesù “due ore prima”.

Nei commenti ad Antenna Tre Nordest , emittente televisiva regionale del Veneto, il Patriarca di Venezia, Francesco Moraglia, che ha partecipato alla seduta della CEI del 1 dicembre, ha risposto alle denunce di Boccia definendole “risibili”.

“I ministri dovrebbero concentrarsi sul loro dovere e non preoccuparsi tanto per l’ora in cui è nato il bambino Gesù”, ha detto Moraglia, aggiungendo: “Penso che la Chiesa abbia la maturità e la capacità di valutare il proprio comportamento in linea con le doverose richieste del pubblico autorità. “

“Dobbiamo tornare all’essenziale del Natale”, ha detto, sottolineando che la celebrazione liturgica del Natale “non ha mai inteso intercettare l’ora della nascita di Gesù”.

Formalmente la Chiesa cattolica non ha mai emesso una sentenza definitiva sull’ora e la data esatte della nascita di Gesù. In tutto il mondo, le messe di mezzanotte alla vigilia di Natale vengono spesso celebrate già alle 21 o alle 22

Ciò vale anche per il Vaticano, dove dagli ultimi anni del papato di Giovanni Paolo II la messa di mezzanotte è stata celebrata alle 22:00, consentendo al papa di riposarsi e di essere ancora in piedi per celebrare la messa la mattina di Natale.

Moraglia nei suoi commenti ha osservato che la Chiesa consente di celebrare la Messa nel pomeriggio e la sera della vigilia di Natale, così come la mattina e la notte di Natale.

“Quello che il ministro Boccia ha cercato di agitare o risolvere non è una questione, ma semplicemente una questione di organizzazione degli orari”, ha detto, aggiungendo, “vogliamo obbedire alla legge da buoni cittadini, che hanno anche la maturità per capire come gestire la loro celebrazioni senza bisogno di consigli teologici da parte di chi forse è meno attrezzato ”sull’argomento.

Ciò che serve, ha detto, è “sicurezza”. Sottolineando le opinioni divergenti di esperti e politici sul virus e sulle misure da adottare, Moraglia ha affermato che coloro che occupano posizioni di leadership di governo “devono essere in grado di dare una linea unificata, e non litigiosa”.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo