Le reliquie di San Massimiliano Kolbe esposte nella cappella del parlamento polacco

Le reliquie del martire di Auschwitz San Massimiliano Kolbe sono state installate in una cappella del parlamento polacco prima di Natale.

Le reliquie sono state trasferite il 17 dicembre nella cappella della Madre di Dio, Madre della Chiesa, che contiene anche le reliquie del papa polacco San Giovanni Paolo II e della pediatra italiana Santa Gianna Beretta Molla.

Le reliquie sono state presentate formalmente a entrambe le camere del parlamento polacco – il Sejm, o camera bassa, e il Senato – nella capitale, Varsavia, durante una cerimonia alla presenza di Elżbieta Witek, presidente del Sejm, senatore Jerzy Chróścikowski, e p. Piotr Burgoński, cappellano della cappella Sejm.

Le reliquie sono state consegnate da p. Grzegorz Bartosik, Ministro provinciale dei Francescani Conventuali in Polonia, p. Mariusz Słowik, guardiano del monastero di Niepokalanów, fondato da Kolbe nel 1927, e p. Damian Kaczmarek, economo della Provincia dei Francescani Conventuali dell’Immacolata Madre di Dio in Polonia.

Un comunicato stampa del 18 dicembre del parlamento polacco afferma che le reliquie sono state consegnate a seguito di numerose richieste di deputati e senatori.

Kolbe nacque a Zduńska Wola, Polonia centrale, nel 1894. Da bambino, vide un’apparizione della Vergine Maria con in mano due corone. Gli offrì le corone – una delle quali era bianca, a simboleggiare la purezza, e l’altra rossa, a indicare il martirio – e lui le accettò.

Kolbe si unì ai francescani conventuali nel 1910, prendendo il nome di Massimiliano. Durante gli studi a Roma, ha contribuito a fondare la Militia Immaculatae (Cavalieri dell’Immacolata), dedicata a promuovere la totale consacrazione a Gesù attraverso Maria.

Dopo essere tornato in Polonia dopo la sua ordinazione sacerdotale, Kolbe ha fondato la rivista devozionale mensile Rycerz Niepokalanej (Cavaliere dell’Immacolata). Stabilì anche un monastero a Niepokalanów, 40 chilometri a ovest di Varsavia, trasformandolo in un importante centro editoriale cattolico.

All’inizio degli anni ’30 fondò anche monasteri in Giappone e in India. Fu nominato guardiano del monastero di Niepokalanów nel 1936, fondando la stazione Radio Niepokalanów due anni dopo.

Dopo l’occupazione nazista della Polonia, Kolbe fu inviato al campo di concentramento di Auschwitz. Durante un appello il 29 luglio 1941, le guardie selezionarono 10 uomini da morire di fame come punizione dopo che un prigioniero era fuggito dal campo. Quando uno dei prescelti, Franciszek Gajowniczek, gridò disperato per sua moglie e i suoi figli, Kolbe si offrì di prendere il suo posto.

I 10 uomini sono stati trattenuti in un bunker dove sono stati privati ​​di cibo e acqua. Secondo i testimoni, Kolbe guidava i prigionieri condannati in preghiera e canti inni. Dopo due settimane era l’unico uomo ancora vivo. Fu ucciso da un’iniezione di fenolo il 14 agosto 1941.

Riconosciuto come “martire della carità”, Kolbe è stato beatificato il 17 ottobre 1971 e canonizzato il 10 ottobre 1982. Gajowniczek ha partecipato a entrambe le cerimonie.

Nella predicazione alla cerimonia di canonizzazione, Papa Giovanni Paolo II ha detto : “In quella morte, terribile dal punto di vista umano, c’era tutta la grandezza definitiva dell’atto umano e della scelta umana. Si è offerto spontaneamente fino alla morte per amore “.

“E in questa sua morte umana c’era la chiara testimonianza resa a Cristo: la testimonianza resa in Cristo alla dignità dell’uomo, alla santità della sua vita e alla forza salvifica della morte in cui si fa la forza dell’amore manifesto.”

“Proprio per questo la morte di Maximilian Kolbe è diventata un segno di vittoria. Questa è stata la vittoria ottenuta su ogni sistematico disprezzo e odio per l’uomo e per ciò che è divino nell’uomo – una vittoria come quella vinta da nostro Signore Gesù Cristo sul Calvario “

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo