L’elemosiniere del papa mons. Krajewski invita a ricordarsi dei poveri durante le vaccinazioni covid

Dopo essersi ripreso dallo stesso COVID-19, l’uomo di punta del papa per la carità sta incoraggiando le persone a non dimenticare i poveri ei senzatetto mentre i programmi di vaccinazione si diffondono in tutto il mondo.

Mercoledì il Vaticano ha somministrato la prima dose del vaccino COVID-19 a 25 senzatetto, mentre altri 25 avrebbero dovuto riceverla giovedì.

L’iniziativa è stata resa possibile grazie al cardinale polacco Konrad Krajewski, elemosiniere pontificio.

Il lavoro di Krajewski è fare beneficenza in nome del papa, soprattutto per i romani, ma questo ruolo si è ampliato, in particolare durante la pandemia di coronavirus, fino a includere non solo altre città italiane, ma alcuni dei paesi più poveri del mondo.

Durante la crisi, ha distribuito migliaia di dispositivi di protezione e dozzine di respiratori in Siria, Venezuela e Brasile.

Il fatto che almeno 50 senzatetto riceveranno il vaccino “significa che tutto è possibile in questo mondo”, ha detto Krajewski .

Il prelato ha anche osservato che sono in atto misure per garantire che siano le stesse persone a ricevere la seconda dose.

“I poveri vengono vaccinati proprio come ogni altra persona che lavora in Vaticano”, ha detto, sottolineando che quasi la metà del personale vaticano ha ricevuto il vaccino fino ad ora. “Forse questo incoraggerà altri a vaccinare i loro poveri, quelli che vivono per strada, poiché anche loro fanno parte delle nostre comunità”.

Il gruppo dei senzatetto vaccinati dal Vaticano sono quelli accuditi regolarmente dalle Suore della Misericordia, che gestiscono una casa in Vaticano, così come quelli che risiedono a Palazzo Migliore, un rifugio che il Vaticano ha aperto lo scorso anno vicino a San Pietro Piazza.

Mettere i senzatetto nella lista di coloro che devono essere vaccinati dal Vaticano non è stato facile, ha detto il prelato, per motivi legali. Tuttavia, ha affermato Krajewski, “dobbiamo dare un esempio di amore. La legge è qualcosa che aiuta, ma la nostra guida è il Vangelo “.

Il cardinale polacco è uno dei tanti impiegati vaticani di alto rango che sono risultati positivi al COVID-19 dall’inizio della pandemia. Nel suo caso, ha trascorso il Natale ricoverato in ospedale a causa di complicazioni dovute a una polmonite causata da COVID-19, ma è stato rilasciato il 1 gennaio.

Ha detto il prelato che si sente meglio, anche se sta ancora subendo lievi conseguenze dal virus, come l’esaurimento durante il pomeriggio. Tuttavia, ammette che “ricevendo il caloroso benvenuto a casa come ho fatto io al ritorno dall’ospedale, è valsa la pena contrarre il virus”.

“I senzatetto e i poveri mi hanno dato un’accoglienza che una famiglia raramente dà”, ha detto il cardinale.

I poveri e i senzatetto in contatto regolare con l’ufficio di Krajewski – l’elemosina offre pasti caldi, docce calde, vestiti puliti e alloggio quando è possibile – non solo ricevono il vaccino dal Vaticano, ma è stata anche offerta la possibilità di essere testati per il coronavirus tre volte a settimana.

Quando uno risulta positivo, l’ufficio del mandrino li manda in quarantena in un edificio di proprietà del Vaticano.

In un’intervista trasmessa il 10 gennaio, Papa Francesco ha parlato di come ottenere il vaccino COVID-19 la prossima settimana e ha esortato gli altri a fare lo stesso.

“Credo che eticamente tutti dovrebbero prendere il vaccino”, ha detto il Papa in un’intervista all’emittente TV Canale 5 . “È una scelta etica perché stai giocando con la tua salute, con la tua vita, ma stai anche giocando con la vita degli altri”.

A dicembre, ha esortato i paesi a rendere i vaccini “disponibili a tutti” durante il suo messaggio di Natale.

“Chiedo a tutti i responsabili degli Stati, delle aziende, degli organismi internazionali … di promuovere la cooperazione e non la concorrenza e di cercare una soluzione per tutti, vaccini per tutti, soprattutto per i più vulnerabili e bisognosi in tutte le regioni del globo” ha detto il papa durante il suo tradizionale messaggio Urbi et Orbi (alla città e al mondo) il giorno di Natale.

Sempre a dicembre, mentre diversi vescovi cattolici stavano fornendo informazioni contraddittorie sulla moralità del vaccino COVID-19, tenendo conto che alcuni di loro usavano linee cellulari provenienti da feti abortiti per le loro ricerche e test, il Vaticano ha pubblicato un documento definendolo “moralmente accettabile.”

Il Vaticano ha concluso che “è moralmente accettabile ricevere vaccini COVID-19 che hanno utilizzato linee cellulari di feti abortiti” nel processo di ricerca e produzione quando i vaccini “eticamente irreprensibili” non sono disponibili al pubblico.

Ma ha sottolineato che gli usi “leciti” di tali vaccini “non implicano e non devono in alcun modo implicare che vi sia un avallo morale dell’uso di linee cellulari provenienti da feti abortiti”.

Nella sua dichiarazione, il Vaticano ha spiegato che ottenere vaccini che non pongono un dilemma etico non è sempre possibile, perché ci sono paesi “in cui i vaccini senza problemi etici non sono messi a disposizione di medici e pazienti” o dove speciali condizioni di conservazione o trasporto lo rendono distribuzione più difficile.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID