L’ex capo della sicurezza vaticano elogia le riforme finanziarie di papa Francesco

A poco più di un anno da questa uscita, Domenico Giani, precedentemente ritenuto una delle persone più potenti del Vaticano, ha rilasciato un’intervista offrendo dettagli sul suo attuale percorso di carriera e il suo pensiero sulla riforma papale.

Nell’intervista, pubblicata su Avvenire , il quotidiano ufficiale dei vescovi italiani, il 6 gennaio, l’ex capo della polizia vaticana ha detto che quando gli è stato chiesto per la prima volta di entrare in servizio presso la Santa Sede, gli è stato detto che “non era il mio servizio personale per vocazione, chiamata ”, esteso anche alla sua famiglia.

Parlando delle sue inaspettate dimissioni lo scorso autunno, Giani ha detto che la mossa “ha causato dolore” a lui e alla sua famiglia, ma ha insistito sul fatto che non ha alterato la sua esperienza di lavoro nel Corpo del Gendarme Vaticano, né ha tolto “la gratitudine per i papi noi hanno servito: San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco “.

“Rimango profondamente attaccato alla Chiesa e sono un uomo di istituzioni”, ha detto.

Alla domanda sul suo pensiero sulla riforma in corso da parte del papa del Vaticano e della Curia romana, che lo scorso anno ha incluso diverse mosse sul fronte finanziario, Giani ha detto che a suo avviso: “Il papa continua la sua riforma con fermezza non disgiunta dalla carità, ma senza cedendo agli impulsi giustizialisti . “

Nello svolgimento di questo compito, ha detto, il papa “ha sempre bisogno di fedeli collaboratori che agiscano con criteri di verità e giustizia”.

Il Partito Giustizialista era il partito fondato da Juan Peron in Argentina. Il peronismo – una miscela di nazionalismo e populismo che sfida le normali categorie politiche sinistra-destra – è anche noto per la sua struttura autoritaria dall’alto verso il basso.

Ex ufficiale dei servizi segreti italiani, Giani ha iniziato la sua carriera in Vaticano nel 1999 durante il papato di San Giovanni Paolo II come vice-ispettore sotto il suo predecessore, Camillo Cibin.

Nel 2006, è stato nominato Ispettore Generale del Corpo del Gendarme Vaticano ed è stato costantemente al fianco di Papa Benedetto XVI e Papa Francesco come guardia del corpo personale sia in Vaticano che durante i viaggi papali all’estero.

Durante i suoi due decenni come supremo ufficiale delle forze dell’ordine del Vaticano, Giani si è guadagnato una reputazione di dedizione e iper-vigilanza, emettendo spesso un’atmosfera minacciosa e intimidatoria.

Papa Francesco ha accettato le dimissioni di Giani nell’ottobre 2019, appena due settimane dopo che un avviso di sicurezza interna era trapelato alla stampa italiana.

La fuga di notizie riguardava un’ordinanza firmata da Giani riguardante cinque dipendenti vaticani sospesi per accuse di illeciti finanziari, a seguito di un’irruzione negli uffici di due dei dipartimenti più sensibili del Vaticano, l’Autorità per l’informazione finanziaria e la Segreteria di Stato.

Vari media italiani hanno pubblicato le foto delle cinque persone al centro dell’inchiesta. Secondo quanto riferito, papa Francesco era furioso, soprattutto perché non era ancora chiaro cosa, semmai, le cinque persone in questione avessero fatto di male.

I raid erano collegati a un losco investimento immobiliare di 200 milioni di dollari a Londra che si è rivelato un pessimo affare per il Vaticano, ma un ottimo affare per l’uomo che lo ha organizzato.

A settembre un altro uomo legato all’affare, il cardinale italiano Angelo Becciu, è stato estromesso dal suo incarico di capo del dipartimento dei santi del Vaticano. L’accordo era stato concluso durante il periodo di Becciu come sostituto alla Segreteria di Stato, una posizione equivalente al capo di gabinetto del papa. Sebbene Becciu abbia detto che gli è stato chiesto di dimettersi per accuse di appropriazione indebita, molti credono che la sua partenza potrebbe anche essere collegata alle conseguenze del fiasco di Londra.

Dopo la fuga di notizie, si è parlato apertamente di un ambiente avvelenato da persone in posizioni da conoscere.

Nell’annuncio della partenza di Giani, il Vaticano ha affermato che, pur non avendo “alcuna responsabilità personale” per la fuga di notizie, “ha offerto le sue dimissioni al Santo Padre per amore alla Chiesa e per fedeltà al successore di Pietro”.

L’annuncio delle dimissioni di Giani è stato pubblicato insieme a una lunga intervista tra Giani e l’ex portavoce vaticano Alessandro Gisotti, in cui Giani ha difeso il suo onore e il suo lungo servizio alla Santa Sede.

Dal 1 ottobre Giani è presidente di Eni Foundation, ente umanitario istituito nel 2007 dedicato alla salute dei bambini e che fa capo a una delle principali società energetiche italiane.

Nella sua intervista ad Avvenire , Giani ha detto di avere “varie offerte” dopo aver lasciato il suo incarico in Vaticano. Si vociferava che avrebbe trovato un lavoro alle Nazioni Unite, ma “le condizioni non c’erano”, ha detto, spiegando che alla fine si è optato per la Fondazione Eni dopo aver tenuto numerosi incontri con agenzie internazionali e gruppi italiani.

“Credo che la mia esperienza professionale – le istituzioni dello Stato italiano e il servizio reso al papa e alla Santa Sede … abbiano contribuito a maturare questa proposta”, ha detto.

Finora, Giani ha detto di essere stato impegnato con il recente lancio di un progetto congiunto tra la Fondazione Eni e la Comunità italiana di Sant’Egidio, il favorito di Papa Francesco dei cosiddetti ‘nuovi movimenti’, chiamato “Non sei solo. “

Il progetto prevede consegne di cibo a persone anziane di età superiore agli 80 anni che sono state colpite dalla pandemia di coronavirus. Le prime consegne sono avvenute durante le festività natalizie e, secondo Giani, più pacchi di cibo verranno consegnati a febbraio e poi di nuovo a marzo e aprile.

Giani ha poi ricordato come è stato invitato a incontrare il presidente italiano Sergio Mattarella in ottobre, e una lettera che ha ricevuto da papa Francesco in risposta a una che aveva scritto al papa al momento delle sue dimissioni.

“Sono due gesti che mi hanno rincuorato di più nell’anno appena archiviato”, ha detto, definendo l’incontro con Mattarella “il gesto di un padre, solenne e allo stesso tempo semplice”.

Riferendosi alla lettera del papa, ha detto che Francesco si riferiva a lui come a un “fratello” e che nel testo della lettera, pieno di “parole affettuose e non occasionali”, Francesco ancora “ha rinnovato la sua gratitudine e stima”.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID