L’impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera

Il dottor Borik ha condiviso diverse storie, spiegando che i regolari incontri di preghiera hanno avuto un profondo effetto sul benessere emotivo dei partecipanti. Secondo quanto riferito, una delle residenti a lungo termine del centro, Margaret, era una cugina di primo grado dell’arcivescovo Fulton Sheen. Margaret ha mostrato con orgoglio una foto di Sheen firmata, semplicemente, “Fulty”. Era stata così sconvolta per non poter ascoltare la Messa, celebrare l’Eucaristia, riunirsi per la preghiera. È stata la reazione di Margaret a fungere da catalizzatore, ispirando il dottor Borik ad avviare il gruppo di preghiera.

Un’altra paziente, Michelle, non era cattolica ma ha imparato a pregare il Rosario nel gruppo. “Essere in questa era di COVID ci limita”, ha detto Michelle in un video, “ma non limita il nostro spirito e non limita le nostre convinzioni … Essere negli Oasis ha aumentato la mia fede, ha aumentato il mio amore , ha aumentato la mia felicità. ” Michelle credeva che il suo incidente nel febbraio 2020 e le ferite risultanti fossero una benedizione, in quanto ha trovato la sua strada per gli incontri di preghiera all’Oasis, è cresciuta nella fede e ha acquisito intuizioni spirituali attraverso il ministero del dottor Borik. Un altro paziente ha riferito di essere stato divorziato quasi 50 anni fa e di conseguenza si è sentito estraniato dalla Chiesa. Quando ha sentito che c’era un gruppo del rosario all’Oasis, ha deciso di unirsi. “È stato un piacere avere qualcosa del genere a cui tornare”, ha detto. “Ho ricordato tutto ciò che mi è stato insegnato, dalla mia prima comunione fino ad oggi”. Considerava una benedizione il fatto di essere stato incluso nel gruppo del Rosario e sperava che potesse essere una benedizione anche per altre persone.

Per i pazienti nei centri di assistenza a lungo termine, la vita quotidiana durante la pandemia può essere solitaria e difficile. Le strutture di assistenza a lungo termine – comprese le strutture infermieristiche qualificate e le strutture di soggiorno assistito – hanno visite strettamente limitate, per aiutare a prevenire la diffusione del COVID-19 tra i residenti la cui età e condizioni li rendono particolarmente vulnerabili alla malattia. Alla fine di gennaio o febbraio 2020, il coronavirus ha reso necessario un blocco del centro infermieristico e riabilitativo Oasis Pavilion a Casa Grande, in Arizona. Da quel momento, i membri della famiglia non sono stati in grado di visitare i loro cari istituzionalizzati.

I volontari non sono ammessi al centro, né un sacerdote può celebrare la messa per i degenti cattolici. ,La dottoressa Anne Borik, direttrice medica dell’Oasis Center, ha notato che molti dei suoi pazienti soffrivano di depressione e ansia. Confinati nelle loro stanze giorno dopo giorno, senza il conforto della famiglia e degli amici, erano desolati e abbandonati. In quanto medico cattolico, il dottor Borik ha una passione per la preghiera e la spiritualità come parte integrante dell’assistenza sanitaria. “Credo davvero che ce ne sia bisogno”, ha detto. “Quando preghiamo con i nostri pazienti, è importante! Ci sente! “

Sebbene le politiche di prevenzione delle malattie del centro proibissero le visite di cappellani o sacerdoti, il dottor Borik aveva pieno accesso ai residenti. Borik ha ideato un piano per aiutare a evitare l’ansia che ha accompagnato ore, giorni e persino settimane di isolamento: ha invitato i residenti a partecipare a un rosario settimanale nella stanza delle attività del centro. Borik si aspettava che i residenti cattolici potessero essere interessati; ma senza altre attività nel calendario del centro, presto si unirono anche persone di altre fedi (o nessuna fede). “C’era solo posto in piedi”, ha riferito il dottor Borik, spiegando che la grande stanza era piena di pazienti su sedia a rotelle separati l’uno dall’altro da diversi piedi. Presto c’erano 25 o 30 persone che si univano in preghiera ogni settimana. Sotto la guida del dottor Borik, il gruppo iniziò ad accettare le richieste di preghiera. Molti dei pazienti, Borik ha riferito, pregato non per se stessi, ma per altri membri della famiglia. Il morale al centro fu notevolmente migliorato; e l’amministratore del centro disse al dottor Borik che l’argomento era emerso in una riunione del Resident Council e che tutti stavano parlando del Rosario!

Quando un membro del personale di cucina ha contratto il virus ma è rimasto asintomatico, è andata a lavorare. Quando è venuta alla luce la notizia della malattia del dipendente, il centro è stato costretto a chiudere nuovamente e confinare i residenti nelle loro stanze. Il dottor Borik, tuttavia, non era disposto a concludere semplicemente la riunione di preghiera settimanale. “Abbiamo dovuto chiudere di nuovo le attività”, ha detto Borik, “quindi abbiamo deciso di fornire piccoli lettori MP3 a tutti personalmente”. I pazienti erano abituati alla voce del dottor Borik, quindi ha registrato il rosario per loro. “Quindi, camminando per i corridoi a Natale”, sorrise Borik, “sentiresti i pazienti suonare il rosario nelle loro stanze”.

L’impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Il dottor Borik ha condiviso diverse storie, spiegando che i regolari incontri di preghiera hanno avuto un profondo effetto sul benessere emotivo dei partecipanti. Secondo quanto riferito, una delle residenti a lungo termine del centro, Margaret, era una cugina di primo grado dell’arcivescovo Fulton Sheen. Margaret ha mostrato con orgoglio una foto di Sheen firmata, semplicemente, “Fulty”. Era stata così sconvolta per non poter ascoltare la Messa, celebrare l’Eucaristia, riunirsi per la preghiera. È stata la reazione di Margaret a fungere da catalizzatore, ispirando il dottor Borik ad avviare il gruppo di preghiera.

Un’altra paziente, Michelle, non era cattolica ma ha imparato a pregare il Rosario nel gruppo. “Essere in questa era di COVID ci limita”, ha detto Michelle in un video, “ma non limita il nostro spirito e non limita le nostre convinzioni … Essere negli Oasis ha aumentato la mia fede, ha aumentato il mio amore , ha aumentato la mia felicità. ” Michelle credeva che il suo incidente nel febbraio 2020 e le ferite risultanti fossero una benedizione, in quanto ha trovato la sua strada per gli incontri di preghiera all’Oasis, è cresciuta nella fede e ha acquisito intuizioni spirituali attraverso il ministero del dottor Borik. Un altro paziente ha riferito di essere stato divorziato quasi 50 anni fa e di conseguenza si è sentito estraniato dalla Chiesa. Quando ha sentito che c’era un gruppo del rosario all’Oasis, ha deciso di unirsi. “È stato un piacere avere qualcosa del genere a cui tornare”, ha detto. “Ho ricordato tutto ciò che mi è stato insegnato, dalla mia prima comunione fino ad oggi”. Considerava una benedizione il fatto di essere stato incluso nel gruppo del Rosario e sperava che potesse essere una benedizione anche per altre persone.

Daniela Molinari, la madre accetta di fare il prelievo per salvarle la vita

Daniela Molinari, la madre accetta di fare il prelievo per salvarle la vita

Luana D'Orazio, 23 anni, muore sul posto di lavoro

Luana D'Orazio, 23 anni, muore sul posto di lavoro

San Gennaro, ore 17,18 finalmente il miracolo!

San Gennaro, ore 17,18 finalmente il miracolo!

India ospedale invia le persone a trovare l'ossigeno

India ospedale invia le persone a trovare l'ossigeno

Infermiera malata di tumore, la madre si rifiuta di curarla

Infermiera malata di tumore, la madre si rifiuta di curarla

Nave scomparsa nel nulla, continuano le ricerche

Nave scomparsa nel nulla, continuano le ricerche

Rosalia Lombardo rinvenuto il corpo in perfette condizione

Rosalia Lombardo rinvenuto il corpo in perfette condizione