L’importanza della fede per la regina Elisabetta II

Un nuovo libro racconta come Dio offre un quadro per la vita e l’opera del monarca regnante più lungo della Gran Bretagna.

Fede della regina Elisabetta
Mia moglie ed io siamo rimasti incantati dallo show televisivo The Crown e dalla sua avvincente storia della vita e dei tempi della regina Elisabetta II . Come ha dimostrato più di un episodio, questo monarca che porta il titolo, tra gli altri, di “Defender of the Faith”, non sta semplicemente pronunciando le parole. Mi ha fatto molto piacere quando un nuovo libro ha attraversato la mia scrivania intitolata The Faith of Queen Elizabeth di Dudley Delffs.

Individuare un individuo così privato è chiaramente una sfida, ma quando leggi alcune delle cose che ha detto durante il suo regno di 67 anni, il più delle volte dai suoi messaggi natalizi annuali, intravedi la sua anima. Ecco un campione (grazie, signor Delffs):

“Voglio chiedere a tutti voi, qualunque sia la vostra religione, di pregare per me quel giorno – di pregare affinché Dio mi dia saggezza e forza per realizzare le solenni promesse che farò e che io possa servire fedelmente Lui e tu, tutti i giorni della mia vita. ”—Sono ix mesi prima della sua incoronazione

“Oggi abbiamo bisogno di un tipo speciale di coraggio. Non il tipo necessario in battaglia, ma un tipo che ci fa difendere da tutto ciò che sappiamo essere giusto, tutto ciò che è vero e onesto. Abbiamo bisogno del tipo di coraggio che può resistere alla sottile corruzione dei cinici, in modo da poter mostrare al mondo che non abbiamo paura del futuro.
“Non prendiamoci troppo sul serio. Nessuno di noi ha il monopolio della saggezza. “-

“Per me gli insegnamenti di Cristo e la mia responsabilità personale davanti a Dio forniscono un quadro in cui provo a condurre la mia vita. Come molti di voi, ho tratto grande conforto in tempi difficili dalle parole e dall’esempio di Cristo. ”-

“Il dolore è il prezzo che paghiamo per l’amore”. – Messaggio di condoglianze al servizio del ricordo dopo l’11 settembre

“Al centro della nostra fede non c’è una preoccupazione per il nostro benessere e il nostro conforto, ma i concetti di servizio e di sacrificio”.

“Per me, la vita di Gesù Cristo, il Principe della Pace … è un’ispirazione e un’ancora nella mia vita. Un modello di riconciliazione e perdono, ha steso le mani in amore, accettazione e guarigione. L’esempio di Cristo mi ha insegnato a cercare rispetto e valore per tutte le persone, di qualunque fede o nessuna.

Articoli correlati