Lo scopo spirituale della solitudine

Cosa possiamo imparare dalla Bibbia sul concetto di essere soli?

Solitudine. Che si tratti di una transizione vitale, della rottura di una relazione, di un lutto, di una sindrome del nido vuoto o semplicemente perché, a un certo punto, ci siamo sentiti tutti soli. Infatti, secondo uno studio condotto dalla compagnia assicurativa Cigna , circa il 46% degli americani riferisce di sentirsi a volte o sempre solo, mentre solo il 53% afferma di avere significative interazioni sociali di persona su base giornaliera.

È questo senso di “solitudine” che ricercatori ed esperti stanno chiamando una grande epidemia del 21 ° secolo e una grave preoccupazione per la salute. È dannoso per la salute, hanno stabilito i ricercatori della Brigham Young University, come fumare 15 sigarette al giorno. E la Health Resources & Services Administration (HRSA) stima che gli anziani soli abbiano un aumento del 45% del rischio di mortalità.

Perché la solitudine è esattamente una crisi? Ci sono una serie di ragioni, dalla maggiore dipendenza dalla tecnologia rispetto alle interazioni di persona, alla dimensione media delle famiglie che si riduce nel corso degli anni, causando sempre più persone che vivono da sole

Ma la solitudine stessa non è quasi un nuovo concetto, specialmente per quanto riguarda la spiritualità.

Dopo tutto, alcune delle persone più piene di fede della storia e persino i grandi eroi della Bibbia hanno vissuto una profonda solitudine da vicino e personale. Quindi c’è una componente spirituale nella solitudine? In che modo Dio si aspetta che navighiamo in una società sempre più solitaria?

Gli indizi iniziano fin dall’inizio, proprio nel libro della Genesi, afferma Lydia Brownback , relatrice e autrice di Alla ricerca di Dio nella mia solitudine . Contrariamente a come può sembrare, la solitudine non è una punizione di Dio o per colpa personale, dice. Prendi il fatto che dopo aver creato l’uomo, Dio disse: “Non è bene che l’uomo debba essere solo”.

“Dio ha detto che anche prima della caduta nel peccato, nel senso che ci ha creato con la capacità di sentirci soli anche in un momento in cui il mondo era molto buono in ogni modo”, dice Brownback. “Il fatto che la solitudine esistesse prima che il peccato venisse nel mondo deve significare che va bene lo sperimentiamo e che non è necessariamente il risultato di qualcosa di brutto.”

Certo, quando siamo nel profondo della solitudine, non si può fare a meno di chiedersi: perché Dio dovrebbe darci la capacità di sentirci soli in primo luogo? Per rispondere a ciò, Brownback guarda ancora una volta a Genesis. Sin dall’inizio, Dio ci ha creati con un vuoto che solo Lui può colmare. E per una buona ragione.

“Se non fossimo creati con quel vuoto, non avvertiremmo che manchi nulla”, afferma. “È un dono poter sentirsi soli, perché ci fa riconoscere che abbiamo bisogno di Dio e ci fa raggiungere l’uno per l’altro “.

La connessione umana è vitale per alleviare la solitudine

Guarda il caso di Adamo, per esempio. Dio ha rimediato alla sua solitudine con un compagno, Eva. Ciò non significa necessariamente che il matrimonio sia una cura per la solitudine. Caso in questione, anche le persone sposate si sentono sole. Invece, dice Brownback, la compagnia è ciò che è importante. Indica il Salmo 68: 6: “Dio imposta il solitario nelle famiglie”.

“Ciò non significa necessariamente un coniuge e 2.3 figli”, afferma. “Piuttosto, Dio ha creato gli esseri umani per essere in comunione l’uno con l’altro, per amare ed essere amati. Il matrimonio è solo un modo per farlo. “

Quindi cosa possiamo fare quando affrontiamo la solitudine? Brownback sottolinea ancora una volta la comunità . Contatta e parla con qualcuno, che si tratti di un amico, un familiare, un consulente o un consulente spirituale. Unisciti a una chiesa e aiuta quelli che potrebbero essere più soli di te.

Non aver paura di ammettere che sei solo, a te stesso o agli altri, consiglia Brownback. Sii onesto, specialmente con Dio. Puoi iniziare pregando qualcosa del tipo: “Dio, cosa posso fare per cambiare la mia vita?”

“Ci sono molte cose pratiche che puoi fare per cercare aiuto immediatamente”, afferma Brownback. “Fatti coinvolgere in chiesa, parla con qualcuno di cui ti fidi, risolvi la solitudine di qualcun altro e chiedi a Dio dei cambiamenti che puoi fare nel tempo. E apriti ad alcune nuove opportunità che hai avuto troppa paura di provare, qualunque essa sia. “

Ricorda, non sei solo

Gesù sperimentò la solitudine più di chiunque altro, dal digiuno nel deserto al Giardino del Getsemani alla Croce.

“Gesù era l’uomo più solo che sia mai vissuto”, dice Brownback. “Amava le persone che lo tradivano. Si è fatto male e ha continuato ad amare. Quindi anche nel peggiore dei casi, possiamo dire “Gesù capisce”. Alla fine, non siamo mai soli perché è con noi. “

E conforta nel fatto che Dio può fare cose straordinarie con la tua stagione solitaria.

“Prendi la tua solitudine e dì: ‘Non mi piace come ci si sente, ma lo vedrò come un suggerimento di Dio di apportare alcune modifiche”, dice Brownback. “Che si tratti di un isolamento del tuo fare o di una situazione in cui Dio ti ha messo, può usarlo.”

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Il peccato mortale: quello che devi sapere e perchè non trascurarlo

Il peccato mortale: quello che devi sapere e perchè non trascurarlo