Meditazione del giorno

Meditazione del giorno: un potente contrasto

Un potente contrasto: uno dei motivi per cui questa storia è così potente è a causa del chiaro contrasto descrittivo tra il ricco e Lazzaro. Il contrasto non si vede solo nel passaggio sopra, ma anche nel risultato finale di ciascuna delle loro vite.

Gesù disse ai farisei: “C’era un uomo ricco che indossava vesti di porpora e lino fino e ogni giorno pranzava sontuosamente. E giaceva alla sua porta un povero di nome Lazzaro, coperto di piaghe, che avrebbe mangiato volentieri a sazietà gli avanzi caduti dalla tavola del ricco. I cani venivano persino a leccare le sue piaghe. ” Luca 16: 19–21

Nel primo contrasto, la vita del ricco sembra molto più desiderabile, almeno in superficie. È ricco, ha una casa in cui vivere, si veste con abiti raffinati e mangia sontuosamente ogni giorno. Lazzaro invece è povero, non ha casa, non ha cibo, è coperto di piaghe e sopporta anche l’umiliazione dei cani che gli leccano le ferite. Quale di queste persone preferiresti essere?

Prima di rispondere a questa domanda, considera il secondo contrasto. Quando entrambi muoiono, sperimentano destini eterni molto diversi. Quando il povero uomo morì, fu “portato via dagli angeli”. E quando il ricco morì, andò negli inferi, dove c’erano continui tormenti. Quindi di nuovo, quale di queste persone preferiresti essere?

Una delle realtà più seducenti e ingannevoli della vita è il richiamo delle ricchezze, del lusso e delle cose belle della vita. Sebbene il mondo materiale non sia cattivo in sé e per sé, c’è una grande tentazione che lo accompagna. In effetti, è chiaro da questa storia e dai molti altri insegnamenti di Gesù su questo argomento che il richiamo delle ricchezze e il suo effetto sull’anima non possono essere ignorati. Coloro che sono ricchi delle cose di questo mondo sono spesso tentati di vivere per se stessi piuttosto che per gli altri. Quando si hanno tutti i comfort che questo mondo ha da offrire, è facile semplicemente godersi quei comfort senza preoccuparsi per gli altri. E questo è chiaramente il tacito contrasto tra questi due uomini.

Sebbene povero, è chiaro che Lazzaro è ricco delle cose che contano nella vita. Ciò è dimostrato dalla Sua eterna ricompensa. È chiaro che nella sua povertà materiale, era ricco di carità. L’uomo che era ricco delle cose di questo mondo era chiaramente povero di carità e, quindi, dopo aver perso la vita fisica, non aveva nulla da portare con sé. Nessun merito eterno. Nessuna carità. Niente.

Un potente contrasto: preghiera

Rifletti, oggi, su ciò che desideri nella vita. Troppo spesso, gli inganni della ricchezza materiale e dei beni terreni dominano i nostri desideri. In effetti, anche chi ha poco può facilmente consumarsi con questi desideri malsani. Cerca, invece, di desiderare solo ciò che è eterno. Desiderio amore di Dio e amore del prossimo. Rendi questo il tuo unico obiettivo nella vita e anche tu sarai portato via dagli angeli quando la tua vita sarà completata.

Mio Signore delle vere ricchezze, hai scelto di essere povero in questo mondo come segno per noi che le vere ricchezze non vengono dalla ricchezza materiale ma dall’amore. Aiutami ad amarti, mio ​​Dio, con tutto il mio essere e ad amare gli altri come li ami tu. Possa io essere abbastanza saggio da fare delle ricchezze spirituali il mio unico obiettivo nella vita in modo che queste ricchezze siano godute per tutta l’eternità. Gesù io credo in te.

Senso di colpa: cos'è e come liberarsene?

Senso di colpa: cos'è e come liberarsene?

Meditazione di oggi: gli attacchi del maligno

Meditazione di oggi: gli attacchi del maligno

Meditazione di oggi: la grandezza di San Giuseppe

Meditazione di oggi: la grandezza di San Giuseppe

Vocazione religiosa: che cos'è e come si riconosce?

Vocazione religiosa: che cos'è e come si riconosce?

Rifletti, oggi, sulle lodi che dai e ricevi

Rifletti, oggi, sulle lodi che dai e ricevi

Lo stupore della fede, meditazione di oggi

Lo stupore della fede, meditazione di oggi

Meditazione di oggi: non trattenere niente

Meditazione di oggi: non trattenere niente