Meditazione di oggi: perdonare di cuore

Perdonare di cuore: Pietro si avvicinò a Gesù e gli chiese: “Signore, se mio fratello pecca contro di me, quante volte devo perdonarlo? Fino a sette volte? ” Gesù rispose: “Io vi dico, non sette volte ma settantasette volte. Matteo 18: 21–22

Il perdono di un altro è difficile. È molto più facile rimanere arrabbiati. Questa riga sopra citata è l’introduzione alla parabola del servo spietato. In quella parabola, Gesù chiarisce che se vogliamo ricevere il perdono da Dio, dobbiamo perdonare gli altri. Se neghiamo il perdono, possiamo essere certi che Dio ce lo negherà.

Pietro potrebbe aver pensato di essere stato piuttosto generoso nella sua domanda a Gesù. Chiaramente Pietro aveva preso in considerazione gli insegnamenti di Gesù sul perdono ed era pronto a fare il passo successivo nell’offrire quel perdono liberamente. Ma la risposta di Gesù a Pietro rende chiaro che il concetto di perdono di Pietro era molto impallidito rispetto al perdono richiesto dal nostro Signore.

La parabola raccontata poi da Gesù ci presenta un uomo a cui è stato condonato un enorme debito. Successivamente, quando quell’uomo incontrò una persona che gli doveva un piccolo debito, non offrì lo stesso perdono che gli era stato dato. Di conseguenza, il padrone di quell’uomo a cui è stato condonato l’enorme debito si scandalizza e richiede ancora una volta il pagamento completo del debito. E poi Gesù conclude la parabola con un’affermazione scioccante. Dice: “Poi con rabbia il suo padrone lo ha consegnato ai torturatori finché non avesse ripagato l’intero debito. Così farà per voi il mio Padre celeste, a meno che ciascuno di voi non perdoni vostro fratello di cuore “.

Nota che il perdono che Dio si aspetta che offriamo agli altri è quello che viene dal cuore. E nota che la mancanza di perdono da parte nostra si tradurrà in noi essere consegnati “ai torturatori”. Queste sono parole serie. Per “torturatori”, dovremmo capire che il peccato di non perdonare un altro porta con sé molto dolore interiore. Quando ci aggrappiamo alla rabbia, questo atto ci “tortura” in un certo modo. Il peccato ha sempre questo effetto su di noi ed è per il nostro bene. È un modo in cui Dio ci sfida costantemente a cambiare. Quindi, l’unico modo per liberarsi da questa forma interiore di tortura del nostro peccato è vincere quel peccato e, in questo caso, vincere il peccato di rifiutare il perdono.

Rifletti, oggi, sulla chiamata che Dio ti ha dato di perdonare al massimo. Se senti ancora rabbia nel tuo cuore verso un altro, continua a lavorarci sopra. Perdona ancora e ancora. Pregate per quella persona. Astenersi dal giudicarli o dal condannarli. Perdona, perdona, perdona e anche a te sarà data l’abbondante misericordia di Dio.

Perdonare di cuore: preghiera

Mio perdonatore Signore, ti ringrazio per le profondità insondabili della tua misericordia. Ti ringrazio per la tua disponibilità a perdonarmi ancora e ancora. Per favore, dammi un cuore degno di quel perdono aiutandomi a perdonare tutte le persone nella stessa misura in cui mi hai perdonato. Perdono tutti coloro che hanno peccato contro di me, caro Signore. Aiutami a continuare a farlo dal profondo del mio cuore. Gesù io credo in te.

Dio aiuta a superare una fobia o altre paure

Dio aiuta a superare una fobia o altre paure

Testimonianza scoprire cosa dice lo Spirito

Testimonianza scoprire cosa dice lo Spirito

Senso di colpa: cos'è e come liberarsene?

Senso di colpa: cos'è e come liberarsene?

Meditazione di oggi: gli attacchi del maligno

Meditazione di oggi: gli attacchi del maligno

Meditazione di oggi: la grandezza di San Giuseppe

Meditazione di oggi: la grandezza di San Giuseppe

Vocazione religiosa: che cos'è e come si riconosce?

Vocazione religiosa: che cos'è e come si riconosce?

Meditazione di oggi: Un riassunto di tutto il Vangelo

Meditazione di oggi: Un riassunto di tutto il Vangelo