Medjugorje, la Madonna ti dice “Io sono bella perché amo. Se volete essere belli, amate”

« Io sono bella perché amo. Se volete essere belli, amate »

Vi spiego un po’ la situazione con i veggenti: tutti e cinque hanno ancora le apparizioni.
Mirjana ha avuto queste apparizioni per il suo compleanno, io ho parlato con Mirjana domenica scorsa 17, il giorno prima del suo compleanno: mi ha detto che a Natale ha avuto una apparizione di mezz’ora, e la Madonna ha detto che le parlerà, ma non la vedrà. Alla fine di febbraio e domenica scorsa mi ha raccontato che la Madonna alle otto di sera le ha parlato forse per venti minuti di nuovo sui segreti, sugli increduli, sugli atei e ha pregato con Mirjana per questa intenzione. E in questo giorno, 28 febbraio, la Madonna le ha promesso di apparirle due volte: il giorno del compleanno e la festa di S. Giuseppe, cioè il giorno dopo. Allora il giorno dopo, mercoledì, le ho telefonato e mi ha detto che ci sono state le apparizioni, ma che non poteva dire di più per telefono Non può dire i dettagli, non può dire ancora queste date. In ogni modo si può dire che Mirjana ha un dovere speciale per gli increduli e la Madonna le dice sempre di pregare, pregare molto per gli atei, per i non credenti.
A Vicka la Madonna racconta ancora la storia della sua vita Vicka scrive tutto ogni sera, ma non si può controllare perché la Madonna ha detto di non mostrarla a nessuno finché non ha finito tutto. Anche a Ivanka la Madonna racconta i problemi della Chiesa, del mondo, ma ancora non può dire niente. Marija, Ivan e Jakov pregano con la Madonna e la Madonna tramite Marija dà i messaggi. Adesso dico qualcosa sulla salute di Vicka: quando le si domanda come sta dice «benissimo». Ma questo si deve capire in questo modo: Vicka è malata, ma porta la sua sofferenza e malattia proprio con un abbandono totale e anche con gioia. E questo è, io credo, un messaggio molto importante per tutti noi. I veggenti hanno la loro sofferenza e la portano; per esempio Vicka non lascia a nessuno dei veggenti di domandare alla Madonna per la sua salute, ma accetta questa sua situazione, è abbandonata. Il vescovo Franic mi ha detto una volta che per lui un grande criterio di questa autenticità delle apparizioni è che i veggenti parlano della loro sofferenza come si parla della salute, perché soltanto il Signore può portare un uomo vicino alla Croce o alla Croce con l’amore, la pazienza e la gioia. Vicka ha una ciste tra il grande e il piccolo cervello e quando cambia il tempo, cade in uno stato non di coma, non so che cos’è, ma in ogni modo è in uno stato di non poter comunicare con nessuno, anche per tre, quattro, dieci ore. Vicka è convinta che tutto questo l’ha dato la Madonna e allora io sono sicuro che Vicka ha accettato dalla Madonna una sofferenza, ma non si sa per quale motivo e lei non lo vuole dire.
La Madonna alla fine di gennaio (31 gennaio) ha detto un messaggio dove ci ha chiamati tutti ad aprirci al Signore come si aprono i fiori in primavera, a desiderare il Signore come i fiori desiderano il sole.
Il 21 febbraio ha detto: «Cari figli, di giorno in giorno io vi invito alla preghiera, per rinnovare la vostra vita, ma se voi non volete seguirmi, io non dò più i messaggi. Ma in questa Quaresima potete rinnovarvi. Io vi invito». Questo messaggio era all’inizio della Quaresima.
Io personalmente ho avuto un po’ di paura. Mi sono detto: se la Madonna non parla più, se non dice i messaggi, è una cosa triste. Il giovedì dopo (28 febbraio) ha parlato e ha detto un bel messaggio: « Cari figli, io vi invito a vivere le parole: io amo Dio. Cari figli, con l’amore potete ricevere tutto, anche le cose che vi sembrano impossibili. Il Signore vuole che voi apparteniate a Lui totalmente, ed anch’io. Vi ringrazio perché avete seguito la mia chiamata».
Giovedì 14 marzo, ha detto: «Cari figli voi avete tutti l’esperienza del male e del bene, della luce e delle tenebre nella vostra vita. Il Signore dà il potere e la forza di discernere il male e il bene. Io vi invito alla luce che dovete portare a tutti gli uomini che si trovano nelle tenebre. Di giorno in giorno vengono da voi molti uomini che sono nelle tenebre. Cari figli, date loro la luce».
Ieri (21 marzo) ha detto questo messaggio: «Io vi darò i messaggi anche andando avanti e perciò, per questa ragione vi invito: accettate, vivete i messaggi. Cari figli, io vi amo. Questa Parrocchia che ho scelto in un modo speciale mi è molto cara, più cara che tutti gli altri luoghi dove sono apparsa o dove il Signore mi ha mandata. Allora ascoltate, accettate i messaggi. Di nuovo vi ringrazio perché avete sentito la mia chiamata».
Così parla la Madonna, piccoli messaggi, come impulsi e questi messaggi sono sempre come una educazione. La Madonna vuole educarci e parla ogni giovedì. Parla ai veggenti ogni sera, ma per noi non c’è niente di speciale per quanto riguarda le parole. Ogni apparizione è un messaggio grande cioè: « Io sono con voi». Quando si lascia vedere dai veggenti il messaggio per noi è: «sono con voi».
Una volta è venuto un gruppo, non so di quale città; c’erano circa venticinque bambini. Ho invitato Marija per parlare un po’ con loro e ho detto agli adulti: «Voi dovete tacere, i piccoli possono fare le domande ». Erano domande molto interessanti. Un bambino domandava: «Viene la Madonna quando piove? ». Marija ha detto: « Sì, sì, viene». «Allora viene bagnata quando piove?». Marija ha riso naturalmente e ha detto: « No, no ». E io ho detto: « La Madonna non viene solo quando c’è il sole nella nostra anima, ma anche quando piove, anche quando abbiamo delle difficoltà. Siamo noi che qualche volta veniamo solo quando non piove. La Madonna è sempre con noi. Non aspettate la pioggia, ma siate sempre con la Madonna ».
Ogni volta che appare la Madonna succede il messaggio. E questa è una ragione si può dire teologica, pedagogico-educativa.
Perché tanti si sentono un po’ disturbati? Come mai da tanto tempo appare la Madonna? Io dico che non avrei mai osato desiderare una situazione come questa. Impossibile. E dopodomani sono quarantacinque mesi da quando i veggenti dicono: « Noi abbiamo visto la Madonna».
Il più della gente crede, accetta. Solo alcuni dicono che sono allucinazioni. Dopo dicono che forse è un’altra malattia, ma non vogliono vedere questa cosa, non possono vedere tutte queste cose che succedono. E i veggenti hanno sopportato tante situazioni difficili. E dicono sempre: « Noi siamo con la Madonna, noi vediamo la Madonna». Quando qualcuno si domanda come mai così a lungo? Io dico che non so. Ma sono sicuro che la cosa succede.
Forse avete sentito che i medici della Francia con Laurentin alla fine di dicembre hanno fatto ancora degli esperimenti, per esempio, sugli occhi e si può dire che è assolutamente impossibile manipolazione, allucinazione o suggestione. La reazione avviene a un quinto di secondo e ciò non si può spiegare se non si accetta questa situazione come la spiegano i veggenti: « Quando cominciamo a pregare vediamo la luce e ci inginocchiamo ». Io dico che la scienza è trascesa, non può dire niente; può dire che per noi è inspiegabile. E, dopo, la fede deve cercare la risposta. Sempre si deve fare il salto della fede. Io ho parlato con un tedesco che mi ha detto: « Io non sono venuto a vedere qualcosa e non mi interessa quello che succede con i veggenti. Per me, solo il fatto che è possibile una cosa così mi ha preso tanto; io vivo un’altra vita».
Un mese fa la Madonna è apparsa alla piccola Jelena che le ha chiesto: « Madonna mia, perché sei così bella? ». E la risposta è stata: «Io sono bella perché amo. Se volete diventare belli, amate e non avrete tanto bisogno dello specchio ». Allora la Madonna parla al livello della bambina.

Viene ucciso 19enne per difendere la mamma

Viene ucciso 19enne per difendere la mamma

Perché la messa domenicale è un obbligo

Perché la messa domenicale è un obbligo

Lettera alla Madonna per il mese di Maggio

Lettera alla Madonna per il mese di Maggio

Ragazza violentata : il papà la condanna “Mia figlia era ubriaca”

Ragazza violentata : il papà la condanna “Mia figlia era ubriaca”

Peccato originale un interpretazione moderna

Peccato originale un interpretazione moderna

Elena Gioia ha ucciso il padre con sette coltellate

Elena Gioia ha ucciso il padre con sette coltellate

Aldo Moro il santo della politica

Aldo Moro il santo della politica