Migliorano le condizioni della salute del cardinale Bassetti positivo al covid

Il cardinale italiano Gualtiero Bassetti ha mostrato un leggero miglioramento nella sua lotta contro il COVID-19 nonostante abbia preso una brutta piega all’inizio di questa settimana e, sebbene le sue condizioni rimangano gravi, è stato trasferito da un’unità di terapia intensiva.

Secondo una dichiarazione del 13 novembre dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia dove è in cura, lo stato clinico generale di Bassetti è “leggermente migliorato”.

I suoi “parametri respiratori e cardiocircolatori” sono stabili e, secondo l’agenzia di stampa italiana SIR, organo di informazione ufficiale dei vescovi italiani, ora è stato spostato fuori dalla terapia intensiva e di nuovo nell’ala di cure urgenti dove si trovava quando era ammesso per la prima volta il 31 ottobre.

Nonostante il piccolo miglioramento, l’ospedale ha affermato che il suo piano di trattamento è “invariato” e sta ricevendo “ossigenoterapia continua”.

A fine ottobre Bassetti, arcivescovo di Perugia e presidente della Conferenza episcopale italiana, è risultato positivo al coronavirus ed è stato ricoverato a Santa Maria della Merc, dove gli è stata diagnosticata una polmonite bilaterale e conseguente insufficienza respiratoria correlata al COVID-19.

Il 3 novembre è stato trasferito in terapia intensiva, dove all’inizio di questa settimana, il 10 novembre, ha subito un “peggioramento generale” delle sue condizioni.

Il suo miglioramento è stato accolto con sollievo dal suo vescovo ausiliare di Perugia, Marco Salvi, anch’egli affetto da COVID-19, ma asintomatico.

In una dichiarazione del 13 novembre, Salvi ha detto di aver ricevuto la notizia che Bassetti sta lasciando l’ICU “con soddisfazione”, definendolo un aggiornamento “confortante”.

Tuttavia, Salvi ha osservato che mentre le condizioni di Basseti sono migliorate, “il suo quadro clinico rimane serio e il cardinale necessita di un monitoraggio costante e di cure adeguate”.

“Per questo è necessario continuare a pregare incessantemente per il nostro parroco, per tutti i malati e per gli operatori sanitari che si prendono cura di loro. A questi va il nostro sentito ringraziamento e apprezzamento per ciò che fanno ogni giorno per alleviare le sofferenze di così tanti pazienti “.

Martedì, dopo aver ricevuto la notizia che le condizioni di Basseti all’epoca erano peggiori, Papa Francesco ha fatto una chiamata personale a Salvi per avere un aggiornamento sulla salute di Basseti e per assicurare le sue preghiere.

In Italia cresce la preoccupazione che un secondo blocco nazionale sia inevitabile poiché i numeri del coronavirus continuano a crescere. Venerdì, le regioni Campania e Toscana sono state aggiunte alla crescente lista di “ zone rosse ” dell’Italia mentre i casi di coronavirus nel paese aumentano.

Le regioni sono state suddivise in tre zone: rossa per il rischio più elevato, quindi arancione e gialla, con restrizioni che aumentano di gravità quanto più le regioni si avvicinano al rosso. Altre regioni attualmente denominate “zone rosse” sono Lombardia, Bolzano, Piemonte, Valle d’Aosta e Calabria.

A partire da venerdì, l’Italia ha registrato 40.902 nuove infezioni – il totale giornaliero più alto mai registrato – e 550 nuovi decessi. Il paese ora ha avuto oltre un milione di casi totali di COVID-19 e più di 44.000 decessi totali dall’inizio dell’epidemia la scorsa primavera.

Bassetti, un fidato incaricato da Francesco, è uno dei tanti cardinali a cui è stato diagnosticato il coronavirus da quando è scoppiato per la prima volta l’anno scorso.

Altri includono il cardinale italiano Angelo De Donatis, vicario di Roma, che è guarito; Il Cardinale Philippe Ouédraogo, Arcivescovo di Ouagadougou, Burkina Faso e presidente del Simposio delle Conferenze Episcopali d’Africa e Madagascar (SECAM), che si è ripreso; e il cardinale Luis Antonio Tagle, capo della Congregazione vaticana per l’evangelizzazione dei popoli, che era asintomatico.

Come Salvi, anche l’arcivescovo Mario Delpini di Milano è risultato positivo ma è asintomatico ed è attualmente in quarantena

Papa Francesco predica la tolleranza in visita a Ur in Iraq

Papa Francesco predica la tolleranza in visita a Ur in Iraq

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio