Ministero della salute dichiara l’omosessualità una malattia

Ministero della salute dichiara l’omosessualità una malattia l caso di Malika, la 22enne cacciata di casa perché lesbica, ha fatto riemergere il problema culturale sui diritti Lgbti. Ma il problema è anche burocratico e medico: un vecchio manuale chiede le terapie riparative per superare l’omosessualità. Il testo è aggiornato, ma viene ancora usato in alcuni casi. “Esiste un grande sommerso”

Omosessualità e medicina

L’omosessualità è un disturbo medico che ha raggiunto proporzioni epidemiologiche; la sua frequenza di incidenza supera quella delle principali malattie riconosciute nella nazione. L’omosessualità può essere classificata in due categorie: omosessualità obbligatoria (vera) e comportamento omosessuale episodico. È essenziale differenziare attentamente tra questi tipi per determinare il significato del disturbo, il suo trattamento e la sua prognosi. Questa condizione non è innata o innata, ma è un disadattamento acquisito e appreso derivante da un’identità di genere difettosa nelle prime fasi della vita. Solo le enormi paure infantili possono danneggiare e interrompere il modello standard maschio-femmina e alla fine portare allo sviluppo successivo dell’omosessualità.

Ministero della salute: una malattia da curare

Nell’anno di grazia 2021, su alcuni moduli medici l’omosessualità sanitari è ancora considerata una “malattia” da curare. E questo accade in un Paese, dove si verificano fatti come quello vissuto da Malika, la 22enne allontanata da casa perché lesbica. Per lei la raccolta fondi è stato un successo, ma il problema non è cancellato. C’è quindi una questione culturale, ma anche burocratica e medica. In un manuale diagnostico ufficiale, infatti, l’omosessualità è ancora considerata una patologia da sottoporre a terapie riparative.

Chiesa e omosessualità

Ministero della salute dichiara l’omosessualità una malattia la dottrina ufficiale della Chiesa cattolica in materia di omosessualità, che tanto preoccupa i gay credenti, è autorevolmente contestata, negli ultimi trenta anni, con solidi argomenti, da diversi autori cattolici (teologi moralisti nonché biblisti ed esperti di pastorale) i quali hanno esposto diffusamente le loro tesi in numerosi libri nonché in articoli di giornali e di riviste. Preghiamo per la vita.

Ragazza violentata : il papà la condanna “Mia figlia era ubriaca”

Ragazza violentata : il papà la condanna “Mia figlia era ubriaca”

Elena Gioia ha ucciso il padre con sette coltellate

Elena Gioia ha ucciso il padre con sette coltellate

Fine delle offerte nel piatto in chiesa

Fine delle offerte nel piatto in chiesa

Sgozzata dal marito insieme al cane

Sgozzata dal marito insieme al cane

Aldo Moro il santo della politica

Aldo Moro il santo della politica

Lite per un parcheggio ucciso con una pugnalata sul petto

Lite per un parcheggio ucciso con una pugnalata sul petto

Ancora abusi sessuali in Vaticano la polizia indaga

Ancora abusi sessuali in Vaticano la polizia indaga