Mondo Religione: Che cos’è la grazia santificante?

Grazia è una parola usata per indicare molte cose diverse e molti tipi di grazie, ad esempio grazia reale , grazia santificante e grazia sacramentale . Ognuna di queste grazie ha un ruolo diverso da svolgere nella vita dei cristiani. La grazia effettiva, per esempio, è la grazia che ci spinge ad agire, che ci dà la piccola spinta di cui abbiamo bisogno per fare la cosa giusta, mentre la grazia sacramentale è la grazia propria di ogni sacramento che ci aiuta a ottenere tutti i benefici da ciò sacramento. Ma cos’è la grazia santificante?

La grazia santificante: la vita di Dio nella nostra anima
Come sempre, il catechismo di Baltimora è un modello di concisione, ma in questo caso, la sua definizione di grazia santificante può farci desiderare un po ‘di più. Dopotutto, non dovrebbe tutta la grazia rendere l’anima “santa e gradita a Dio”? In che modo la grazia santificante differisce in questo senso dalla grazia reale e grazia sacramentale?

Santificazione significa “rendere santo”. E niente, ovviamente, è più santo di Dio stesso. Pertanto, quando siamo santificati, siamo resi più simili a Dio. Ma la santificazione è più che diventare come Dio; la grazia è, come osserva il Catechismo della Chiesa Cattolica ( par. 1997 ), “una partecipazione alla vita di Dio”. Oppure, per fare un ulteriore passo avanti ( paragrafo 1999 ):

“La grazia di Cristo è il dono gratuito che Dio ci fa della sua stessa vita, infuso dallo Spirito Santo nella nostra anima per guarirlo dal peccato e santificarlo.”
Ecco perché il Catechismo della Chiesa Cattolica (anche nel par. 1999) nota che la grazia santificante ha un altro nome: grazia deificante , o grazia che ci rende simili a Dio . Riceviamo questa grazia nel Sacramento del Battesimo ; è la grazia che ci rende parte del Corpo di Cristo, in grado di ricevere le altre grazie che Dio offre e di farne uso per vivere una vita santa. Il Sacramento della Cresima perfeziona il Battesimo, aumentando la grazia santificante nella nostra anima . (Talvolta la grazia santificante è anche chiamata la “grazia della giustificazione”, come osserva il Catechismo della Chiesa Cattolica nel paragrafo 1266 ; cioè, è la grazia che rende la nostra anima accettabile per Dio.)

Possiamo perdere la grazia santificante?
Mentre questa “partecipazione alla vita divina”, come p. John Hardon si riferisce alla santificazione della grazia nel suo moderno dizionario cattolico , è un dono gratuito di Dio, noi, avendo il libero arbitrio, siamo anche liberi di rifiutarlo o di rinunciarci. Quando ci impegniamo nel peccato, danneggiamo la vita di Dio nella nostra anima. E quando quel peccato è sufficientemente grave:

“Ciò comporta la perdita della carità e la privazione della grazia santificante” (Catechismo della Chiesa Cattolica, par. 1861 ).
Questo è il motivo per cui la Chiesa si riferisce a peccati così gravi come … cioè peccati che ci privano della vita.

Quando ci impegniamo nel peccato mortale con il pieno consenso della nostra volontà, rifiutiamo la grazia santificante che abbiamo ricevuto nel nostro Battesimo e Cresima. Per ripristinare quella grazia santificante e abbracciare di nuovo la vita di Dio nella nostra anima, dobbiamo fare una Confessione piena, completa e contrita . In questo modo ci riporta allo stato di grazia in cui eravamo dopo il nostro Battesimo.

Articoli correlati